Posts Tagged ‘appunto’

Geroglifico, Pyramidon; Appunto; Rovinata

aprile 1, 2020

Speciale museo Egizio (visto che non ci posso andare)

Geroġlìfico
Dal latino tardo hieroglyphicus, greco hieroglyphika nella locuzione hieroglyphika grammata ‘lettere sacre incise’; composto di hiero ‘sacro’ e glypho ‘incidere’
Anche, antico, ieroġlìfico.
Sostantivo maschile.
1. Ciascuno dei segni della scrittura degli antichi Egiziani, che consistevano in immagini schematiche di oggetti reali, e il cui numero aumentò da circa 700 nel periodo classico ad alcune migliaia nel periodo tardo; ritenuti, dai tempi degli antichi Greci in poi, di esclusivo significato allegorico e simbolico, furono compresi nel loro vero valore, ideografico e fonetico insieme, soltanto nella prima metà del secolo XIX: alcuni geroglifici indicavano, allo stesso tempo, gli oggetti di cui costituivano una schematizzazione e i loro nomi, mentre altri rappresentavano direttamente una o più consonanti all’interno di una parola.
2. (estensione) Emblema, simbolo, raffigurazione simbolica di una realtà: nel piano più illuminato di tutti, perché vi si espongono i geroglifici, significanti le cose umane più conosciute, … l’ingegnoso pittore fa comparire un fascio romano, una spada ed una borsa appoggiate al fascio, una bilancia e ’l caduceo di Mercurio (Vico).
(figurato) Segno, scrittura difficile a leggersi o a interpretarsi, scarabocchio: chi li capisce questi suoi geroglifici?; la parete era piena di geroglifici strani.
(non comune) Linguaggio, discorso o altra forma di espressione oscuro e incomprensibile: mi rimangono ancora misteriori i suoi geroglifici; parlare in geroglifico.

Aggettivo.
Costituito da geroglifici: la scrittura geroglifica; segni, caratteri geroglifici.

Una (parola) giapponese a Roma

Pyramidon [pi’ramidon]
Termine derivante dal greco che sta ad indicare la cuspide di una piramide o di un obelisco. Il pyramidon era generalmente costituito da un blocco di pietra dura con incisioni e iscrizioni raffiguranti il viaggio solare.

L’appunto

Si pronuncia [dZeroglifiko], e non [dZeroLifiko], cioè con la seconda g del gl dura, e non dolce come in aglio. Perché ve lo scrivo? Perché so che qualcuno sbaglia.

La parola rovinata

MULTIMADIA
Moderno armadio da cucina dotato di molteplici scomparti per riporre ordinatamente le diverse vivande.

Di Franco Palazzi.

R- Ammortamento, Ammortare, Ammortizzare; Marchi: Das; Appunto; La sai!

marzo 20, 2020

Newsletter originale del 26/5/2005

Parole a confronto

Ammortaménto
Derivato di ammortare.
Sostantivo maschile.
1. Estinzione rateale di un debito: ammortamento di un prestito; l’ammortamento del debito pubblico.
2. (economia) Procedimento contabile mediante il quale un’impresa fa concorrere il costo originario di un bene capitale, la cui vita utile sia superiore a un anno, alla determinazione dei costi di esercizio: quote di ammortamento; fondo di ammortamento.
3. Ammortamento di un titolo di credito: (diritto) dichiarazione di annullamento dell’efficacia di un titolo di credito all’ordine o nominativo in caso di smarrimento, sottrazione o distruzione del titolo stesso.

Ammortàre
Derivato di morte, col prefisso a- "avvicinamento, direzione, addizione".
Verbo transitivo [io ammòrto ecc.].
1. Eseguire un ammortamento.
2. (antico) Uccidere.
(figurato) Indebolire, spegnere, smorzare: ‘l presente rio, / che sovra sé tutte fiammelle ammorta (Dante).

Ammortizzàre
Dal francese amortir.
Verbo transitivo.
1. Ammortare: ammortizzare un debito.
2. Attutire urti o vibrazioni mediante ammortizzatore.

Ammortizzatòre sociàle
Locuzione sostantivale maschile.
(economia, politica) L’insieme dei provvedimenti, come la cassa integrazione, il prepensionamento ecc., che vengono utilizzati per sostenere i lavoratori in caso di crisi occupazionale.

Marchi, non parole

Das
Dal nome dell’inventore Dario Sala.
Sostantivo maschile invariabile.
Marchio registrato, creta che indurisce senza bisogno di cottura, utilizzata come gioco per bambini.

L’appunto

È corretto dire sia ammortare che ammortizzare.

La sai l’ultima!

– Dobbiamo comprare un regalo per Pino: domani è il suo compleanno. Hai qualche idea?
– Ma, potremmo prendergli un libro.
– Un libro? Ma se ne ha già uno.

La redazione impone con un atto di forza questa discussa barzelletta.

R- Pelvi, Pielo-, Coke; Marchi: Flit; Appunto; Perle

febbraio 21, 2020

Newsletter originale del 30/4/2005

Parole a confronto

Pèlvi
Dal latino pìlvi(m) ‘conca, bacino’, di origine indeuropea.
Sostantivo femminile invariabile.
(anatomia) L’insieme delle ossa che formano lo scheletro del bacino.
La pelvi renale: formazione imbutiforme del rene in cui si raccoglie l’orina prodotta dai glomeruli; bacinetto.

Pielo-
Dal greco pyelos ‘bacino’.
Primo elemento di parole composte della terminologia medica formate modernamente, significa ‘bacinetto, pelvi renale’ (pielografia, pielonefrite).

Una (parola) giapponese a Roma

Coke [‘k@k]
Voce inglese; etimo incerto.
Sostantivo maschile invariabile.
Carbone poroso ottenuto come residuo dalla distillazione secca del carbon fossile mediante un procedimento detto cokefazione; è usato nell’industria metallurgica e come combustibile.
Coke da gas: usato per ottenere gas illuminante.
Coke di petrolio: residuo carbonioso ottenuto da oli minerali per scissione termica.
Usato anche come aggettivo: carbone coke.

Marchi, non parole

Flit
Voce inglese, derivato di fly-tox ‘tossico per le mosche’; in origine era il nome commerciale di un particolare insetticida.
Sostantivo maschile invariabile.
Nome generico di qualsiasi insetticida liquido di uso domestico utilizzato per nebulizzazione.

Marco Marcon continua imperterrito.

L’appunto

Si dice la pelvi, al singolare, e le pelvi, al plurale.

Perle dai porci

"Non è il momento di tirare i freni in barca!"
Un tale Meda, telecronista su Italia1, durante una gara motociclistica.
Fornita da Marina Geymonat.

R- Mattaccino, Teletext; Marchi: Televideo; Appunto: Sfidante; Perle

febbraio 20, 2020

Newsletter originale del 29/4/2005

Mattaccìno
Dallo spagnolo matachín ‘giocoliere’; nel secondo significato dal nome che Annibal Caro (1507-1566) diede a dieci sonetti da lui composti.
Sostantivo maschile [femminile mattaccina]
1. (antico, regionale) Saltimbanco, pagliaccio.
2. (raro) Sonetto di carattere burlesco.

Aggettivo.
(non comune) Burlone.

Una (parola) giapponese a Roma

Teletèxt
Composto di tele- e l’inglese text ‘testo’.
Sostantivo maschile invariabile.
Qualunque sistema telematico interattivo che usa il televisore come periferica di uscita di informazioni trasmesse via etere: televideo è un sistema di teletext.

Marchi, non parole

Televìdeo
Composto di tele(text) e video.
Sostantivo maschile invariabile.
Marchio registrato. Denominazione del sistema teletext italiano gestito dalla RAI.

Udite udite, con questo marchio abbiamo raggiunto quota 100, e non è ancora finita.

Marco Marcon 46
Mauro Cociglio 21
Piero Fabbri 16
Mauro Palma 8
Paola Cinato 4
Alessandro Rigallo 2
Paolo Campia 2
Massimo Chiappone 1

L’appunto

Sfidànte
Participio presente di sfidare.
Aggettivo e sostantivo maschile e femminile.
Che, chi sfida a duello o a una prova sportiva: la squadra, il pugile sfidante.

Sfidàre
Verbo transitivo.
1. Invitare un avversario a battersi in duello o a misurarsi in una gara sportiva.
2. (estensione) Invitare qualcuno a fare qualcosa che si pensa sia impossibile: vi sfido a dimostrarmi il contrario.
Sfido!, sfido io!, sfido che…!: (famigliare) per sottolineare che una cosa è ovvia, inevitabile, e non poteva andare diversamente: sfido io che ti hanno bocciato all’esame di guida!
3. (figurato) Affrontare con audacia una forza avversa, un pericolo: sfidare il mare in tempesta.
4. (antico) Scoraggiare, far perdere la fiducia.

Perle dai porci

"Questo rende la sfida più sfidante."
Al congresso di una nota azienda di telecomunicazioni.

R- Lavina, Slavina, In antis; Marchi: Frisbee; Appunto; Perle

gennaio 13, 2020

Newsletter originale del 22/3/2005

Parole a confronto

Lavìna
Latino tardo labina(m), derivato di labi ‘cadere, scivolare’.
Sostantivo femminile.
Slavina.

Slavìna
Voce di origine veneta; composto di s- e lavina.
Sostantivo femminile.
Frana di neve polverosa che scivola da un pendio montano, per lo più durante il disgelo primaverile.

Una (parola) giapponese a Roma

In antis [i’nantis]
Locuzione latina; propriamente ‘che poggia su (in) pilastri (antis)’.
Locuzione aggettivale invariabile.
(archeologia) Si dice di tempio arcaico greco con portico che presenta sulla facciata due colonne centrali e due pilastri angolari.

Marchi, non parole

Frisbee [‘frizbi]
Voce inglese, dal nome dell’inventore, lo statunitense J. P. Frisbie.
Sostantivo maschile invariabile.
Marchio registrato, disco di plastica con cui si gioca lanciandolo e afferrandolo al volo con le mani; il gioco stesso: giocare a frisbee.

Frisbee, a sua volta un uomo, ora è anche un marchio proposto da Marco Marcon.

L’appunto

Si dice io bóllo, e non io bollìsco.

Perle dai porci

"L’importante è avere un’ancora di salvezza."

Ebbene sì, l’ha detta il vostro beneamato curatore, che si autodenuncia.