Posts Tagged ‘ritrovato’

R- Bordolese, Dum-dum; Paesi; Ritrovato; Appunto; Perle

luglio 19, 2017

Bordolése
Dal francese bordelais ‘di Bordeaux’.
Aggettivo.
Di Bordeaux.
Poltiglia bordolese, miscela di solfato di rame e calce spenta, usata in agricoltura come anticrittogamico. Bottiglia bordolese, di forma cilindrica e colore scuro per vini rossi.
Tazza bordolese: tazzina per lo più d’argento, per la degustazione del vino e l’esame del suo colore.

Sostantivo maschile.
1. [anche femminile] Chi è nato, chi abita a Bordeaux.
2. [femminile] Recipiente di legno della capacità di circa 220 litri per la conservazione o la spedizione del vino.

Una (parola) giapponese a Roma

Dum-dum [dum’dum]
Dall’inglese dumdum, che è dal nome di una cittadina indiana vicina a Calcutta, dove fu fabbricato per la prima volta nel 1890.
Locuzione aggettivale.
Si dice di un tipo di proiettile per armi portatili che, avendo la punta di metallo tenero, si deforma e si espande all’impatto, provocando lacerazioni devastanti.

Nomi di paesi, la parola

Bordolese è di Libero Zucchelli. Anche dum-dum, parola strana.

Il paese ritrovato

“Marcon era allibito per come si era comportato il suo amico. Doveva aver completamente aver perso la trebisonda, lo stress, forse, o semplicemente quella donna. Non riusciva a credere che non avesse reagito alla sua dichiarazione del rientro a casa dalla moglie, come se non sapesse che non c’era nessuna moglie ad aspettarlo a casa.”
Il dodicesimo capitolo è pubblicato sul sito.

L’appunto

Plurali di parole terminanti in -cia e -gia che mantengono la i al plurale:
il plurale di malvagia è malvagie.

Perle dai porci

"Il prossimo che bagna per terra verrà irradiato dalla palestra."

In palestra, appunto.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

R- Circasso, Musme; Uomini; Paesi; Ritrovato; Appunto; Perle

luglio 12, 2017

Circàsso
Dal russo Cerkes.
Aggettivo.
Che si riferisce ai circassi, popolazione del Caucaso, oggi stanziata in varie regioni dell’ex URSS.

Sostantivo maschile.
1. [femminile circassa] Chi appartiene alla popolazione circassa.
2. Lingua della famiglia caucasica parlata dai circassi.

Una (parola) giapponese a Roma

Musmè [mus’me]
Giapponese, propriamente ‘fanciulla, figlia’.
Sostantivo femminile invariabile.
Giovane donna giapponese.

Uomini e parole

Renard [re’nar]
Voce francese; nome proprio della volpe che compare come personaggio in varie novelle medievali e nel «Roman de Renart», divenuto poi nome comune dell’animale.
Sostantivo maschile.
Pelle conciata di volpe.

Nomi di paesi, la parola

Meàndro
Dal latino maeandru(m), che è dal greco Máiandros, fiume dell’Asia Minore celebre per la sua tortuosità.
Sostantivo maschile.
1. Doppia ansa o serpentina formata da un fiume.
2. Tracciato, andamento tortuoso (anche figurato): perdersi in un meandro di vie; i meandri di un ragionamento, della psiche.

Veneziàna
Da veneziano.
Sostantivo femminile.
1. Dolce molto soffice, cosparso di chicchi di zucchero.
2. Serramento costituito da stecche in alluminio o plastica, variamente inclinabili a seconda della luce che si desidera all’interno.
3. (musica) Breve componimento poetico per musica, di ispirazione popolareggiante, secondo la moda iniziata a Venezia da Leonardo Giustinian (1388-1446); è detta anche giustiniana.

Meandro è una parola strana di Piero Fabbri, veneziana è meno strana ma è sempre sua, e gli vale 2 punti.

Il paese ritrovato

"Il gruppo di persone lasciava trasparire una grande inquietudine, anche se l’insieme era praticamente immobile. Gli avvenimenti degli ultimi giorni, la tensione di lavorare su argomenti delicati e pericolosi, l’ignoto che dovevano affrontare sembrava improvvisamente pesare sui protagonisti."
L’undicesimo capitolo è pubblicato sul sito.

L’appunto

L’espressione "latino di mano" significa manesco, mentre "latino di bocca" significa loquace.
Derivano in modo figurato dal significato di largo, agiato per l’aggettivo latino.

Perle dai porci

"… con gli occhiali sul tavolino si era assopito mentre dormiva."

In autobus.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

R- Trebisonda, Kapo; Paesi; Ritrovato; Uomini; Appunto; Perle

luglio 5, 2017

Trebisònda
Dal nome di Trebisonda, città della Turchia, sul modello di frasi come perdere la tramontana, la bussola e simili. Sostantivo femminile.
Solo nella locuzione famigliare perdere la trebisonda, confondersi, disorientarsi, perdere il controllo di sé.

Una (parola) giapponese a Roma – Speciale Europa

Kapò
Voce tedesca; dalle sillabe iniziali di Ka(merad) ‘camerata, compagno’ e Po(lizei) ‘polizia’; propriamente ‘poliziotto compagno’.
Sostantivo maschile invariabile.
Nei campi di concentramento nazisti, prigioniero addetto alla sorveglianza e al mantenimento dell’ordine.

Proposta da Marco Marcon.

Nomi di paesi, la parola

Berlìna
Dal francese berline, così chiamata dal nome della città di Berlino, dove fu costruito per la prima volta quel tipo di carrozza (verso il 1670).
Sostantivo femminile.
1. Carrozza di gala a quattro posti.
2. (automobilismo) Tipo di carrozzeria chiusa, a due o quattro porte.
L’automobile stessa dotata di tale carrozzeria.
Diminutivo: berlinetta.

Trebisonda e berlina sono di Marco Marcon.

Il paese ritrovato

"Torino Esposizioni significa soprattutto il Palazzo del Lavoro. Un parallelepipedo netto e deciso, senza l’ombra di un fregio all’esterno, ma che la struttura in cemento armato di Pier Luigi Nervi rendeva comunque rivoluzionario, ai tempi della sua progettazione."

Il decimo capitolo del nostro pirotecnico racconto, scritto dal nostro migliore Piero Fabbri, è sul sito.

Uomini e parole

Gòlem
Dall’ebraico golem, propriamente ‘embrione’, in alcune leggende ebraiche dell’Europa orientale, automa di argilla in forma umana, creato con arti magiche da un rabbino di Praga e considerato protettore degli ebrei contro le persecuzioni (secolo XVI).
Sostantivo maschile invariabile.
Creatura senza spirito, automa.

L’appunto

La parola "eco" al singolare è perlopiù di genere femminile (una forte eco), ma è accettabile pure l’utilizzo al maschile (un forte eco). Al plurale, invece, deve essere utilizzata unicamente al maschile (gli echi).

Perle dai porci

"Occorre essere specializzati in una determinata branchia."

In ufficio.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

R- Albigese, Smoking; Paesi; Ritrovato; Appunto; Perle

giugno 28, 2017

Albigése
Dal latino tardo Albigìnse(m), derivato di Albigi ‘Albi’.
Aggettivo.
1. Di Albi, città della Francia meridionale.
2. Dell’eresia iniziata da Albi: l’eresia albigese.

Sostantivo maschile.
1. Nativo, abitante di Albi.
2. Seguace dell’eresia catara che in Francia, nei secoli XII e XIII, era diffusa specialmente ad Albi: la crociata contro gli albigesi.

Una (parola) giapponese a Roma

Smoking [‘zmOking]
Abbreviazione della locuzione pseudo-inglese smoking jacket, propriamente ‘giacca per fumare’ (to smoke ‘fumare’), perché originariamente indicava la giacca indossata dagli uomini quando si ritiravano a fumare dopo il pranzo.
Sostantivo maschile invariabile.
Giacca maschile da sera, tradizionalmente nera o bianca, con risvolti di seta lucida; anche, il completo costituito da tale giacca e pantaloni neri.

Nomi di paesi, la parola

Cristiania
Anche kristiania.
Sostantivo maschile invariabile.
(sport) Metodo per cambiare direzione o fermarsi con gli sci girando il corpo di scatto e mantenendo gli sci paralleli, introdotto dagli sciatori di Cristiania (ora Oslo).

Albigese e cristiania sono di Giuseppe Sisto.

Il paese ritrovato

"Marcon adorava il suo look americano. A volte avrebbe voluto trasferirsi, partire, viaggiare per il mondo, verso l’America, la mecca degli investigatori privati, dove i criminali si riconoscevano dalla limousine che guidavano e dallo sguardo sicuro."
Il nono capitolo è scritto dalla nuova partecipante al gioco Francesca Ortenzio. Nuova linfa per il racconto.

L’appunto

Si può scrivere, per il nome della città, sia San Remo che Sanremo.
E forse non tutti sanno che il nome deriva non da san Remo ma da san Romolo, vescovo di Genova che nel IV secolo si ritirò in un eremo vicino alla odierna San Remo. San Remo è la forma italianizzata di san Römu, pronuncia dialettale di San Romolo.

Perle dai porci ovvero Il sito rovinato

"Stare in albergo come a casa! Ma cambiando I colori e la luce.Aggiungendo il suono del mare.Qui intanto, probabilmente, sei servito meglio che a casa. La spiaggia a venti passi, il verde, tanto già fuori la porta.
Dalla camera lo sguardo ti si libera tra onde o colline. Annusi salmastro, ti ricordi l’appetito e lo plachi, I bambini si calmano perché imparano.
L’auto puoi scordartela (acquattata tra pini e viti americane!). Altri ritmi, la nostra colpa è che la vacanza ti sfugge troppo presto!
Completamente ristrutturato, climatizzato, spiaggia privata, parco bici, biberoneria, giardino, parcheggio.
Ambiente accogliente e un’ ospitalità cordiale e premurosa!"

Giovanni Fracasso inaugura questa nuova sottorubrica, attendiamo contributi dai nostri solerti lettori.

R- Caudino, Bungalow; Paesi; Ritrovato; Appunto

maggio 3, 2017

Caudìno
Aggettivo.
Di, relativo alla valle di Caudio, nell’attuale provincia di Benevento.
Forche caudine: località in cui i Romani, vinti dai Sanniti nel 321 a.C., subirono l’onta di passare sotto una specie di giogo costituito da lance. (figurato) Momento o situazione in cui si deve sottostare a una grave umiliazione.

Una (parola) giapponese a Roma

Bungalow [‘bangalou]
Voce inglese; dall’indostano bangla ‘bengalese’.
Sostantivo maschile.
Casa a un solo piano, con grandi verande, come quelle usate dai residenti europei nelle Indie.
(estensione) Piccola abitazione turistica diffusa specialmente nei campeggi e nei villaggi di vacanza.

Nomi di paesi, la parola

Caudino e bungalow sono di Giuseppe Sisto.

Il paese ritrovato

"Sherlock Holmes ecco chi vorrei essere Sherlock Holmes…"
L’ottavo capitolo, di chinalski, dell’avvincento romanzo è leggibile alla pagina del sito.

L’appunto

Si dice ‘saspens, all’inglese, e non sus’pans, alla francese.