Idromele; Paesi: Lombarde

settembre 30, 2016

Idromèle
Dal latino hydromeli, composto dal greco hydor- ‘idro-, acqua’ e meli ‘miele’.
Sostantivo femminile.
Bevanda alcolica chiamata anche vino di miele, ottenuta per fermentazione di una soluzione acquosa di miele talvolta aromatizzato con fiori di sambuco, di timo, o di rosmarino.

Nomi di paesi, la parola

Lombarde [lom’bard]
Voce regionale francese, dall’italiano lombardo.
Sostantivo femminile invariabile.
(meteorologia) Vento caldo che soffia dall’Italia verso la Francia valicando le Alpi.


Lettori: Giuliano; Paesi: Tequila; Schiele; Canzone

settembre 29, 2016

I lettori ci scrivono

Durante il periodo di ristampe della newsletter abbiamo pubblicato la parola "giuliano", col significato di Giulio Cesare. Ci scrive Mario Cacciari.

— Giuliàno, se non erro enormemente, è anche l’attributo che al tempo si diede ai profughi da alcuni territori istriano-dalmati un tempo italiani, poi annessi alla Jugoslavia alla fine della II guerra mondiale. La parola nasce dalla generica provenienza dalla Venezia Giulia, il cui nome evoca le imprese di Giulio Cesare e di Cesare Ottaviano Augusto, entrambi della Gens Julia. —

Ringraziamo il sempre prezioso e collaborativo Mario e aggiungiamo altri due significati alla parola.

Giuliàno
Aggettivo e sostantivo maschile (femminile giuliana).
Appartenente o relativo alla Venezia Giulia, territorio che insieme al Friuli forma una regione dell’Italia settentrionale; abitante o nativo della Venezia Giulia.

Giuliàno
Dal nome di Giulio Scaligero.
Aggettivo.
Ciclo o periodo giuliano: (astronomia) il periodo di tempo contenente 2.914.695 giorni (cioè 7890 anni del calendario giuliano di 365,25 giorni), che si ottiene moltiplicando tra loro il numero di anni del ciclo solare (28), di quello lunare (19), e di quello dell’indizione romana (15) e di giorni dell’anno giuliano (365.25); trascorso un tale periodo, i tre cicli anzidetti ricominciano insieme. È così denominato per riferimento all’umanista Giulio Scaligero, padre del filologo e scienziato Joseph-Juste Scaliger, che nel 1582 propose tale ciclo e fondò su esso una nuova cronologia astronomica, con istante iniziale a mezzogiorno del primo gennaio dell’anno giuliano 4713 a.C., istante in cui coincidevano gli inizi del periodo giuliano, del ciclo solare e del ciclo lunare e che, al tempo stesso, era anteriore alle epoche a cui si fanno risalire le più antiche tra le osservazioni astronomiche; in tale modo si veniva ad avere continuità tra le osservazioni astronomiche di ogni epoca.
Tale cronologia è quella universalmente in uso nell’astronomia, dando luogo al computo della data giuliana, o giorno giuliano, espressi in numero di giorni trascorsi dal detto istante iniziale.

Una (parola) giapponese da Perilli

Tequila [te’kila]
Voce spagnola, dal nome del distretto di Tequila nello stato di Jalisco nel Messico.
Sostantivo femminile invariabile.
1. Agave del Messico (Agave tequilana), coltivata per la produzione del mescal.
2. Acquavite messicana fortemente alcolica, ottenuto dalla ridistillazione del mescal.

Nomi di paesi, la parola

La tequila deriva il proprio nome da un luogo.

Come si dice Schiele?

Si dice Cànada, e non Canadà. Almeno, non più: quando il paese era una colonia francese il nome era tronco, diventato successivamente colonia inglese, e poi paese indipendente di lingua inglese, il nome è passato a essere sdrucciolo.

La Canzone Settimanale Enigmistica

L’indizio per la nona canzone era:

Ricostruita a Toronto per un film una famosa reggia (7 2 6)

La risposta è:

Casetta in Canada, attraverso il passaggio per Caserta in Canada.

I concorrenti che hanno risposto correttamente e i punti da loro guadagnati verranno pubblicati lunedì prossimo.


Passatore, Warrant; Antonomasia; Personedapersone

settembre 28, 2016

Passatóre
Derivato di passare.
Sostantivo maschile.
1. (non comune) Chi trasporta con la barca i passeggeri da una sponda all’altra di un fiume e simili; traghettatore: il passatore non voleva dispiccarsi dall’altra riva e aveva negato di tragittare alcuni cavalieri francesi (Tasso).
2. (femminile passatrice) Chi aiuta ad attraversare clandestinamente le frontiere, attraverso valichi alpini.

Una (parola) giapponese a Roma

Warrant [‘warrant]
Voce inglese, propriamente ‘garante, garanzia’, dal francese antico di origine germanica warant, corrispondente al francese moderno garant, da cui l’italiano garante.
Sostantivo maschile invariabile.
1. (commerciale) Termine corrispondente all’italiano nota di pegno: titolo di credito all’ordine, rilasciato dai magazzini generali in occasione del deposito di merci; se non è accompagnata dalla fede di deposito dà al possessore solo il diritto di pegno sulle cose depositate.
2. (bancario) Cedola, certificato che garantisce al portatore un particolare tipo di opzione d’acquisto di azioni e obbligazioni non ancora emesse a un prezzo prestabilito oppure no, ed entro un termine di scadenza prestabilito.

L’antonomasia e il soprannome e Persone da persone

Il Passatore, o il Passator cortese, era il soprannome del famoso bandito romagnolo Stefano Pelloni (1824-1851) per il mestiere di traghettatore sul fiume Lamone che esercitava prima di diventare un fuorilegge. Era anche indicato come "cortese" per alcuni presunti atti di generosità che fece verso le sue vittime. Fu ucciso in un’imboscata dopo che aveva per tre anni terrorizzato con le sue imprese il territorio della Romagna: Sempre mi torna al cuore il mio paese / Cui regnarono Guidi e Malatesta, / Cui tenne pure il Passator cortese, / Re della strada, re della foresta (Pascoli, nella poesia Romagna).

Era anche chiamato Malandri, dal cognome della donna che sposò un suo antenato.


Palliativo, Nacho; Uomini; Paesidapersone

settembre 27, 2016

Palliatìvo
Derivato di palliare.
Aggettivo e sostantivo maschile.
1. Di medicamento o terapia che tendono solo a combattere provvisoriamente i sintomi di una malattia, senza risolverne la causa: una cura palliativa; un rimedio palliativo; più spesso usato con valore di sostantivo maschile: non è una vera e propria terapia, ma solo un palliativo.
2. (figurato) Di provvedimento che non risolve una difficoltà o una situazione critica, ma ne allontana provvisoriamente le conseguenze: questa legge è solo un rimedio palliativo alla grave crisi; più spesso con uso di sostantivo maschile: sono necessari interventi radicali, non servono i palliativi.

Palliàre
Dal latino tardo palliare, ricavato dall’aggettivo palliatus ‘coperto con un pallio’.
Verbo transitivo (io pàllio ecc.).
(letterario, non comune) Coprire con un pallio, e più genericamente con un panno, con un velo.
(figurato) Dissimulare, nascondere sotto false apparenze o sotto un altro aspetto: palliare la propria vera natura, i propri difetti; palliare con menzogne la difficile situazione; la stampa moderna ha palliato i mali della società, non li ha colpiti, non li ha sviscerati, e mostrati in tutta la loro nudità spaventevole (Tarchetti).

Uomini e parole

Ci scrive Maurizio Codogno per proporci l’etimologia di nacho.

Nacho [‘natSo]
Voce spagnola, propriamente "dal naso schiacciato", soprannome di Ignacio Anaya, ristoratore messicano del secolo XX.
Anche nachos [‘natSos].
Sostantivo maschile invariabile.
Piatto della cucina messicana consistente in pezzi di tortilla fritta con aggiunta di formaggio, salse piccanti e peperoncini.

Paesi da persone

Quintanilla Vivar è un comune spagnolo in provincia di Burgos, che comprende anche la cittadina di Vivar del Cid, così chiamata perché vi nacque Rodrigo Díaz con Vivar, cioè il Cid, di cui la Parolata ha già scritto. Non siamo riusciti a capire quando il nome dell’eroe sia stato ufficialmente inserito nel nome della città.
Riportiamo qui l’antico contributo alla rubrica "L’antonomasia e il soprannome".

— El Cid, il signore, per antonomasia, è Rodrigo Díaz conte di Bivar (Bivar, Burgos, 1043 – Valencia, 1099).
Il conte è conosciuto come El Cid Campeador oppure Mio Cid (dall’arabo volgare sidi, mio signore, Campeador invece è la forma spagnola del cognome latino Campi Doctor che significa "campione", cioè il vincitore nel combattimento giudiziario o nel duello), e fu un nobile castigliano, un mercenario e una figura leggendaria della Reconquista spagnola. —


Avaria, Avariato, Cat boat; Canzone

settembre 26, 2016

Avarìa
Probabilmente derivato dell’arabo awār ‘danno’, da cui anche l’arabo awārīya ‘merce avariata, forse di derivazione più tarda.
Sostantivo femminile.
1. Qualunque danno sofferto da una nave in viaggio o da un aeromobile in volo: l’aereo è stato costretto a un atterraggio di fortuna per un’avaria al motore.
La particolare condizione di minore efficienza in cui si trova una nave o un aeromobile che abbia subìto un danno: essere, trovarsi in avaria.
(estensione) Guasto di vario genere che impedisce il normale funzionamento di un macchinario, di un impianto e simili.
2. Danno o deterioramento sofferto da una merce in viaggio, anche per via di terra.
Qualunque spesa straordinaria e imprevedibile sostenuta durante il carico, il viaggio e lo scarico della merce.

Avariare
Derivato di avaria.
Verbo intransitivo (presente, raro, io avàrio ecc.).
Subire avaria, specialmente nel senso di deteriorarsi, guastarsi; quasi esclusivamente in dipendenza dal verbo fare: il mal tempo ha fatto avariare la frutta (raro come transitivo, con valore causativo: ha avariato la frutta). Più frequente con la particella pronominale: le merci si sono avariate.

Avariàto
Participio passato di avariare, anche come aggettivo.
Deteriorato, guasto: frutta, merci avariate.
Escluso avariato: (tecnica mercantile) clausola che dà al compratore la facoltà di escludere dal pagamento le merci che all’arrivo risultino deteriorate.

Una (parola) giapponese a Roma

Cat boat [ket’bot]
Voce inglese, propriamente ‘battello gatto’.
Anche catboat.
Sostantivo maschile invariabile.
(marina) Imbarcazione a vela da diporto, simile al dinghy, di piccole dimensioni e con la sola vela di poppa.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Vi ricordate che una volta esisteva la Parolata fresca di giornata con un concorso musicale-enigmistico? Eccola di nuovo dopo la pausa estiva. Le regole del gioco, per i nuovi iscritti alla newsletter o per chi le avesse dimenticate, sono alla pagina del concorso. Potete fare un salto alla pagina anche per vedere una novità apportata nello stilare la classifica.

Ecco quindi l’indizio per la nona canzone, potete inviare le risposte entro mercoledì a mezzanotte..

Ricostruita a Toronto per un film una famosa reggia (7 2 6)