Posts Tagged ‘retorica’

R- Copioso, Cornucoia, Copia; Marchi: Walkman; Retorica

settembre 13, 2019

Parole a confronto

Copióso
Dal latino copiosu(m), derivato di copia ‘abbondanza’.
Aggettivo (letterario).
1. Che è in grande quantità; abbondante: raccolto copioso.
2. Che ha grande abbondanza di qualcosa; che è ricco, molto dotato: regione copiosissima di ferro (Cattaneo).
3. Eloquente; sovrabbondante, prolisso: fecondi e copiosi scrittori (Carducci).

Cornucòpia
Dalla locuzione latina cornu Copiae ‘corno della dea Abbondanza’.
Sostantivo femminile.
Vaso a forma di corno pieno di frutti e di fiori, che nella mitologia greco-romana era simbolo di abbondanza e prosperità.

Còpia
Dal latino copia(m) ‘abbondanza’, derivato di ops opis ‘ricchezza’.
Sostantivo femminile [solo singolare].
1. (letterario) Grande quantità, abbondanza: vennero servitori, con gran copia di rinfreschi (Manzoni).
2. (antico) Facoltà, opportunità, occasione: avendo copia di vedere assai spesso la sua donna (Boccaccio).
Avere copia di qualcuno, poterne disporre.
Fare copia di qualcosa, concederne l’uso.

Còpia
Da copia, perché la riproduzione ingenera abbondanza.
Sostantivo femminile.
1. Riproduzione, trascrizione esatta di uno scritto, di un documento: copia manoscritta, dattiloscritta; copia autenticata.
Brutta copia: la prima stesura di uno scritto; bella copia, la stesura definitiva.
2. Riproduzione di un’opera presa a modello; per estensione, si dice di persona che assomiglia moltissimo a un’altra: copia di una statua, di un quadro; è la copia esatta di suo fratello.
3. Ciascun esemplare di un libro, di un giornale e simili: una tiratura di diecimila copie.
4. (fotografia) Positiva stampata su carta sensibile.
5. (tecnica) Duplicazione di suoni, immagini, dati su un supporto magnetico: fare la copia di un’audiocassetta, di un dischetto, di un file.

Marchi, non parole

Walkman [‘wOlkmen]
Voce inglese; composto di walk ‘passeggio’ e man ‘uomo’.
Sostantivo maschile invariabile.
Marchio registrato, apparecchio stereofonico portatile per l’ascolto, mediante cuffia, di cassette registrate.

Walkman è Piero Fabbri.

La retorica per tutti

Paronomasìa
Dal latino tardo paronomasia(m), dal greco paronomasía, composto di para- ‘para-‘ e onomasía ‘denominazione’.
Sostantivo femminile.
Figura retorica che consiste nell’accostare parole di suono uguale o assai simile, ma di significato differente (per esempio: il troppo stroppia).

R- Obiurgare, Ostpolitik; Retorica: Obiurgazione

luglio 25, 2019

Obiurgàre
Voce dotta, latino obiurgare ‘rimproverare’, composto di ob ‘di fronte, opposto’ e iurgare ‘altercare’, da ius ‘diritto’.
Verbo transitivo (io obiùrgo, tu obiùrghi).
(letterario) Rimproverare solennemente.

Una (parola) giapponese a Roma

Ostpolitik [‘ostpoli,tik]
Voce tedesca, composta di Ost(en) ‘oriente, est’ e Politik ‘politica’.
Sostantivo maschile invariabile.
Politica avviata alla fine degli anni Sessanta dalla Repubblica Federale Tedesca e poi perseguita anche da altri Paesi occidentali, tendente a migliorare i rapporti con i Paesi comunisti dell’Europa orientale.

La retorica per tutti

Obiurgazióne
Voce dotta, latino obiurgatione(m), da obiurgare ‘obiurgare’.
Sostantivo femminile.
1. (letterario) Atto, effetto dell’obiurgare.
2. Nell’antica retorica, biasimo, invettiva oratoria rivolta a una moltitudine.

R- Baghetta, Baguette; Retorica: Metalepsi

luglio 11, 2019

Baghétta
Francese baguette, dall’italiano bacchetta.
Sostantivo femminile.
Motivo ornamentale laterale sulle calze, che dalla caviglia risale al polpaccio e termina spesso con piccolo motivo a freccia.
Guarnizione laterale, nei guanti.
Sinonimi: freccia, spighetta.

Una (parola) giapponese a Roma

Baguette [ba’get]
Voce francese, propriamente ‘bacchetta’, dall’italiano bacchetta.
Sostantivo femminile invariabile.
1. Baghetta.
2. Brillante tagliato a forma di rettangolo allungato.
Taglio rettangolare allungato del diamante.
3. Filone di pane di notevole lunghezza.

La retorica per tutti

Metalèpsi
Voce dotta, latino metalepsi(n), dal greco metalepsis ‘il prendere parte’, da metalambanein ‘prendere parte’,
composto di metá e lambanein ‘prendere’.
Sostantivo femminile.
(linguistico) Improprietà nell’uso di un sinonimo determinata dal contesto (frequente nei giochi di parole
e, come errore, nei calchi e nelle traduzioni). Ad esempio, viso, che anticamente aveva il doppio significato di ‘vista’ e di ‘faccia’, non può essere sostituito con ‘volto’ quando si trova usato con il primo dei due significati.
Figura retorica consistente nell’operare contemporaneamente più di un trasferimento di significato: Quella donna ha passato molte primavere, dove per primavere si intende stagioni e quindi anni.

R- Rigaglia, Suppli; Retorica: Isterologia

luglio 5, 2019

Rigàglia
Latino regalia ‘cose degne di un re’, da regalis ‘regale’.
Anche, raramente, regàglia.
Sostantivo femminile.
1. (specialmente al plurale) Interiore e cresta di pollo o altro volatile: pasticcio, fettuccine con rigaglie.
2. Cascame di seta, scarto del bozzolo.
3. Rimasuglio, avanzo di nessun valore.
4. Guadagno incerto.

Una (parola) romana da Perilli

Supplì
Voce romana, adattamento del francese surprise ‘sorpresa’ (con allusione al ripieno).
Sostantivo maschile invariabile.
Crocchetta di riso variamente farcita con carne, rigaglie, mozzarella.

La retorica per tutti

Isterologìa
Voce dotta, latino tardo hysterologia(m), dal greco hysterologia, composto di hysteron ‘posteriore’ e logia ‘logia’.
Sostantivo femminile (plurale isterologie).
(linguistica) Figura retorica che consiste nel dire prima quello che si dovrebbe dire dopo.

R- Demiurgo, Cordon bleu; Retorica: Palilogia

luglio 2, 2019

Demiùrgo
Dal latino demiurgu(m), dal greco dìmiourgós, composto di démios ‘pubblico’ e un derivato di érgon ‘lavoro, opera’; propriamente ‘che lavora per il pubblico’, poi ‘artigiano, artefice’.
Sostantivo maschile [plurale demiurghi].
1. Nell’antica Grecia, l’artigiano libero, contrapposto allo schiavo.
2. Nella filosofia platonica, l’artefice divino che ha ordinato (non creato) l’universo.
3. (figurato letterario) Chi con le sue capacità creative e organizzative riesce a dar luogo a una nuova realtà.

Una (parola) giapponese da Perilli

Cordon bleu [kordOn’bl2]
Locuzione francese; propriamente ‘nastro (cordon) azzurro (bleu)’, portato in origine dagli appartenenti all’ordine del Santo Spirito, e dunque ritenuto segno di merito e distinzione.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
1. Cuoca, cuoco di grande maestria.
2. Fettina farcita con prosciutto e formaggio, impanata e fritta.

La retorica per tutti

Palilogìa
Dal greco palilloghía, composto di pálin ‘di nuovo’ e -loghia ‘-logia’.
Sostantivo femminile.
(retorica) Ripetizione, iterazione.