Posts Tagged ‘rovinata’

Castaldo, Campiere, Paraski; Lettori; Rovinata

marzo 19, 2019

Castàldo
Dal longobardo gastald; latino medievale castaldus, gastaldus, gastaldius, gastaldio ‘amministratore di beni sovrani’.
Anche gastàldo.
Sostantivo maschile.
1. (storia) Presso i Longobardi, l’amministratore delle rendite del re, posto sotto la sua immediata dipendenza, con attribuzioni civili, militari, giudiziarie e di polizia, entro i limiti del territorio affidatogli.
(storia) Nell’età comunale, pubblico ufficiale che in alcune città (Venezia, Bologna ecc.) era a capo delle singole arti o corporazioni, invece del più frequente console.
2. Chi ha cura dei beni di una casa, di una comunità.
Oggi, amministratore di un’azienda agricola, fattore.
(regionale) Lavoratore agricolo.
In Sicilia, nelle province di Ragusa e Trapani, campiere.

Campière
Derivato di campo.
Anche campièro.
Sostantivo maschile.
In Sicilia, guardiano addetto nelle zone cerealicole alla custodia del fondo, dei fabbricati, del raccolto e del bestiame, e alla sorveglianza dei lavori agricoli: il campiere del barone colse il ragazzo sul fatto a rubar frasche (Verga).

Una (parola) giapponese a Roma

Paraski [paras’ki]
Dal tedesco Paraski, a sua volta composto del francese para ‘paracadutista’ e ski ‘sci’.
Anche parascì.
Sostantivo maschile invariabile.
(sport) Disciplina sportiva che combina il lancio dall’aereo col parapendio, con atterraggio il più vicino possibile a un bersaglio segnato sulla neve, e un percorso di slalom gigante: campionato mondiale di paraski.
Pratica sportiva consistente nel lanciarsi col parapendio da un dirupo innevato, equipaggiati di un paio di sci che vengono utilizzati per la partenza e l’atterraggio.

I lettori ci scrivono

Alex Merseburger entra a gamba tesa sulla definizione data dalla Parolata di "top spin", non è escluso che la querelle dovrà essere risolta con un duello. Questa la definizione contestata.
"Nel golf, nel tennis, nel ping pong e nel baseball, colpo effettuato dal basso verso l’alto che imprime alla palla una rotazione in avanti in modo da arcuarne la traiettoria verso il basso, di ridurne l’angolo di rimbalzo e di aumentarne la velocità dopo il rimbalzo. Viene anche chiamato lift."
E questo il commento di Alex.

— Non so dove tu abbia ricavato questa spiegazione (è farina del tuo sacco?) ma a mio avviso ci sono delle inesattezze e mancanze che ti espongo:

GOLF, non esiste un colpo "top spin" (se capita è un errore d’impatto mazza-pallina). I colpi sono più o meno "piatti" se colpiti con i legni e tutti con rotazione all’indietro "back spin" quando colpiti con i ferri; infatti quando atterra sul green la pallina si ferma e, se colpita da un ottimo giocatore, rotola all’indietro.
TENNIS, lo scopo principale di tale effetto, oltre alla velocità, è l’aumentata altezza del rimbalzo, tale da rendere problematica la ribattuta. Inoltre è un colpo "sicuro" perché la palla passa più alta sulla rete rispetto al colpo colpito piatto.
LIFT, a meno di sbagliarmi, nel gergo comune dei tennisti tutti i colpi effettuati con un effetto sono genericamente definiti "liftati" (top spin, back spin, chip, slice). —

In effetti la definizione è stata montata da me prendendo da varie fonti e basandomi sul colpo nel tennis e nel ping pong, non conoscendone abbastanza di golf.
Sul dizionario Garzanti si dice che il colpo è presente nel golf, e dice che la palla nel tennis si alza dopo il rimbalzo (cosa che non mi tornava). Sul Devoto-Oli si parla solo del tennis. Sul sito Treccani si parla di golf, tennis e ping pong ma non si menziona il comportamento della pallina dopo il rimbalzo. Infine su Wikipedia anche si citano golf, tenni e ping pong e si dice che il rimbalzo ha un angolo più basso del colpo normale.
Riguardo al lift: sul Devoto-Oli, Treccani, Garzanti e Wikipedia equivale al top spin, e così trovo su vari siti di tennis in rete.
Qualcuno vuole aggiungere ulteriore benzina alla già feroce polemica?

La parola rovinata

BAUCEDINE
Abbassamento di voce del miglior amico dell’uomo.

Di Franco Palazzi.

Annunci

Amici; Fusciacco, Fusciacca, Jangada; Rovinata

marzo 18, 2019

Amici

Ci ha scritto l’amico e contributore della Parolata Fausto Raso, segnalandoci la possibilità di scaricare gratuitamente il suo libro "Un tesoro di lingua", dal sottotitolo "Perle preziose per conoscere, conservare e usare al meglio l’italiano".
Potete scaricare qui il libro (file zip+pdf): chi conosce già il blog di Fausto non avrà dubbi sul suo interesse.

Parole a confronto

Fusciàcco
Forse dal persiano fishak ‘ombrellino’.
Anche, popolare, fuciàcco e fuciàcchio.
Sostantivo maschile (plurale fusciacchi).
Drappo di velluto ricamato in oro e argento, che si stende su un’armatura ad arco, al di sopra dei grandi crocifissi in legno portati nelle processioni.

Fusciàcca
Derivato di fusciacco.
Anche, popolare, fuciàcca.
Sostantivo femminile.
Fascia di lana o di seta, per lo più a tinte vivaci, che si annoda alla vita, lasciando ricadere sul fianco o sul dorso le code del fiocco; usata nell’abbigliamento femminile, fa anche parte di costumi regionali, o viene cinta, come insegna di pubblica autorità nell’esercizio di alcune particolari funzioni: la fusciacca del sindaco, del torero. Nella forma più semplice era usata, specialmente nelle campagne, come cintura per sorreggere i calzoni.

Una (parola) giapponese a Roma

Jangada [dZan’gada]
Voce portoghese di origine malayalam.
Sostantivo maschie invariabile.
(marina) Tipo di imbarcazione costituita da due o più travi o tronchi connessi fra loro a formare una specie di zattera.

La parola rovinata

SALITUDINE
Il sapore delle lacrime nei momenti di più cocente isolamento.

Di Franco Palazzi.

Frittata, Backspin; Idiota; Rovinata

marzo 15, 2019

Frittàta
Derivato di fritto.
Sostantivo femminile.
1. Pietanza a base di uova frullate o sbattute, gettate in padella con olio o burro bollente finché acquistano determinata consistenza.
Frittata ripiena: spesso mescolata, prima o durante la cottura, con verdure o altri ingredienti: frittata con i carciofi.
2. Fare una frittata: (scherzoso) rompere per disgrazia un certo numero di uova o anche mandare in frantumi qualche oggetto fragile e simili; (figurato) fare un errore irreparabile, combinare un pasticcio, un guaio, guastare una faccenda.
Rivoltare la frittata (figurato) rigirare il discorso per rimangiarsi una frase incauta, cambiare le carte in tavola.

Una (parola) giapponese a Roma

Backspin [beks’pin]
Locuzione inglese, composto di back ‘indietro’ e spin ‘rotazione.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
(sport) Nel golf, nel tennis, nel ping pong e nel baseball, colpo effettuato dall’alto verso il basso che imprime alla palla una rotazione all’indietro in modo da allungarne la traiettoria, di aumentare l’angolo di rimbalzo e di ridurre la velocità dopo il rimbalzo. Viene anche chiamato slice o underspin.

L’idiota

Capòcchio
Derivato di capocchia.
Sostantivo maschile e aggettivo.
(antico) Persona di poco intelletto, balordo.

La parola rovinata

TUTTORIAL
Istruzioni gratuite in video per imparare a fare qualsiasi cosa.

Di Franco Palazzi.

Contemplare, Top spin; Luoghi; Rovinata

marzo 14, 2019

Contemplàre
Dal latino contemplare, forma collaterale del latino classico contemplari, propriamente ‘attrarre nel proprio orizzonte; osservare (il volo degli uccelli) entro uno spazio circoscritto detto templum’.
Verbo transitivo (io contèmplo ecc.).
1. Guardare a lungo, osservare con attenzione cosa che desti meraviglia o ammirazione: contemplare lo spettacolo di una cascata, un quadro.
(figurato) Meditare, considerare, fissare il pensiero su qualcosa: contemplare la grandezza di Dio.
2. Prevedere, prendere in considerazione, riferito a leggi, regolamenti e simili: il reato non è contemplato dal codice; il testamento contempla questa eventualità; caso serio, figliuolo, caso contemplato (Manzoni).

Contemplànte
Participio presente di contemplare, anche usato come aggettivo e sostantivo maschile e femminile.
Che o chi si dedica alla contemplazione delle cose celesti: spiriti contemplanti, anime di contemplanti, con particolare riferimento agli spiriti del settimo cielo dantesco.

Una (parola) giapponese a Roma

Top spin [top ‘spin]
Locuzione inglese, composto di top ‘in alto’ e spin ‘rotazione’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
(sport) Nel golf, nel tennis, nel ping pong e nel baseball, colpo effettuato dal basso verso l’alto che imprime alla palla una rotazione in avanti in modo da arcuarne la traiettoria verso il basso, di ridurne l’angolo di rimbalzo e di aumentarne la velocità dopo il rimbalzo. Viene anche chiamato lift.

Luoghi di dire

Fascino slavo
L’irresistibile attrattiva che viene attribuita alla bellezza, soprattutto femminile, slava. L’espressione è spesso usata in senso ironico o scherzoso, con riferimento a uomo o donna che si ritenga assai attraente, anche se non slavo o slava.

Certo, se qualche lettrice o lettore ci dicesse che esiste un modo di dire analogo nei paesi slavi, sarebbe bellissimo. Potremmo spostarlo nella rubrica Luoghi (comuni) del mondo.

La parola rovinata

MARTIN SPERSE LA CAPPA
Lutero dileguò le oscure nubi che incombevano sul Cristianesimo.

Di Pietro Scalzo.

Propellente, Patron; Giuoco; Antonomasia; Rovinata

marzo 13, 2019

Propellènte
Dal latino propellens -entis, participio presente di propellere ‘spingere avanti’.
Aggettivo.
Atto a imprimere una spinta in avanti a un corpo, che dà la propulsione.
Carica propellente: nelle armi da fuoco, la carica dalla cui esplosione si genera la spinta iniziale del proiettile.
Esplosivo propellente: lo stesso che esplosivo deflagrante.

Sostantivo maschile.
1. Lo stesso che carica propellente.
Niscela ossidante combustibile, per la propulsione di razzi o missili.
Massa dalla cui espulsione, previa gassificazione per combustione, si origina la spinta propulsiva: è costituita da un sistema combustibile e ossidante (o comburente), mescolati o separati, che si mescolano solo nella camera di combustione. I propellenti liquidi utilizzano come combustibili idrogeno liquido, idrocarburi, alcole metilico o etilico, ammoniaca liquida ecc., e come ossidanti ossigeno liquido, acqua ossigenata, nitrometano ecc.; i propellenti solidi sono in genere costituiti da miscugli di nitrocellulosa con nitroglicerina addizionati con stabilizzanti; propellenti ibridi sono quelli composti di una fase solida e una liquida. I propellenti comunemente usati per le cosiddette bombolette spray sono costituiti da fluorocarburi clorurati che agiscono da riducenti sulla molecola dell’ozono e sono pertanto accusati della diminuzione di quest’ultimo nell’atmosfera e del conseguente indebolimento del suo effetto protettivo dall’eccesso di radiazioni ultraviolette.
Propellente nucleare: quello caratterizzato dallo sfruttamento di energia di origine nucleare.
Propellente a emissione di ioni o di fotoni: quello che sfrutta la spinta esercitata dall’emissione di ioni fortemente accelerati o di fotoni ad alta energia.
3. (figurato) Spinta, motivazione che stimola a fare qualcosa: la protesta è servita da propellente per far approvare la legge.
I mezzi necessari per intraprendere un’iniziativa, un’attività: non è possibile avviare un’impresa commerciale senza un massiccio propellente finanziario.

Una (parola) giapponese a Roma e Frasi per giuoco

Patron [pa’tron]
Voce francese, dal latino patronus.
Sostantivo maschile invariabile.
Patrono, padrone, capo.
Il termine, in uso in Francia per indicare l’organizzatore del giro ciclistico di quel paese, è passato con significato analoghi nel linguaggio sportivo italiano: il patron del giro d’Italia.
Anche in riferimento ad organizzatori di festival, concorsi canori o di bellezza, spettacoli ecc.
2. Nel gergo della moda, cartamodello.

L’antonomasia e il soprannome

L’Idalgo mancego, o il Mancego è, per antonomasia, Don Chisciotte della Mancia, protagonista dell’omonimo romanzo di Miguel de Cervantes. O meglio, per dirla alla spagnola, l’Hidalgo manchego, o il Manchego, è Don Quijote de la Mancha.

La parola rovinata

MARTIN BOTERO
Il Deformatore dei corpi ritratti.

Di Pietro Scalzo.