Posts Tagged ‘nulla’

MALMOSTOSO, BETEL; Uomini; Nulla: premiazione

marzo 26, 2009

Malmostóso
Dal milanese malmostós, composto di mal ‘male, malamente’ e mostós ‘ricco di mosto, sugoso’.
Aggettivo.
(regionale) Di cattivo umore, incline a continui lamenti; scontroso e noioso: tono malmostoso; gente malmostosa; bambino malmostoso.
Anche usato come ostantivo maschile [femminile malmostosa]: andiamo, non fare il malmostoso!

Una (parola) giapponese a Roma

Bètel
Dal portoghese bét(e)le, che è da una voce malese.
Sostantivo maschile.
1. (botanica) Arbusto rampicante del genere Pepe coltivato in Asia meridionale per le foglie dotate di lieve azione eccitante.
Olio aromatico e balsamico ricavato dalle foglie di tale pianta.
Bolo preparato, secondo l’uso indo-malese, con una foglia di tale pianta, nella quale si avvolgono un polveri di noce di areca, ossido di calcio e qualche aroma. Viene masticato dalle popolazioni indomalesi per le sue proprietà euforizzanti.
2. Nome comune di una pianta del genere Areca.

Uomini e parole

Ferecratèo
Dal greco pherekráteion (métron) ‘(verso) di Ferecrate’, commediografo greco del secolo V a. C.
Anche ferecràzio.
Sostantivo maschile.
Verso della metrica classica considerato un gliconeo catalettico; è una tripodia con spondeo o trocheo in prima sede, dattilo in seconda e spondeo o trocheo in ultima.

Come aveva fatto a sfuggire questa parola utilizzatissima alle nostre ricerche?

Molti libri per nulla

Amiche e amici,
ieri alla presenza di tre testimoni (Marco Marcon, Paolo Campia e parzialmente Massimo Chiappone) si è concluso il concorso con il sorteggio degli ultimi premi in palio. I vincitori sono stati:
Diamantis per il prestigioso soprammobile conchiglioso,
Vizi Coloniali per il libro "Olga la rossa",
Giovanni Fracasso per il libro "Crepuscolo civile",
Simona Brugnoni per il libro "12 mesi a Funchal".
Ricordiamo che Vizi Coloniali ha anche vinto il primo premio consistente in un Topolino di pregevole fattura.

Lascio a Vizi la parola per due parole che desidera dire:

— Volevo solo dirti che mi sono divertito molto (anche se lo si poteva supporre) e che, francamente, ho temuto fino in fondo di non vincere. Ho avuto avversari forti e non vedo l’ora che cominci il nuovo concorso :) —

Ringraziamo una volta di più tutti i partecipanti al gioco e, potete fidarvi, la redazione al completo sta lavorando furiosamente per organizzare un nuovo concorso letterario.

FERENTARIO, KOMBU; Paesi: FAIENCE; Nulla: estrazione

marzo 25, 2009

Ferentàrio
Dal latino ferentariu(m), di etimo incerto.
Sostantivo maschile.
Nell’antica Roma, soldato della legione a piedi o a cavallo che portava armi da getto (arco, fionda, pietre, frecce ecc.) e aveva il compito di provocare il nemico al combattimento.

Una (parola) giapponese da Perilli

Kombu [pronuncia ‘kombu]
Voce giapponese.
Sostantivo maschile invariabile.
Alga rossa commestibile utilizzata nella cucina giapponese e in regimi vegetariani perché ricca di vitamine e sali minerali.

Nomi di paesi, la parola

Faïence [pronuncia fa’jans]
Voce francese, anticamente fayence, propriamente nome francese della città di Faenza, in provincia di Ravenna.
Sostantivo femminile invariabile.
1. (arte) Tipo di ceramica a pasta colorata, porosa e rivestita di smalto bianco, la cui lavorazione in Francia era ritenuta originaria di Faenza già dal secolo XVII.
2. (archeologia) Ceramica a smalto di epoca minoica.

Molti libri per nulla

Oggi l’estrazione, domani saprete i nomi dei vincitori dei premi.

LIVREA, BROCHE, BROCHÉ; Lettori; Nulla

marzo 23, 2009

Livrèa
Dal francese livrée, sottinteso robe ‘veste’, propriamente femminile del participio passato di livrer ‘consegnare, fornire’, in quanto la veste era fornita dai padroni alla servitù.
Sostantivo femminile.
1. Uniforme che in passato era indossata un tempo dai servitori delle grandi famiglie signorili: maggiordomo, cocchiere in livrea.
(disusato) Uomo di due livree: servitore di due padroni; (figurato) chi ha una condotta ambigua e falsa.
Portare la livrea di qualcuno: essere al suo servizio; (figurato) essergli servilmente devoto.
2. (zoologia) Aspetto e colore del piumaggio degli uccelli, del pelame o della pelle degli animali, spesso variabile nell’arco dell’anno: livrea estiva, invernale.
3. (raro) Alloggio destinato agli ospiti.

Due (parole) giapponesi a Roma

Broche [pronuncia brOS]
Voce francese; derivato del latino broccu(m) ‘sporgente, aguzzo’.
Sostantivo femminile invariabile.
1. Spilla, spillone; fermaglio.
2. Spiedo: pollo alla broche.

Broché [pronuncia brOS’Se]
Voce francese; participio passato del verbo brocher ‘rilegare’.
Sostantivo femminile invariabile.
Di un libro, cucito e rilegato rozzamente.

I lettori ci scrivono

Ci scrive Valerio Di Stefano.

— A proposito del termine "pistino" come sinonimo di "pignolo" (e quindi con funzione aggettivale), ritengo che sia una variante del toscano "pestino" (da cui "pestinoso") con l’accezione di "selvatico".
"Sai di pestino!" in toscano ha il valore di "hai odore di selvatico" (il riferimento primo è al sapore forte che ha la cacciagione quando viene cucinata), quindi, per traslato, si riferisce a una persona che sa il fatto suo e sa far valere bene le sue ragioni, argomentandole con puntualità quasi "puzzolente". —

Molti libri per nulla

Amiche e amici, siamo giunti al sorteggio dei premi per il concorso.
Mercoledì 25 marzo 2009 alle ore 12,30 avverrà l’estrazione nell’ufficio di Carlo Cinato, a Torino, in presenza di alcuni testimoni. Chi fosse interessato a partecipare può inviare una mail alla redazione e gli verrà comunicato l’indirizzo e il luogo esatto dell’estrazione.

Ricordo che i premi a estrazione saranno 4: un pregevole manufatto messo in palio dalla Parolata e tre libri della casa editrice Scritturapura gentilmente forniti da un partecipante anonimo al concorso.
L’estrazione avverrà utilizzando il programma di generazione di numeri casuali presente sul sito www.random.org.

Speciale Molti libri per nulla: VIZI, COLONIALI; Nulla

marzo 9, 2009

Speciale Molti libri per nulla

Vìzio
Dal latino vitiu(m) ‘difetto’, di etimo incerto.
Sostantivo maschile.
1. La disposizione abituale e costante al male; l’acquiescenza continua agli istinti più bassi: vivere nel vizio; un uomo pieno di vizi. Contrario: virtù.
2. (estensione) Cattiva abitudine, che è o può risultare dannoso a sé o agli altri: il vizio di fumare, del gioco; ha il vizio di mangiarsi le unghie.
(estensione) Ogni elemento cattivo del carattere, dovuto specialmente a un’educazione sbagliata: quel bambino è pieno di vizi.
3. (disusato) Voglia strana, capriccio.
4. Difetto, imperfezione: quest’oggetto ha un vizio di lavorazione; un cavallo con un vizio alla gamba.
(anatomia) alterazione morfologica e funzionale di una parte del corpo, di un organo e simili.
Vizio cardiaco: (medicina) disturbo dell’attività cardiaca che deriva da un’alterazione delle valvole del cuore.
Vizio di mente: in medicina legale e in diritto penale, infermità mentale di un imputato che ne esclude, se totale, l’imputabilità o determina, se parziale, una riduzione della pena.
5. (diritto) Difetto della cosa venduta che la rende non idonea all’uso cui è destinata o ne diminuisce sensibilmente il valore.
Mancanza di un requisito di forma o di sostanza che rende non valido un atto giuridico: vizio di procedura, di consenso; questo documento ha un vizio di forma.
6. (raro) Errore, scorrettezza: vizio di ortografia, di sintassi.
(estensione) Aspetto o elemento negativo.

Viziàre
Dal latino vitiare, derivato di vitium ‘vizio’.
Verbo transitivo [io vìzio ecc.].
1. Indulgere nei confronti della condotta di qualcuno, consentendogli di acquisire abitudini e tenere comportamenti poco corretti: viziare i figli.
2. (diritto) Rendere invalido: un’omissione che vizia il contratto.
3. Corrompere, causare un vizio, un difetto in qualcosa; rendere di minor pregio: un restauro che vizia la bellezza dell’opera, viziare il candore.
4. (disusato) Deflorare.

Viziàrsi
Verbo intransitivo pronominale.
Prendere vizi o difetti: crescendo in quell’ambiente si è viziato.
(estensione) Detto di cose, guastarsi, deteriorarsi: il vino al caldo si è viziato, l’aria della stanza si è viziata.

Colònia
Dal latino colonia(m), derivato di colonus ‘colono’.
Sostantivo femminile.
1. Nell’età antica, nucleo di popolazione civile trasferita dalla madrepatria in un altro territorio, in genere scarsamente abitato, per crearvi un insediamento stabile: colonia greca, romana.
In età moderna, paese geograficamente lontano su cui uno stato stabilisce militarmente la sua sovranità, con l’intento di sfruttarne le risorse economiche a proprio vantaggio: l’India fu colonia britannica.
2. (estensione) Le persone di una stessa nazione o città che risiedono lontano dalla madrepatria: la colonia italiana di Buenos Aires.
3. Colonia penale: stabilimento penitenziario lontano dalla madrepatria, destinato un tempo ai condannati a lunghe pene detentive.
Colonia agricola: luogo al quale sono assegnati, dopo aver scontato la pena, i condannati socialmente pericolosi.
4. Colonia (alpina, montana, marina ecc.): istituzione che provvede al soggiorno estivo di ragazzi in luoghi di villeggiatura.
L’edificio che li ospita.
L’insieme dei ragazzi ospitati.
5. (biologia) Aggregato di individui animali o vegetali della stessa specie che costituiscono un’unica entità: colonia di coralli.

Coloniàle
Aggettivo.
1. Di, relativo a una colonialoniale.
Stile coloniale: stile architettonico ibrido tra forme importate dal paese d’origine dei colonizzatori e forme locali; per antonomasia, quello proprio degli Stati Uniti d’America nel periodo in cui erano colonia britannica.
2. (biologia) Si dice di organismo che vive in colonia.
3. Di colore marrone chiaro, simile al beige.

Sostantivo maschile.
1. [anche femminile] Chi vive in una colonia.
2. (plurale) Generi alimentari che provengono da paesi extraeuropei (caffè, cacao, spezie ecc.).

Molti libri per nulla

È giunto il momento atteso e temuto da tutti i partecipanti al concorso: Vizi Coloniali guadagna i punti che gli mancavano per arrivare a 200 e conclude la sua fatica. I nostri complimenti a lui e a tutti coloro che hanno partecipato al concorso raccogliendo almeno un punto, ma complimenti anche a coloro che non hanno mai indovinato nulla.

Il cinquantesimo libro è stato indovinato dai seguenti concorrenti: Mauro Cociglio al primo indizio (10 punti); Marco Marcon al secondo (8 punti) insieme a Massimo Chiappone (7 punti). Al terzo risponde, appunto, Vizi Coloniali (5 punti) con Mauro Palma (4 punti), Maria Rita Pepe e MT (3 punti).

Per l’ultima volta in questa edizione del concorso, alla solita pagina trovate la risposta esatta. Ed ecco la classifica finale del concorso per i 33 partecipanti.

1 Vizi Coloniali 202
2 Giovanni Fracasso 188
3 Gen. Specifico 158
4 Maria Rita Pepe 145
5 Marco Marcon 130
6 Giovanna Giordano 111
7 Massimo Chiappone 105
8 Mauro Cociglio 80
9 Berilio Luzcech 75
10 Piero Fabbri 73
11 MT 42
12 Maurizio Codogno 33
12 Michele 33
14 Milou 28
15 Francesco Caiazzo 23
16 Diamantis 20
17 Mauro Palma 19
18 Riccardo Lancioni 15
18 Massimo Duchi 15
20 Nicoletta B. 14
21 Evelino Bomitali 12
22 Simona Brugnoni 11
23 Francesca Mola 10
24 Stefania Bavazzano 7
25 Nicoletta 5
25 Murialdog 5
27 Francesca Ortenzio 4
28 Laura Bernasconi 2
28 Gloria Trevisan 2
28 Mauro Paolo Franco 2
28 Manuela 2
32 Frustalampi 1
32 NicoCur 1

Nei prossimi giorni verrà organizzato il sorteggio per i premi a estrazione, vi verrà comunicato il luogo e l’ora in modo che possiate partecipare o inviare i vostri avvocati per verificare la correttezza delle operazioni.

Sito; ITALIOTA, REPECHAGE; Battuta; Nulla1

marzo 3, 2009

Sul sito

Sul sito potete trovare una breve guida di una pagina per aiutare chi desidera pubblicare un libro. L’ha preparata la gente della casa editrice Progetto cultura 2003.

Abbiamo approfittato dell’occasione per aggiungere qualche link nella pagina dei link utili: un link per imparare l’inglee, uno per lo spagnolo, due case editrici, un forum sulla lingua italiana e un sito dove ascoltare libri letti da attori.

Parole

Italiòta
Dal greco Italiótìs.
Sostantivo maschile e femminile [plurale maschile italioti].
Nome con cui gli antichi greci indicavano gli abitanti delle colonie dell’Italia meridionale (Magna Grecia).

Aggettivo.
Della Magna Grecia: le colonie italiote.

Aggettivo e sostantivo maschile e femminile.
(spregiativo) Italiano, con riferimento agli aspetti deteriori.

Una (parola) giapponese a Roma

Repêchage [pronuncia repE’SaZ]
Voce francese; derivato di repêcher ‘ripescare’.
Sostantivo maschile invariabile.
1. (non comune) Il ripescare; recupero di qualcosa che era stato messo da parte, abbandonato da tempo: repêchage di un modello degli anni ’50.
Ritorno in auge di un personaggio un tempo noto e famoso.
2. (sport) Gara che si disputa tra i concorrenti eliminati nelle batterie; consente a chi vince o si piazza di venire recuperato e passare al turno successivo.
3. (politica) Ripresa in esame da parte di una nuova legislatura di un disegno di legge approvato nella legislatura precedente da un solo ramo del parlamento.
Recupero di un candidato escluso da una tornata elettorale.

Battuta obbligatoria

Berilio Luzcech ci invia un contributo, lasciamo quindi a lui la parola.

— Quando uno esce dall’ufficio dicendo "vado a prendere un caffè!" e si ripresenta dopo un’ora o più uno dei colleghi che lo vedono arrivare deve dire: "era un caffè lungo?" —

Molti libri per nulla

Secondo indizio
Alla vostra sinistra il promesso sposo, rifiutato più volte dalla donna, ma che inizialmente riesce a prevalere grazie alla presunta maggiore serietà e alla preferenza che la famiglia della donna gli accorda.