Posts Tagged ‘fuoriluogo’

Erpice, Stud-book; Animali; Fuoriluogo

maggio 25, 2016

Érpice
Latino hirpex -picis, derivato di hirpus, nome sannita del lupo, propriamente ‘quello che ha i denti di lupo’.
Anche èrpice.
Sostantivo maschile.
Macchina agricola, che può essere trainata da animali o da trattrici, impiegata dopo l’aratura per spianare e sminuzzare il terreno smosso, e inoltre per interrare semi e concimi, rompere le sottili croste superficiali del terreno, asportare residui vegetali ecc.; è costituita da un telaio, rigido o snodato, che reca denti rigidi o lame flessibili.
Erpice rotante o a dischi: tipo di erpice con organi di lavoro formati da calotte sferiche a bordo tagliente circolare o finestrato, detto anche erpice frangizolle per la sua capacità di rompere zolle particolarmente compatte.

Erpicàre
Derivato di erpice.
Verbo transitivo (io érpico, tu érpichi ecc.).
Lavorare il terreno con l’erpice: erpicare un campo, il terreno.

Una (parola) giapponese a Roma

Stud-book [stad ‘buk]
Locuzione inglese, composto di stud ‘allevamento di cavalli, scuderia’ e book ‘libro’.
Sostantivo maschile invariabile.
Libro che registra le genealogie dei cavalli purosangue adibiti alla riproduzione, dei puledri nati da essi, e dei purosangue più importanti.

Animali di parole

La Parolata scoverà tutte le parole derivate da animali del mondo, è solo questione di tempo. Oggi è toccato a erpice.

Luoghi fuori luogo

Limosano è molisano, e anche Sant’Angelo Limosano è molisano. Non sono quindi due comuni fuori luogo, anzi, essendo degli anagrammi della regione, ma ci sembrava eccessivo inaugurare una rubrica per loro due, quindi li citiamo qui e non se ne parla più.
Il toponimo era anticamente "Musanum", derivato da "Limus-Satus", cioè "limo fecondo".

Effluvio, Gore; Fuoriluogo; Canzone

maggio 16, 2016

Efflùvio
Dal latino effluvium, derivato di effluere ‘sgorgare’.
Sostantivo maschile.
1. Il diffondersi d’un profumo intenso, specialmente di fiori o d’altre cose naturali: i profumati effluvi della primavera; cipressi e cedri Di puri effluvi i zefiri impregnando (Foscolo).
(non comune) Esalazione: i pestiferi effluvi della palude.
(scherzoso) Cattivo odore, puzzo: avvertivo un effluvio poco gradevole.
Per analogia, intensa emanazione o irradiazione: un effluvio di luce.
2. Effluvio elettrico: (fisica) uno dei tipi di scarica elettrica nei gas, che si ha quando la tensione è di poco inferiore a quella in cui s’innesca la scarica a scintilla.

La chattata, ovvero la Parolata e internet

Gore [gor]
Voce inglese, propriamente ‘sangue sgorgato da un corpo’.
Sostantivo maschile invariabile.
Denominazione di siti intranet che mostrano immagini e video contenenti scene particolarmente sanguinarie e violente, generalmente tratte da materiale documentale relativo a incidenti o omicidi reali.

Luoghi fuori luogo

Ci scrisse Vizi Coloniali.

— [Nell’elenco dei luoghi fuori luogo] vi compare Sant’Angelo dei Lombardi (Avellino). Nella stessa provincia di Avellino ci sono anche i comuni di Guardia Lombardi e Torella dei Lombardi. Il motivo credo sia lo stesso: furono fondati dai longobardi. —

Il motivo è lo stesso, tanto che il nome latino del primo è Guardiae Longobardorum, mentre il secondo è stato fondato durante il regno del re longobardo Ludovico II.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Care giocatrici e cari giocatori,
inizia finalmente il nuovo concorso della Parolata giocato con gli indizi di Omero Mazzesi.

Vi ricordo che l’indizio deve portarvi a una frase o a una parola, come indicato insieme all’indizio, dalla quale, cambiando una lettera, si ottiene il titolo in italiano di una canzone.
Dovrete quindi inviare il prima possibile ed entro mercoledì 18 maggio, all’indirizzo redazione@parolata.it o rispondendo alla mail della newsletter, il titolo della canzone. Analogamente agli altri concorsi della Parolata, potrete inviare una sola risposta per indizio.
La soluzione verrò pubblicata con la newsletter di giovedì, i risultati e il nuovo indizio invece vi verranno comunicati lunedì 23 maggio.

Ecco a voi il primo indizio e il numero di lettere delle parole della soluzione:
Cyclette (2 5 2 3 6)

Guarnacca, Accia, Honing; Universali: Ovvero; Fuoriluogo

maggio 4, 2016

Guarnàcca
Di etimo incerto, forse incrocio del provenzale guarnacha e di guarnire.
Anche guarnàccia (plurale guarnacce).
Sostantivo femminile.
Ampia e lunga sopravveste senza maniche, talvolta foderata di pelliccia e munita di cappuccio, usata nei secoli dal XII al XVI soprattutto dagli uomini, per ripararsi dal freddo e dalla pioggia.
(raro) Veste da camera di foggia antiquata.
(regionale) Lunga e rozza veste da lavoro usa dai contadini.

Guarnèllo
Incrocio di guranacca e gonnella.
Sostantivo maschile.
1. Antico tessuto d’accia e di bambagia, che veniva adoperato per abiti modesti o per fodera.
2. Specie di sottana con corpetto scollato e senza maniche, portata dalle contadine per casa o sotto altre vesti più belle.
Tipo di veste maschile, semplice e dimessa: portava un rado guarnellino bianco (Foscolo).

Àccia
Latino acia, affine ad acus ‘ago’.
Sostantivo femminile (plurale acccie o acce).
1. Filo greggio e ridotto in matasse, di lino, canapa ecc.: stendeva sopra un biancospino L’accia filata nell’inverno al fuoco (Pascoli).
2. (regionale) Gugliata.

Una (parola) giapponese a Roma

Honing [‘oning]
Voce inglese, derivato di (to) hone ‘levigare, smerigliare’, derivato di hone ‘cote, pietra abrasiva’.
Sostantivo maschile invariabile.
(tecnica) Levigatura di superfici effettuata mediante una lisciatrice munita di utensile rotante con pietra abrasiva.

Parole universali e La Parolata propone

Ovvéro
Composto di o e vero.
Anche, antico, o vero.
Congiunzione (letterario).
1. Ossia, cioè, si usa per precisare o correggere un concetto precedentemente espresso: l’autore dei «Promessi Sposi», ovvero Alessandro Manzoni; questa notte, ovvero questa mattina presto.
2. (raro) O, oppure, con valore disgiuntivo.

Sarà raro, come dice il dizionario, ma il vostro curatore quando sente ‘ovvero’ ha spesso il dubbio se sia da intendere come ‘cioè’ o come ‘oppure’. La Parolata propone al mondo di eliminare una volta per tutte il secondo significato.

Luoghi fuori luogo

Vallo della Lucania è un comune in provincia di Salerno, quindi in Campania. Faceva parte, però, del territorio in cui a partire dal V secolo abitarono i lucani, che comprendeva grosso modo l’attuale Basilicata e il Cilento.

Si tratta di una segnalazione di Vizi Coloniali fatta nel 2010 e smaltita solo ora.

Premiale, Gorodisce; Lettori; Canifuoriluogo; Conchiglie

novembre 20, 2014

Premiàle
Dal latino tardo praemialis, derivato di praemium ‘premio, ricompensa’.
Aggettivo.
Che premia, che costituisce un premio o una ricompensa; in particolare, nella recente pubblicistica, detto di norme, leggi e simili che prevedono una notevole riduzione di pena per quegli imputati, specialmente di reati mafiosi e terroristici, che decidano di collaborare con la giustizia.
Detto anche di diritto premiale, che incoraggia il rispetto delle norme per mezzo di premî (onorificenze, gratifiche economiche, riduzioni tributarie), in contrapposizione al diritto penale, che si limita a irrogare pene a chi trasgredisca le norme giuridiche.

Premialità
Derivato di premiale.
Sostantivo femminile.
Il carattere delle norme premiali; il fatto di essere premiale.

Una (parola) giapponese a Roma

Gorodisce [gorodiSe]
Voce russa, derivato di gorod ‘città’.
Sostantivo maschile invariabile.
(paletnologia) Resto di antico villaggio fortificato, tipico di una civiltà protostorica individuato nella Russia centrale.

I lettori ci scrivono

Angelo Boselli ci scrisse tanto tempo fa, e parlava di parole usate malamente dai giornalisti.

— Le parole "altezza" e "altitudine": la prima indica la distanza dal suolo, la seconda indica l’elevazione dal livello del mare. Quando sento un giornalista affermare che il tal paese è a 1000 metri di altezza, penso sempre che subito dopo si schianterà al suolo provocando una strage. —

Cani fuori luogo

Ci ha scritto Smallfountains, tanto tempo fa che lui neanche se lo ricorda. Non sappiamo dove pubblicare il suo contributo, allora lo mettiamo in questa rubrica estemporanea.

— Noto che ci sono anche gli animali fuori luogo [oltre ai luoghi fuori luogo N.d.C]: infatti il cane corso si chiama così non perchè sia originario della Corsica, bensì perchè stava nella coorte, come guardiano del giardino insomma. —

Qualcuno dice anche che derivi il nome dal dialetto pugliese, dove il corz’ è un uomo virile e dominante, ma il cane fuori luogo rimane e ci piace.

Per un pugno di conchiglie

Quinto libro, quarto indizio

– Sono molto attivi in quel paese: farebbero di tutto pur di andare contro di Lui, bisogna assolutamente insegnar loro come comportarsi.

Monouso: VEGETO, HURDLE-RACE; Lettori; Schiele; Fuoriluogo

ottobre 2, 2013

Parole monouso

Vègeto
Voce dotta, dal latino vegĕtu(m), derivato di vegēre ‘essere vivo’, forse con influenza di vigēre ‘avere vigore’.
Aggettivo.
1. Che cresce bene, prospero, rigoglioso,detto di pianta: frutteto vegeto.
2. (estensione) Che conserva salute e forza anche in età avanzata (detto di persona), vigoroso, gagliardo: un vecchietto ancora vegeto.
Vivo e vegeto: di chi è in ottima salute, malgrado ogni contraria convinzione o aspettativa: si ripresentò vivo e vegeto a chi oramai lo piangeva morto.

Vegeto, praticamente, viene usato solo nell’espressione "vivo e vegeto".

Una (parola) giapponese a Roma

Hurdle-race [hardle-rejs]
Voce inglese, composto di hurdle ‘ostacolo’ e race ‘corsa’.
Sostantivo maschile invariabile.
(sport) Nell’ippica, corsa a siepi in cui le stesse sono collocate sul percorso solo pochi minuti prima del via.

I lettori ci scrivono

Tempo fa pubblicammo l’informazione segnalataci da un lettore che lo strutto si chiama così perché si strugge, ovvero si consuma. Mario Cacciari ci scrive per aggiungere qualcos’altro.

— Se è per questo, anche il prosciutto si chiama così perché è carne conservata e prosciugata.
Me ne sono reso personalmente conto quando ho scoperto che lungo la via Emilia (la cosiddetta SS9) tra Imola (BO) e Castel Bolognese (RA) c’è una stradina che si addentra verso nord in un territorio anticamente – ma non poi troppo – paludoso. Quella strada fu prosciugata, proprio come il prosciutto e, non ridete, ufficialmente si chiama… via Prosciutta. —

Un po’ abbiamo riso, devo ammettere.

Come si dice Schiele?

I Kraftwerk, gruppo di musica elettronica tedesco, si pronuncia [‘kraftverk], con la v di Vicenza.

Luoghi fuori luogo

Mario ci fornisce implicitamente anche un luogo fuori luogo: Castel Bolognese, in provincia di Ravenna. È al confine con la provincia di Bologna, e una volta era sotto il dominio di Bologna, ha quindi buoni motivi per avere il nome che ha, ma a noi tanto basta per inserirlo nella lista.