Archive for febbraio, 2017

R- Link utili; Danda, Patchouli; Accento; Perle

febbraio 28, 2017

Link utili

Usciamo un momento dalla Parolata Ristampata, e torniamo nel 2017, per informarvi che è stato aggiunto un link utile nel nostro elenco: si tratta del sito www.dizy.com, qualcosa di più di un dizionario poiché fornisce anche informazioni enigmistiche, definizioni da dizionari storici, esempi e utilizzi delle parole, oltre a varie altre informazioni. Un dizionario davvero utile e divertente.

Parola

Dànda
Voce onomatopeica.
Sostantivo femminile.
Ciascuna delle due strisce di tessuto o di cuoio con cui si sorreggono i bambini quando cominciano a camminare.
Aver bisogno delle dande: (figurato) si dice di chi, come un bambino, necessita del continuo aiuto degli altri.

Una (parola) giapponese a Roma

Patchouli [patSu’li]
Voce francese; da una voce indigena dell’India meridionale.
Sostantivo maschile invariabile.
Pianta erbacea tropicale simile alla menta, da cui si ricava un’essenza usata in profumeria, detta anche alcol di patchouli (famiglia Labiate).

L’accento, questo sconosciuto

Si dice gòmena, e non gomèna. Il vostro curatore aveva sempre sbagliato pronuncia, evidentemente.

Grosso cavo di canapa usato in marina per ormeggio, rimorchio, operazioni di varo, composto di diverse corde attorcigliate.

Perle dai porci

“I colpi sono stati sparati per assaggiare le difese irachene.”
Un generale alla televisione.

Fornita da Piero Mozzone.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Numero speciale della rubrica della Canzone per informare i partecipanti al concorso che non possiamo accettare risposte in cui si indichi solo il titolo della canzone, pur se corretto, e che nella soluzione deve essere indicato anche il passaggio intermedio, cioè la frase di soluzione dell’indizio di Omero. Risposte sbagliate anche di una sola lettera non verranno considerate valide.

Visto che in questo numero molti hanno risposto solo con il nome della canzone, chiediamo di inviare una ulteriore risposta in cui specificate anche la frase intermedia.

Annunci

R- Agrippina, Yacht; Uomini; Accento; La sai!; Canzone

febbraio 27, 2017

Agrippìna
Da una celebre statua di donna seduta, creduta Agrippina moglie di Germanico, nel Museo Capitolino.
Sostantivo femminile.
Divano da riposo solitamente munito di una spalliera e di un unico bracciolo.

Una (parola) giapponese a Roma

Yacht [jot]
Voce inglese; dall’olandese antico jaght (schip), propriamente ‘(nave) da caccia’, per la sua velocità.
Sostantivo maschile invariabile.
Grossa imbarcazione privata da diporto, a vela o a motore; panfilo.

Uomini e parole

Agrippina è fornita dalla redazione.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice fortùito, o, meno correttamente, fortuìto (latino).

La sai l’ultima!

Un uomo entra in un bar con un coccodrillo al guinzaglio e chiede: "Servite anche i neri in questo bar?"
Il barista: "Certo, noi non siamo razzisti."
E l’uomo: "Allora un martini per me e due neri per il mio coccodrillo."

Dalla redazione.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Termina la ventiseiesima canzone, ecco i risultati: BettyBlu (5+5), Fermassimo (5+4), Pietro Scalzo (5+3), Alberto Cacciari (5+2), Simona Gavagni (5+1), Piero Fabbri, M.Fisk, Michele, Marco Marcon, Giuly (5).

Siamo giunti alla ventisettesima canzone, la prima dopo avere raggiunto la metà del concorso. Per festeggiare degnamente la ricorrenza è stata pubblicata sul sito la foto del premio del concorso. La fotografia è volutamente sfuocata affinché la bellezza del premio non sconvolga le menti di chi la guardi, in ogni caso chiediamo alle persone particolarmente sensibili di evitare di seguire il link. E ora possiamo giocare, fino a mercoledì primo marzo.

4/3/1943 (4 5 2 5 3 5)

R- Flogosi, In nuce; Sbagliati: Fiasco; Accento

febbraio 24, 2017

Flogòsi
Dal greco phlógosis ‘combustione, infiammazione’, derivato di phlogôun ‘infiammare’.
Anche flògosi.
Sostantivo femminile.
(medicina) Infiammazione.

Una (parola) giapponese a Roma

In nuce [in’nutSe]
Locuzione latina; propriamente ‘(che sta) in una noce’.
Locuzione avverbiale e aggettivale.
1. Si dice di ciò che è esposto in sintesi, negli elementi essenziali.
2. Si dice di fenomeno allo stadio embrionale, iniziale.

Uomini sbagliati e parole

Fiasco
Sostantivo maschile [plurale fiaschi].
1. Recipiente di vetro rivestito di paglia o di plastica, panciuto in basso e sottile al collo: il chianti si vende in fiaschi.
(estensione) Il liquido che esso contiene: bere un fiasco di vino.
2. (figurato) Esito negativo, insuccesso: lo spettacolo, il romanzo è stato un fiasco; fare fiasco, non riuscire, fallire in qualcosa.

Etimologia vera:
dal germanico flasko; il significato 2, forse nato dal gergo teatrale, non ha una spiegazione sicura.

Etimologia falsa:
dal nome dell’impresario italiano Alessandro Fiasco (1792-1869), che organizzò una rappresentazione della Lucia di Lammermoor a Mantova nel 1837 durante la quale crollò il palcoscenico.

A cura di Marco etimolog. Marcon.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice flògosi (greco), ma anche flogòsi (latino).

R- Inquartato, Pate; Accento; Rovinata; Canzone

febbraio 23, 2017

Parole a confronto

Inquartàto
Derivato di quarto (nome di ciascuna delle quattro parti in cui viene suddiviso un animale da macello), col prefisso in.
Aggettivo.
Che ha una complessione fisica solida, robusta: un ragazzo ben inquartato.

Inquartàto
Derivato da inquartare, dividere lo scudo in quarti per mezzo di due linee intersecantesi al centro.
Aggettivo.
(araldica) Detto di scudo con il campo diviso in quattro parti uguali.

Una (parola) giapponese da Perilli

Pâté [pa’te]
Voce francese, da pâté ‘pasta’.
Sostantivo.
1. Preparazione gastronomica fredda a base di carni o di altro, mescolati con una farcia, aromatizzata con odori e vini solitamente liquorosi o cognac, che viene cotta in forno, per lo più avvolta in una crosta di pasta salata: pâté en croute.
2. Pasticcio di carne (per estensione anche di tonno, olive, ecc.) di consistenza cremosa, passata al setaccio: pâté de foie-gras. Sinonimi: mousse, spuma, pasticcio.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice èureka, e non eurèka.

La parola rovinata

ZENZERO
Senza alcuna traccia di buddismo nipponico.

Una parola rovinata da Umberto Trinchero.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Soluzione della ventiseiesima canzone:
Il dottor Zivago al telefono (4 4 4 4)
Ciao Lara come stai, per la canzone Ciao cara come stai di Iva Zanicchi.

R- Magniloquente, Specimen; Accento

febbraio 22, 2017

Magniloquènte
Dal latino magniloquentia(m), composto di magnus ‘grande’ e un derivato di loqui ‘parlare’.
Aggettivo.
(letterario) Che parla o scrive con stile solenne e ricercato: un oratore magniloquente.
(spregiativo) Ampolloso, ridondante: una prosa gonfia e magniloquente.

Una (parola) giapponese a Roma

Specimen [‘spEtSimen]
Voce latina; propriamente ‘modello, esempio’, derivato di specere ‘guardare, osservare’.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Saggio, campione; in particolare, pubblicazione di poche pagine, a scopo pubblicitario, contenente saggi di una grande opera editoriale in preparazione.
2. (bancario) Firma autografa rilasciata dal cliente su apposito cartoncino, della quale la banca si serve per verificare l’autenticità della firma apposta sugli assegni che verranno presentati all’incasso.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice esplèto (verbo espletare), e non èspleto.