Archive for aprile, 2017

R- Catalogna, Limousine; Paesi; Appunto; Perle

aprile 28, 2017

Parole a confronto

Catalògna
Dal nome della omonima regione spagnola.
Sostantivo femminile.
1. (lombardo) Nome di una varietà di cicoria con foglie lunghe, strette e seghettate.
2. Coperta di lana pesante.

Catalògno
Dal nome della Catalogna, regione spagnola di cui è originario.
Sostantivo maschile.
Varietà di gelsomino con fiori più grandi di quello comune, detto anche gelsomino di Spagna.

Una (parola) giapponese a Roma

Limousine [limu’zin]
Voce francese; propriamente ‘di Limoges’, con probabile allusione a un tipo di vettura in uso in quella città.
Sostantivo femminile.
Grossa e lussuosa automobile a quattro porte, per lo più con strapuntini ribaltabili fra il sedile anteriore e quello posteriore.

Nomi di paesi, la parola

Catalogna e limousine sono di Berilio Luzcech. Anche catalogno, ma per questa non gli diamo punti.

L’appunto

Si dice sùccubo, ma anche meno correttamente sùccube.

Perle dai porci

"L’istanza tautologica degli archetipi viene qui avvertita dall’autore nella sua più pura dimensione escatologica."
Da un articolo giornalistico.
Dagli archivi di Maidirepigigierre [raccolta di cose strane incontrate in ufficio, N.d.C.].

Annunci

R- Reboante, Gobelin; Uomini; Paesi; La sai!; Canzone

aprile 27, 2017

Reboànte
Dal latino reboante(m), participio presente di reboare ‘rimbombare’, comp. di re-, con valore intensivo, e boare ‘risuonare’.
Anche, pi comunemente, roboante.
Aggettivo.
1. (letterale) Rimbombante: voce reboante.
2. (figurato, spregiativo) Che è altisonante, che è espresso con concetti e parole grandiosi, ma di poca sostanza (detto di stile, versi, oratoria e simili): un discorso reboante.

Una (parola) giapponese a Roma

Gobelin [go’blEn]
Dal nome della famiglia dei Gobelins, celebri tintori e arazzieri parigini (sec. XVII).
Sostantivo maschile invariabile.
(non comune) Tipo di arazzo.
Punto gobelin: punto di ricamo usato nei lavori di tappezzeria.

Uomini e parole

Marco Marcon propone gobelin.

Nomi di paesi, la parola

Bengàla
Dal nome del Bengala, regione tra India e Pakistan, dove si usavano fuochi colorati come segnali nella caccia alla tigre.
Sostantivo maschile [plurale bengala, popolarmente bengali].
1. Fuoco d’artificio che produce luci di vario colore.
2. Razzo luminoso a luce intensa, per segnalazioni.
(militare) Dispositivo di illuminazione lanciato col paracadute per individuare bersagli da bombardare.

Habanera [aba’nera]
Voce spagnola; propriamente ‘dell’Avana’, città capitale di Cuba.
Sostantivo femminile invariabile.
Danza cubana di origine spagnola in ritmo binario, affine al tango.

Bengala e habanera sono di Marco Marcon.

La sai l’ultima!

Come si fa a mettere un elefante in un frigo in tre mosse?
1. Si apre il frigo
2. Si inserisce l’elefante
3. Si chiude il frigo

Di Riccardo Lancioni e Piero Mozzone.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Eccoli, i risultati della trentaquattresima canzone: BettyBlu (5+5), Alberto Cacciari (5+4), Francesco Caiazzo (5+3), Fermassimo (5+2), Nando Tomassoni (5+1), Maurizio Codogno (5).
Vi ricordo che la trentacinquesima canzone sarà in gioco a partire da martedì 2 maggio.

R- Avviso; Profluvio, Fiacre; Uomini; Paesi; Frasi

aprile 26, 2017

Avviso del 26 aprile 2017

Usciamo dalla Parolata ristampata per segnalarvi un nuovo successo del gruppo dei Rudi Mathematici, di cui ci vantiamo di essere amici. Ma lascerei spazio alle sapienti parole di Piero Fabbri.

— Da un po’ volevo dirtelo: mi fa abbastanza impressione vedere nella “Parola Ristampata” il ritorno del nostro Paese Ritrovato. Anche perché il mio nome rimbalza in mail un sacco di volte, perdinci… ti anticipo che potrai essere ingiustamente accusato di pubblicità indebita, perché il Caso ha voluto che la Parolata parli molto di me proprio a ridosso dell’uscita di un libro, “Storie che contano”, che vedrà la luce in libreria il prossimo 11 maggio.
Yes, primo libro dei Rudi Mathematici con una vera casa editrice (Codice edizioni) e una vera distribuzione. A dire il vero, arriverà in edicola qualche giorno prima, allegato (a richiesta) al numero Le Scienze di maggio, e pure a metà prezzo, rispetto al prezzo di copertina.
Speravo che ciò bastasse a farmi risparmiare, per la prima volta in 30 anni, il costo del biglietto del Salone del Libro, ma al momento è prevista solo una presentazione in occasione del Salone Off; poi vabbè, sembra che andremo ad un paio di Festival abbastanza importanti (Sarzana, Genova…) ma è presto per dirlo con certezza. Insomma, i lettori della Parolata con tendenze complottistiche potrebbero pensare che tu stia preparando il lancio del libro, ovviamente dietro sonante compenso. Se ti serve una liberatoria, una dichiarazione in cui giuro che tu non ne sapevi nulla, sono pronto a firmartela. —

E poi il nostro Piero aggiunge: "Sono già pronto a sentirmi strillare addosso dai matematici perché nel libro c’è troppa narrativa, e dai letterati perché nel libro c’è troppa matematica…". Quindi se vorrete lamentarvi con Piero e con Francesca Ortenzio sapete quali argomenti potrete usare.

Parole

Proflùvio
Voce dotta, latino profluviu(m), da profluere ‘scorrere avanti’, composto di pro ‘avanti’ e fluere ‘fluire’.
Sostantivo maschile.
1. (letterario) Abbondante flusso di umori o di sostanze liquide.
2. ( figurato) Grande quantità di cose che si susseguono senza interruzione: un profluvio di lacrime, di lamentele; la Signora si dibatte, … si strazia, si percuote, in un profluvio di suoni inarticolati (Pratolini).

Una (parola) giapponese a Roma

Fiacre [fi’akr]
Voce francese; dal nome di un santo eremita (S. Fiacre) la cui immagine era posta come insegna sul deposito delle vetture che conducevano al santuario a lui dedicato a Meaux.
Sostantivo maschile invariabile.
Vettura di piazza a cavalli; fiacchere.

Uomini e parole

Marco Marcon propone fiacre.

Nomi di paesi, la parola

Arabèsco
Da Arabia.
Aggettivo.
Arabo.
Fatto a foggia araba.

Sostantivo maschile.
1. Decorazione tipica dell’arte islamica a motivi rigorosamente stilizzati disposti sul piano, con valore puramente lineare e grafica.
2. In oreficeria, motivo decorativo ornamentale a intreccio bizzarro.
3. (estensione) Insieme di linee capricciose, bizzarre e intricate.
(scherzoso) Scrittura decifrabile a fatica.

Mecca
Dall’arabo Makka, città dell’Arabia Saudita, centro religioso dell’Islam.
Sostantivo femminile.
1. (familiare) Luogo remoto.
Venire dalla mecca: (scherzoso) si dice di persona che ignori cose note a tutti o che sia vestita in modo strano e ridicolo.
2. (figurato) Luogo in cui vanno, come in pellegrinaggio, molte persone sperando di realizzare i propri sogni, di trovare vantaggi e benessere: Hollywood è stata a lungo la mecca del cinema internazionale.
3. Vernice trasparente a base di lacca, usata per dorare cornici di legno precedentemente argentate: doratura a mecca.

Arabesco e mecca sono proposte da Piero Fabbri.

Frasi, non futilità

"Nella mia lancia non voglio nessuno che non abbia paura delle balene."
Starbuck, primo ufficiale del Pequod (tratto da Moby Dick, di Hermann Melville).

R- Notizie; Arcadia, Vaudeville; Paesi; Appunto; Ritrovato; Perle; Canzone

aprile 21, 2017

Notizie

Amici, per biechi motivi di marketing abbiamo cambiato nome e sottonome, non è invece variato l’indirizzo del sito (per il momento?).
Grandi novità inoltre sul sito della Parolata: aggiornamento di TUTTE le rubriche della Parolata;
è ritornata la sezione The Word Revealed!;
aggiunta di un nuovo sito amico che vi consiglio caldamente;
una nuova pagina contiene gli uomini sbagliati del Marcon;
è stata aggiunta una pagina di letteratura, quindi chi fosse interessato a pubblicare qualche scritto sul nostro prestigioso sito può inviare in redazione il proprio lavoro.
Al momento due produzioni, di Mabù e chinalski in coppia e di chinalski da solo, sono leggibili sulla pagina.
Al solito, rimandiamo alla sezione "Novità" del sito per tutti i particolari.

[Ricordiamo questo importante momento della Parolata: fino al 5 giugno 2003 la rubrica si chiamava La parola rivelata, ovvero Perle ai porci. Non un grande nome per farsi amare, diciamolo. Dal 15 giugno è diventata La parolata, ovvero La parola rivelata. Non eravamo ancora un sito di cultura, ma la strada era oramai segnata. N.d.C.]

Parole a confronto

Arcàdia
Dal nome di una regione della Grecia, mitico luogo di vita agreste e serena.
Sostantivo femminile.
1. (letterario) Luogo dove si svolge una vita amena, idillica, avulsa dalla realtà.
2. Nome di un’accademia letteraria fondata a Roma nel 1690, che si proponeva di reagire al gusto barocco promuovendo una poesia semplice, d’ambiente pastorale, vicina ai modelli bucolici greci e latini.
(estensione) Corrente letteraria nata da questa accademia; più genericamente, maniera frivola e convenzionale di far poesia.
3. (figurato) Adunanza in cui si fanno discorsi astratti e inconcludenti: fare dell’arcadia, parlare in maniera vacua, senza costrutto.

Àrcade
Dal latino Arcade(m), che è dal greco Arkás -ádos.
Aggettivo.
Dell’antica Arcadia, regione della Grecia: pastore arcade.

Sostantivo maschile.
1. Abitante dell’antica Arcadia.
2. Membro dell’accademia dell’Arcadia; poeta seguace della maniera arcadica.
3. (estensione) Scrittore manierato, incline a uno stile lezioso.

Una (parola) giapponese a Roma

Vaudeville [vod’vil]
Voce francese; alterazione di vaudevire, da Vau de Vire, località della Normandia, dove tali canzoni erano famose nel secolo XV.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Genere di teatro comico inframmezzato da canzoncine e ritornelli, affermatosi in Francia tra la fine del secolo XVIII e la prima metà del secolo XIX.
Dalla seconda metà dell’Ottocento, commedia brillante e leggera, ricca di equivoci e situazioni piccanti.
2. Canzone popolare francese, specialmente di carattere satirico.

Nomi di paesi, la parola

Arcadia è di Marco Marcon, arcade e vaudeville sono di Libero Zucchelli: un punto al primo e due al secondo.

L’appunto

Si dice prestare, ma anche meno correttamente imprestare.

Il paese ritrovato

Pubblicato il settimo capitolo di Piero Febbri del "Paese ritrovato". Potete leggerlo alla pagina del sito.

Perle dai porci

"Ma voi siete più realistici del Re!"
In una assemblea.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Termina la trentaquattresima canzone, era:

Battaglia vinta, ma con molte perdite (2 6 2 5)

La guerra di Pirro, che diventa La guerra di Piero di Fabrizio de André.

R- Ammiccare, Redde rationem; Paesi; Perle; Rovinata

aprile 20, 2017

Ammiccàre
Forse derivato dal latino micare ‘guizzare, scintillare’.
Verbo intransitivo [io ammicco, tu ammicchi ecc.; ausiliare avere].
Fare cenni, per lo più di soppiatto; far l’occhiolino in segno d’intesa.
(figurato) Dar segni di intesa a qualcuno; intendersela con qualcuno.

Una (parola) giapponese a Roma

Redde rationem [‘rEdde rat’tsjOnem]
Locuzione latina; propriamente ‘rendi ragione, rendi conto’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
Giudizio finale, con implicita un’idea di condanna; resa dei conti: arriverà anche per lui il redde rationem.

Nomi di paesi, la parola

Scozzése
Della Scozia.
Aggettivo.
Tessuto scozzese: di lana o cotone a riquadri, di dimensioni e colori diversi, del tipo di quelli che simboleggiano i clan nei costumi tradizionali della Scozia.
Doccia scozzese: fatta alternando getti d’acqua calda e fredda; (figurato) violenta e repentina successione di eventi favorevoli e sfavorevoli.
Scuola scozzese: scuola filosofica del secolo XVIII, che sosteneva l’esistenza di un senso comune grazie al quale certe verità sono intuitivamente e infallibilmente riconosciute dall’uomo.

Calvàrio
Dal latino ecclesiastico Calvariu(m), nome della collina dove fu crocifisso Cristo, derivato di calvaria ‘teschio’; calco dell’aramaico Gylgaltha ‘luogo del teschio’ (da cui anche Golgota).
Sostantivo maschile.
1. Gruppo di sculture popolari raffiguranti personaggi e simboli della passione di Cristo. Stazioni del calvario: edicole o quadretti che rappresentano le fasi della passione di Cristo.
2. (figurato) Sofferenza, dolore prolungato: la sua vita fu un calvario.

Scozzese (nell’accezione figurata di doccia scozzese) e calvario sono paesi e parole di Simona Brugnoni.

Perle dai porci

"In Italia sono ormai il 3 per cento delle donne e il 5 per cento degli uomini: in totale l’8 per cento della popolazione."

Una perle dai porci matematica trovata sull’Espresso.

La parola rovinata

SCEMPIONS LEAGUE
Distruzione e massacro delle granitiche convinzioni di vittoria bianconere.

Riccardo Lancioni non è della Juventus, anzi. Il Milan aveva appena battuto la Juventus in finale.