Posts Tagged ‘rocco’

LIOCORNO, NARVALO, GRAND-OPERA; Accento; Appunto; Rocco; Raf

marzo 11, 2010

Parole a confronto

Liocòrno
Dall’antico francese licorne, dal latino unicornis, traduzione del greco monokeros ‘(animale favoloso) ad un solo (mónos) corno (kéras)’.
Sostantivo maschile.
Unicorno.

Unicòrno
Voce dotta, latino tardo unicornu(m), composto di uni- ‘uni-‘ e cornus ‘corno’.
Aggettivo.
(zoologia) Si dice di animale che ha un solo corno: il rinoceronte indiano è unicorno.

Sostantivo maschile.
1. Animale fantastico delle mitologie antiche e nelle credenze medevali, dal corpo di cavallo, con un lungo corno in fronte che, ridotto in polvere, si riteneva avesse virtù curative.
2. (zoologia) Narvalo.

Narvàlo
Dal francese narval, che è dal danese-norvegese narhval, composto di nar ‘corpo’ e hvalr ‘balena’.
Sostantivo maschile.
Grosso mammifero cetaceo dei mari artici, dal corpo tozzo pisciforme lungo fino a 6 metri, giallognolo a macchie scure; ha due soli denti, uno dei quali nel maschio si sviluppa fino a raggiungere i 2 metri di lunghezza, sporgendo orizzontalmente e diritto davanti al capo.

Una (parola) giapponese a Roma

Grand-opéra [grandOpe’ra]
Locuzione francese; propriamente ‘grande opera (lirica)’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
Genere musicale dominante in Francia nel campo dell’opera lirica tra il 1830 e il 1870; fu caratterizzato da coreografie molto elaborate e sfarzo nell’allestimento scenico.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice narvàlo, e non nàrvalo.

L’appunto

Il grand-opéra è maschile, e non femminile.

Rocco Barocco (e i suoi fratelli)

Orde balorde.

Di Marco Marcon.

Chiamatemi Raffaele

Quarto indizio
Ho fatto il furbetto: in realtà quello che vi ho detto è solo la minima parte di ciò che accade nel libro: morti a profusione, scoperte scientifiche usate come se fossero clave, simboli esoterici a caso, riferimenti storici inventati, regole di diritto canonico non comprese o stravolte, papi morti, confusione imperante e trucchetti per arrivare al lieto fine. Ma dare una forma logica al tutto era davvero un problema, non c’è riuscito neanche l’autore, e allora va bene così.

Annunci

CARPIATO, CARPIONE, CARPONI, CARPARE; Animali; Rocco; Raffaele

marzo 1, 2010

Parole a confronto

Carpiàto
Forse derivato di carpa, per la posizione del corpo del pesce quando salta.
Aggettivo.
(sport) Si dice di un tuffo in cui il corpo è inizialmente flesso in avanti ad angolo, con braccia e gambe tese e avvicinate.

Carpióne
Derivato di carpa.
Sostantivo maschile.
Pesce teleosteo di lago simile alla trota, di colore grigio argenteo con dorso picchiettato di bruno-rossastro, vorace predatore.
Nella locuzione aggettivale e avverbiale in carpione: modo di cucinare i pesci, specialmente il caprione, o le verdure friggendoli e mettendoli poi sotto aceto con cipolle e aromi.

Carpóni
Derivato di carpare.
Anche, raro, carpóne.
Avverbio.
Con le mani e le ginocchia appoggiate a terra: avanzare, strisciare carponi.
Carpon carponi: con valore rafforzativo, quando il movimento si prolunga o è fatto con pena e fatica o con circospezione.
Anche nella locuzione avverbiale a carponi.

Carpàre
Latino carpere ‘cogliere, staccare’, e anche ‘percorrere’, con cambio di coniugazione.
Verbo transitivo.
(antico) Afferrare con violenza, carpire.

Verbo intransitivo [ausiliare avere].
Andare carponi: i’ mi sforzai carpando appresso lui (Dante).

Animali di parole

Carpiato e carpione sono due parole derivate da animali proposte da Ezio Chiocchetti, carponi no.

Rocco Barocco (e i suoi fratelli)

Cigno arcigno.

Di Marco Marcon.

Chiamatemi Raffaele

Libro difficile, e indovina solo Vizi Coloniali al quinto indizio (5+1 punti)
E sono tre i tentativi sbagliati.

Il libro era Ivanhoe, di Walter Scott. E ora passiamo al trentaduesimo libro.

Primo indizio
È una storia di due ragazzi, due compagni di classe, che vivono in un momento difficile della storia del mondo.

GENARE, MUSALLÀ; Abita,; Rocco; Perle; Raffaele

febbraio 24, 2010

Genàre
Voce di area settentrionale, dal francese gêner ‘infastidire, imbarazzare’, anticamente ‘tortura’, a sua volta da gehir ‘confessare’, di origine francone.
Verbo transitivo [io gèno ecc.].
(raro, regionale) Mettere in una situazione imbarazzante, far sentire a disagio; disturbare: io lo gêno un po’ più… perch’io non gli parlo mai (Foscolo).

Una (parola) giapponese a Roma

Musallà [muzal’la]
Voce araba.
Sostantivo femminile invariabile.
Nel mondo islamico, spazio recintato destinato alla preghiera collettiva, che può assumere forme monumentali essendo collegato ad altri edifici sacri.

Abita come mangi

Gli abitanti di Torre Annunziata, in provincia di napoli, si chiamano torresi, nunziatesi o anche oplontini, dall’antico nome romano della città, Oplontis. Qualcuno sostiene che si chiamino anche savoiani, ma di questo non siamo sicuri. C’è qualche lettore che sa risolvere il dubbio?

Rocco Barocco (e i suoi fratelli)

Costa nascosta è un rocco barocco.

Perle matematiche

Titolo: Solo quattro italiani su 100 leggono libri.
Nell’articolo: Il libro questo sconosciuto. Almeno in Italia. I lettori, infatti, sono solo il 38 % sul totale della popolazione di età superiore ai 14 anni, ma solo il 10 % si possono definire "abituali". […]

Marco Marcon ci segnala questo bell’articolo sulla Repubblica, notando che forse anche la matematica non è che sia conosciutissima.

Chiamatemi Raffaele

Terzo indizio
Ferimenti, salvataggi improvvisi, prestazioni strabilianti, rivelazioni di identità, timore di ricevere la giusta punizione, invidie e gelosie accadono nei pochi giorni in cui tutti i nostri eroi sono riuniti. Non sto nemmeno a dirvi che non possono mancare intrighi, doppi giochi, agguati, rapimenti, scambi di persona, torture e fughe. E ci sono anche morti, e morti che in realtà sono vivi, e riappacificazioni e matrimoni d’amore, e poi duelli.

PENISOLA, PENEPIANO, ELOXAL; Animali; Rocco; Antonomasia; Raffaele

febbraio 19, 2010

Parole a confronto

Penìsola
Latino paeninsula(m), composto di paene ‘quasi’, di origine incerta, e insula ‘isola’.
Sostantivo femminile.
Territorio che si protende in un mare o in un lago e la cui base di attacco al continente è relativamente stretta rispetto alla sua lunghezza: la penisola iberica.

Penepiàno
Dall’inglese peneplain, composto di pene-, che è dal latino paene ‘quasi’, e plain ‘piano’.
Sostantivo maschile.
(geografia) Regione leggermente ondulata o quasi pianeggiante, che è il risultato di un ciclo completo di erosione.

Una (parola) giapponese a Roma

Eloxal [pronuncia elok’sal]
Voce tedesca, acronimo di ELektrisch OXydiertes ALuminium.
Sostantivo maschile invariabile.
(chimica) Particolare tecnica di anodizzazione dell’alluminio in cui il metallo viene collocato come anodo in una cella elettrolitica contenente acido ossalico e sostanze colloidali attraverso cui viene fatta passare una corrente continua.

Animali di dire

Essere uccel di bosco
Significa essere fuggiasco, una persona che si è data alla macchia, irreperibile.

A volo di uccello
Significa dall’alto, con un’ampia visuale, oppure, in modo figurato, in modo globale, generale e rapido.

Rocco Barocco (e i suoi fratelli)

Marco Marcon ci propone un Rocco Barocco che vale anche al femminile.
Tetto protetto.

L’antonomasia e il soprannome

La Penisola per antonomasia è l’Italia. Solo in Italia, credo.

Chiamatemi Raffaele

Quinto indizio: incipit
Tutti i bambini che crescono si somigliano, un solo bambino non cresce, ed è strano a modo suo. E bastano un paio di anni di vita per capirlo, che cresceremo: prima giochiamo nell’erba, raccogliamo petali e fiori, li doniamo con gioia e disinteresse. Ma poi tutto cambia: siamo cresciuti.

PERFORMATIVO, PERFORMANCE; Animali; Piuttosto; Rocco

dicembre 17, 2009

Auguri

Poiché la Parolata andrà in vacanza natalizia per qualche giorno, tutta la redazione vuole approfittare di questo ultimo numero della newsletter non ristampato per augurare ai suoi lettori buon Natele e buone feste.
La Parolata riprenderà l’invio dei nuovi numeri, genericamente, a metà gennaio, lunedì prossimo vi verrà comunque comunicato il risultato del venticinquesimo libro del concorso Chiamatemi raffaele.

Parole

Performatìvo
Dall’inglese performative ‘esecutivo’, da to perform ‘eseguire’, dal latino tardo performare ‘dare forma, conformare’.
Aggettivo.
(linguistica) Detto di verbo che descrive una determinata azione del soggetto parlante, e la cui enunciazione consiste nel realizzare l’azione che il verbo stesso esprime, come dire, promettere, giurare. Ad esempio: la frase ‘giuro che questo l’ho scritto io’ implica un’azione, quella del giurare.

Una (parola) giapponese a Roma

Performance [pronuncia per’formans]
Voce inglese; dall’antico francese parformance, derivato di performer ‘compiere’, dal latino tardo performare, composto di per- e formare ‘formare’.
Sostantivo femminile invariabile.
1. Prestazione, esibizione, risultato, specialmente nello sport o nello spettacolo: la performance di un attore, di un cavallo.
(estensione) Risultato conseguito specialmente nell’ambito artistico: l’attore ha dato un’ottima performance.
(estensione) Nel linguaggio finanziario, rendimento: la Borsa ha realizzato buone performance.
Performance di un prodotto: (estensione) affermazione sul mercato.
2. Forma di produzione teatrale, pittorica e generalmente artistica, fiorita negli anni ’70, che si basa spesso sull’improvvisazione degli artisti, il coinvolgimento del pubblico, l’uso di particolari mezzi ed effetti tecnici.
3. (linguistica) Ogni atto linguistico che realizza concretamente la competenza del parlante, esecuzione.

Animali di parole

Bulimìa
Voce dotta, dal greco boulimía ‘fame divoratrice’, composto di bous ‘bue’ nel senso di ‘grande’ e limós ‘fame’, quindi propriamente ‘fame da bue.
Sostantivo.
(medicina) Sensazione morbosa di appetito insaziabile con necessità di ingerire eccessive quantità di cibo.
Sinonimi: polifagia, licoressia.

Piuttosto che

Evento performativo è un neologismo utilizzatissimo in ambito artistico. Purtroppo completamente sbagliato, almeno per ora.

È curioso come spesso si usino delle parole straniere in luogo di parole italiane perfettamente sinonimiche, relegando queste ultime nel dimenticatoio, mentre in questo caso si sia invece orrendamente adattata una parola straniera all’italiano.

Rocco Barocco (e i suoi fratelli)

Marco Marcon cerca di ridare vita a questa rubrica con:
belli ribelli.

Chiamatemi Raffaele

Quinto indizio
Sembra incredibile, ma forse i preparativi per la mia missione automobilistica volgono al termine. Lascerò per, penso, una settimana la casa dove lavoro, e farò un viaggio per raggiungere l’altra sponda del paese, tutto questo su iniziativa di Mr Xxx.