Posts Tagged ‘accento’

R- Prodromo, Norna; Marchi: Vibram; Accento

ottobre 11, 2019

Pròdromo
Dal latino prodromu(m), che è dal greco pródromos ‘colui che corre avanti; precursore’, composto di pro- e -dromos, da dramêin ‘correre’.
Sostantivo maschile.
1. Circostanza, fatto, indizio che precede e annuncia il manifestarsi di un altro fatto o fenomeno, generalmente portatore di complicazioni, noie, difficoltà e simili: la questione della lingua fu il p. della questione politica (Carducci); spesso al plurale: i prodromi della rivoluzione, della guerra, di una crisi; sui prodromi e manifestazioni del misterioso male se ne sentì di ogni colore (Buzzati).
(medicina) Manifestazione morbosa, per lo più senza carattere di specificità, che precede l’insorgenza dei sintomi caratteristici di una malattia. 2. (letterario) Introduzione a un’opera; scritto che si considera introduttivo a un’opera maggiore o abbozzo di un lavoro definitivo: quest’oda non è che un prodromo d’una cantica lirica intitolata «La Libertà italica» (Foscolo).

Una (parola) giapponese a Roma

Nòrna
Antico nordico norn, dallo svedese dialettale norna, nyrna ‘comunicare segretamente’, di origine onomatopeica.
Sostantivo femminile.
Nella mitologia nordica, ciascuna delle dee che presiedono al destino dell’uomo e pongono termine alla sua vita.

Marchi, non parole

Vìbram
Dal nome dello scalatore a cui si deve l’invenzione Vi(tale) Bram(ani), marchio registrato.
Sostantivo maschile invariabile.
Tipo di suola di gomma, usata specialmente per scarponi da montagna, con profonde scanalature che ne aumentano l’aderenza.

Un altro marchio e uomo proposto da Paola Cinato.

Marco Marcon 13
Piero Fabbri 12
Mauro Cociglio 10
Paola Cinato 2
Alessandro Rigallo 2

L’accento, questo sconosciuto

Si dice pròdromo, e non prodròmo.

Annunci

R- Intradosso, Clacson; Marchi: Pentotal; Accento

ottobre 3, 2019

Intradòsso
Composto di intra- e dosso, secondo il francese intrados.
Sostantivo maschile.
1. (architettura) La superficie interna, concava, di un arco o di una volta.
La superficie interna, generalmente strombata, del vano di una finestra o di una porta.
2. (aeronautica) La parte inferiore di un profilo alare o di un’ala, dal bordo d’attacco al bordo d’uscita.

Una (parola) giapponese a Roma

Clàcson
Adattamento italiano dell’inglese klaxon, in origine marchio di fabbrica.
Anche claxon.
Sostantivo maschile invariabile.
Negli autoveicoli e motoveicoli, apparecchio che produce segnali acustici necessari alla sicurezza della circolazione stradale.

Marchi, non parole

Pentotàl
Marchio registrato.
Anche pentothal.
Sostantivo maschile invariabile.
(farmaceutica) Anestetico generale derivato dall’acido tiobarbiturico; è usato per via endovenosa.

Pentotal e clacson sono di Marchio Marchion.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice pentotàl, e non pèntotal.

R- Trefolo, Refe, Apeiron; Marchi: Vinavil; Accento

settembre 19, 2019

Tréfolo
Latino trifidu(m) ‘spartito in tre’, composto di trìs ‘tre’ e un derivato di findere ‘dividere’. Sostantivo maschile.
1. (meccanica) Nei cavi d’acciaio, ciascuna delle funi elementari ottenute avvolgendo a spirale un certo numero di fili.
2. Filo di refe, di cotone o di altro materiale, avvolto disordinatamente.

Réfe
Etimo incerto.
Sostantivo maschile.
Filo molto robusto costituito da fibre vegetali (canapa, lino, iuta ecc.) e ottenuto per ritorcitura di due o più filati semplici.

Una (parola) giapponese a Roma

Àpeiron
Dal greco ápeiron ‘illimitato, indefinito’.
Sostantivo maschile invariabile.
Nella filosofia di Anassimandro, materia, sostanza originaria, eterna e infinita, dalla quale si generano tutte le cose.

Marchi, non parole

Vinavìl
Nome commerciale e marchio registrato.
Tipo di colla sintetica a base di acetato di polivinile, molto adesiva, usata soprattutto per carta, legno e materie plastiche.

Vinavil è di Mauro Cociglio.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice vinavìl, e non vìnavil.

R- Titubante; Marchi: Vespa; Accento; Perle; Ribollite

settembre 16, 2019

Titubàre
Dal latino titubare ‘vacillare’, poi ‘essere incerto’.
Verbo intransitivo [io tìtubo ecc.; ausiliare avere].
1. (raro) Vacillare, oscillare.
2. (figurato) Essere, mostrarsi incerto, dubbioso; esitare a prendere una decisione: titubare nel fare qualcosa.

Titubànte
Participio presente di titubare.
Aggettivo.
Che si mostra incerto; che esita nel prendere una decisione: una persona sempre titubante.

Marchi, non parole

Vèspa
Da vespa, l’insetto, per le piccole dimensioni, la velocità e il ronzio del motore.
Sostantivo femminile.
Motociclo carenato di fabbricazione italiana, di piccola cilindrata, con motore decentrato montato su scocca portante e con ruote di piccolo diametro.
Ora, qualsiasi motociclo con queste caratteristiche.

Vespa è di Mauro Cociglio.

A voi la classifica.
Piero Fabbri 8
Mauro Cociglio 5
Marco Marcon 7
Alessandro Rigallo 2

L’accento, questo sconosciuto

Si dice io tìtubo, e non io titùbo.

Perle dai porci

"Beh, poi tra il dire e il fare certe cose è tutto un altro andare di corpo, ho avuto certe esperienze in passato!"

Perla proposta da Paola Cinato.

Storie ribollite

La decima storia ribollita proposta dal nostro ottimo Piero Fabbri si conclude con tre punti assegnati all’autore e due punti al segugio Mauro Cociglio, l’unico che abbia indovinato la soluzione.
La classifica ad oggi:
Piero Fabbri 18
Mauro Cociglio 13
chinalski 10
Marco Marcon 5
Giovanni Fracasso 4
Berilio Luzchech 1

Berilio Luzchech si cimenta con una storia fornendoci l’undicesimo contributo.

Undicesima storia ribollita, di Berilio Luzcech

La ricetta del giorno: il minestrone.
Cucinare il minestrone è molto facile, si tratta di far bollire insieme tutte le verdure che vi piacciono, quante più ce ne sono meglio è.
Se non avete tempo per fare la spesa vanno benissimo anche i preparati surgelati che si trovano nei supermercati. In questo caso però c’è un problema: spesso le ditte che preparano i surgelati mettono qualche OGM insieme alle verdure genuine coll’intento di migliorare il sapore prodotto e ignorando il fatto che alla lunga gli OGM possono essere nocivi.
Sarà dunque compito vostro separare i prodotti genuini dagli OGM e buttare questi ultimi nella spazzatura. Attenzione però: non assaggiate gli OGM, potrebbero piacervi a tal punto da non desiderare altro!

R- Bellimbusto, Gigolo; Marchi: Teflon, Sottiletta; Accento; Yokopoko

settembre 9, 2019

Bellimbùsto
Composto di bello e busto.
Sostantivo maschile [plurale bellimbusti o, raramente, beglimbusti].
Uomo galante e di eleganza ricercata, ma fatuo.
Damerino, cascamorto.

Una (parola) giapponese a Roma

Gigolo [dZigO’lo]
Voce francese, propriamente ‘ballerino’, derivato di gigoter ‘sgambettare, ballare’.
Sostantivo maschile invariabile.
Giovane che si fa mantenere da amanti più anziante di lui.
Giovane ben vestito ma di dubbia fama o di modi sospetti.

Marchi, non parole

Tèflon
Anche teflòn.
Da te(tra)fl(uoroetilene) con terminazione di -on sul modello di nylon.
Sostantivo maschile invariabile.
Marchio registrato, nome commerciale del politetrafluoroetilene.

Sottilétta
Derivato di sottile.
Marchio registrato, formaggio fuso preparato sotto forma di fette sottili quadrangolari.

Teflon e sottiletta sono dei marchi Marcon (battute come se piovesse sul nome del nostro campione).

L’accento, questo sconosciuto

Si può dire sia tèflon che teflòn.

Yokopoko Mayoko

Il signor Enrico Carità è il responsabile del programma di solidarietà Banco Alimentare che assiste i bisognosi di cibo.
Un Yokopoko di Giovanna Giordano.