R- Flogosi, In nuce; Sbagliati: Fiasco; Accento

febbraio 24, 2017

Flogòsi
Dal greco phlógosis ‘combustione, infiammazione’, derivato di phlogôun ‘infiammare’.
Anche flògosi.
Sostantivo femminile.
(medicina) Infiammazione.

Una (parola) giapponese a Roma

In nuce [in’nutSe]
Locuzione latina; propriamente ‘(che sta) in una noce’.
Locuzione avverbiale e aggettivale.
1. Si dice di ciò che è esposto in sintesi, negli elementi essenziali.
2. Si dice di fenomeno allo stadio embrionale, iniziale.

Uomini sbagliati e parole

Fiasco
Sostantivo maschile [plurale fiaschi].
1. Recipiente di vetro rivestito di paglia o di plastica, panciuto in basso e sottile al collo: il chianti si vende in fiaschi.
(estensione) Il liquido che esso contiene: bere un fiasco di vino.
2. (figurato) Esito negativo, insuccesso: lo spettacolo, il romanzo è stato un fiasco; fare fiasco, non riuscire, fallire in qualcosa.

Etimologia vera:
dal germanico flasko; il significato 2, forse nato dal gergo teatrale, non ha una spiegazione sicura.

Etimologia falsa:
dal nome dell’impresario italiano Alessandro Fiasco (1792-1869), che organizzò una rappresentazione della Lucia di Lammermoor a Mantova nel 1837 durante la quale crollò il palcoscenico.

A cura di Marco etimolog. Marcon.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice flògosi (greco), ma anche flogòsi (latino).


R- Inquartato, Pate; Accento; Rovinata; Canzone

febbraio 23, 2017

Parole a confronto

Inquartàto
Derivato di quarto (nome di ciascuna delle quattro parti in cui viene suddiviso un animale da macello), col prefisso in.
Aggettivo.
Che ha una complessione fisica solida, robusta: un ragazzo ben inquartato.

Inquartàto
Derivato da inquartare, dividere lo scudo in quarti per mezzo di due linee intersecantesi al centro.
Aggettivo.
(araldica) Detto di scudo con il campo diviso in quattro parti uguali.

Una (parola) giapponese da Perilli

Pâté [pa’te]
Voce francese, da pâté ‘pasta’.
Sostantivo.
1. Preparazione gastronomica fredda a base di carni o di altro, mescolati con una farcia, aromatizzata con odori e vini solitamente liquorosi o cognac, che viene cotta in forno, per lo più avvolta in una crosta di pasta salata: pâté en croute.
2. Pasticcio di carne (per estensione anche di tonno, olive, ecc.) di consistenza cremosa, passata al setaccio: pâté de foie-gras. Sinonimi: mousse, spuma, pasticcio.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice èureka, e non eurèka.

La parola rovinata

ZENZERO
Senza alcuna traccia di buddismo nipponico.

Una parola rovinata da Umberto Trinchero.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Soluzione della ventiseiesima canzone:
Il dottor Zivago al telefono (4 4 4 4)
Ciao Lara come stai, per la canzone Ciao cara come stai di Iva Zanicchi.


R- Magniloquente, Specimen; Accento

febbraio 22, 2017

Magniloquènte
Dal latino magniloquentia(m), composto di magnus ‘grande’ e un derivato di loqui ‘parlare’.
Aggettivo.
(letterario) Che parla o scrive con stile solenne e ricercato: un oratore magniloquente.
(spregiativo) Ampolloso, ridondante: una prosa gonfia e magniloquente.

Una (parola) giapponese a Roma

Specimen [‘spEtSimen]
Voce latina; propriamente ‘modello, esempio’, derivato di specere ‘guardare, osservare’.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Saggio, campione; in particolare, pubblicazione di poche pagine, a scopo pubblicitario, contenente saggi di una grande opera editoriale in preparazione.
2. (bancario) Firma autografa rilasciata dal cliente su apposito cartoncino, della quale la banca si serve per verificare l’autenticità della firma apposta sugli assegni che verranno presentati all’incasso.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice esplèto (verbo espletare), e non èspleto.


R- Epodo, Kajal; Etimo; Accento; Frasi

febbraio 21, 2017

Epòdo
Dal latino epodo(n), dal greco epodós, composto di epí ‘sopra’ e odé ‘canto’, quindi propriamente ‘canto aggiunto’.
Sostantivo maschile.
1. Nella metrica classica, secondo verso, più breve, di una strofe distica.
La strofa stessa, che si compone di un trimetro e un dimetro giambici.
(estensione) Componimento di argomento morale-satirico in strofe epodiche, caratteristico della letteratura greca e latina e imitato nella poesia italiana con strofe di quattro versi che alternano a un endecasillabo un settenario: gli epodi di Archiloco, di Orazio; «Giambi ed epodi» del Carducci. 2. Nella lirica corale greca e nei cori della tragedia classica, la terza parte di una triade strofica, dopo la strofe e l’antistrofe.

Una (parola) giapponese a Roma

Kajal [ka’dZal]
Voce indiana, di etimo incerto.
Sostantivo maschile invariabile.
Cosmetico di colore blu o nero che si applica all’interno della palpebra inferiore.

Etimologie estemporanee

Nùbe
Latino nube(m), da una radice che indica il ‘coprire’, il ‘velare’.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice epòdo, e non èpodo.

Frasi, non futilità

"[…] ed ecco che il mondo […] non è stato creato una sola volta, ma tutte le volte che è sopraggiunto un artista originale […]."
Da "Alla ricerca del tempo perduto", Marcel Proust.


R- Piccarsi, Lobby; Accento; La sai!; Perle; Canzone

febbraio 20, 2017

Piccàrsi
Dal francese pique, derivato di piquer ‘passare con una punta’, poi ‘punzecchiare’, di origine onomatopeica.
Verbo intransitivo [io mi picco, tu ti picchi ecc.].
1. Insistere con puntiglio nel fare qualcosa; pretendere di conoscere qualcosa: si piccava di riuscirci a ogni costo; si picca di essere un esperto di musica.
2. Impermalirsi.

Una (parola) giapponese a Roma

Lobby [‘lObi]
Voce inglese, derivata del latino tardo laubia ‘loggia’; propriamente ‘ridotto, vestibolo’.
Sostantivo femminile invariabile.
1. Gruppo di interesse che, mediante pressioni anche illecite su uomini politici, ottiene provvedimenti a proprio favore.
2. Locale di una banca dove si svolgono le operazioni con il pubblico.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice elèvo, ma anche meno correttamente èlevo (latino).

La sai l’ultima!

Un nero passa e ripassa saltando davanti alle vetrine di un negozio. Dopo un po’ il commesso esce e gli chiede spiegazioni del comportamente, il nero risponde: "Ma, signore, sulla vedrina g’è sgriddo ‘SALDI’ e ‘RIBASSI’."

Perle dai porci

"Sbinatore & Mediation Billing"
Nome di un sistema di gestione di un noto operatore di telefonia italiano.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Venticinquesima canzone, ecco i risultati: M.Fisk (5+5), BettyBlu (5+4), Pietro Scalzo (5+3), Alberto Cacciari (5+2), Giuly (5+1), Marco Marcon, Michele, Nando Tomassoni, Simona Gavagni, Fermassimo, Alex Merseburger (5).
Risolta questa, possiamo passare alla ventiseiesima canzone, che ci porta alla metà del concorso, con cui giocheremo fino a mercoledì 22 febbraio.

Il dottor Zivago al telefono (4 4 4 4)