Posts Tagged ‘perle’

R- Cuccagna, Popeline; Luoghididire; Perle

settembre 21, 2018

Cuccàgna
Dal francese cocagne, di origine incerta, probabilmente dal goto koka ‘torta’, forse affine al tedesco Kuchen ‘dolce’.
Sostantivo femminile.
1. Luogo favoloso in cui si mangia, si beve e ci si diverte a volontà: il paese di cuccagna.
2. (estensione) Luogo di godimento e di ricchezza; abbondanza d’ogni cosa; vita piacevole e allegra: ha trovato la cuccagna; è finita la cuccagna!
Albero della cuccagna: nelle feste paesane, palo liscio e insaponato su cui ci si arrampica per impadronirsi di cibi e oggetti posti sulla cima.

Una (parola) giapponese a Roma

Popeline [pOp’lin]
Voce francese; dall’inglese poplin, a sua volta dal francese antico papeline, probabilmente dal nome di Poperinghe, città medievale nota per la produzione di stoffe.
Sostantivo femminile invariabile.
Tessuto di lana, seta o cotone, in cui l’ordito è più fitto della trama; si usa per camicie e, nel tipo più pesante, per abiti e impermeabili.

Luoghi di dire

Giocoforza inaugurare la rubrica "Luoghi di dire", proposta e inaugurata dall’oramai mitico Mauro Cociglio.

Cavallo di Troia
Enorme cavallo di legno utilizzato dai greci per penetrare nella città di Troia e terminarne l’assedio, come narrato da Virgilio nell’Eneide.
(figurato) Inganno, tranello, macchinazione.
(informatica) In inglese trojan. Virus nascosto all’interno di un programma, che penetra attraverso di esso nella memoria del computer.

Perle dai porci

"La missione umanitaria della Croce Rossa italiana a Falluja sarà un ulteriore contributo in più per la liberazione degli ostaggi."
Dal notiziario di Radio 2.

Mauro Cociglio, intramontabile.

Annunci

R- Stregua, Tregua; Appunto; Perle

settembre 14, 2018

Parole a confronto

Strègua
Composto di s- e tregua.
Sostantivo femminile.
1. Proporzione, criterio; si usa solo nella locuzione alla stregua di, con la misura adottata per, secondo il criterio usato per: giudicare qualcuno alla stregua di tutti gli altri; considerare tutti alla stessa stregua, allo stesso modo.
2. (antico) Rata, quota stabilita di un pagamento.

Trégua o trègua
Dal francone triuwa, propriamente ‘patto, contratto’.
Anticamente triegua.
Sostantivo femminile.
1. Sospensione temporanea delle attività belliche concordata tra le parti in conflitto: una tregua di tre giorni; i belligeranti hanno stabilito una tregua; non rispettare la tregua.
Tregua di Dio: nel Medioevo, sospensione delle armi imposta dalla chiesa, sotto pena di scomunica, durante la quaresima e l’avvento.
Sospensione temporanea di un’attività conflittuale: tregua politica, sindacale, doganale; tregua salariale, impegno assunto dalle organizzazioni sindacali di non avanzare richieste di aumenti salariali per un determinato periodo.
2. (figurato) Cessazione, interruzione momentanea di un malanno, di un affanno, o anche di un evento, una situazione sgradevole, negativa.
Per estensione, sosta, posa, requie: il male non gli dà tregua; la pioggia cade senza tregua; Le sue permutazion non hanno triegue (Dante).

L’appunto

Quando l’aggettivo "mezzo" segue il sostantivo, prende la forma avverbiale, invariabile, quindi si dice:
ho dormito due ore e mezzo, ho mangiato una mela e mezzo.

Perle dai porci

"… come i cormorani delle Galapagos o l’antidiluviano Asterix, l’uccello incapace di volare dei fumetti di Hart."
Aldo Carotenuto, sul libro "Lettera aperta a un apprendista stregone". L’uccello di Hart nel fumetto B.C. è l’apterix, Asterix è di un altro fumetto.

R- Catafalco, Vademecum; Retorica; Frasi; Perle

settembre 13, 2018

Catafàlco
Etimo incerto.
Sostantivo (plurale catafalchi).
1. Palco coperto di drappi neri, sul quale si pone il feretro durante le cerimonie funebri.
2. (figurato, scherzoso) Struttura ingombrante, tozza.

Una (parola) giapponese a Roma

Vademècum
Dalla locuzione latino vade mìcum ‘vieni con me’, attraverso il francese vade-mecum.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Manuale tascabile contenente notizie utili oppure nozioni relative a una tecnica, a un’attività: il vademecum dell’agricoltore.
2. Assegno vademecum, assegno bancario a copertura garantita.

La retorica per tutti

Geminazióne
(linguistica) Ripetizione immediata di un suono.
In retorica, epanalessi.

Frasi, non futilità

"Siamo ospiti della morte, nostra padrona di casa."

Edmond Jabes.

Perle dai porci

L’Inter ha questi momenti di sbandamento, in pratica si autogolla."
Telecronaca calcistica su Raidue, Inter-Marsiglia.

Proposta da Marco Marcon.

R- Reuchliniana, Transfert; Uomini; Yokopoko; Perle

settembre 11, 2018

Reuchliniàna [roikli’niana]
Detta così perché sostenuta da J. Reuchlin (1455-1522).
Aggettivo.
Detto della pronuncia del greco antico conforme a quella bizantina e moderna.

Una (parola) giapponese a Roma

Trànsfert
Propriamente terza persona dell’indicativo presente del latino transferre ‘trasferire’; in origine termine commerciale, fu usato agli inizi del secolo XX in francese per tradurre il tedesco Übertragung, usato per la prima volta da Freud in accezione psicoanalitica.
Sostantivo maschile.
1. (psicoanalisi) Processo per cui un desiderio o un conflitto inconscio viene trasferito su una persona diversa da quella cui è originariamente legato. Sinonimo: traslazione.
In particolare, nella relazione psicoanalitica, la proiezione sull’analista delle pulsioni, positive o negative, che il paziente provava in precedenza per altri.
2. In psicopedagogia, l’effetto prodotto da un compito d’apprendimento su un altro compito d’apprendimento: transfert positivo, negativo, a seconda che l’effetto sia facilitante o inibente.
3. (diritto bancario) Traslazione di un titolo di credito nominativo.

Uomini e parole

Reuchliniàna è parola derivata da uomo.

Yokopoko Mayoko

"Il capogruppo leghista alla camera Cè e temo ci sarà ancora per un bel po’."
Un Piero Fabbri poco propenso all’ottimismo.

Perle dai porci

"La vostra cortesia!
È la nostra gentilezza!"

Slogan scritto in un bar di Borghetto Santo Spirito.

R- Sansimonismo, Landler; Uomini; Appunto; Yokopoko; Perle

settembre 6, 2018

Sansimonìsmo
Da H. de Rouvroy, conte di Saint-Simon (1675-1755).
Sostantivo maschile.
Dottrina sociale di H. de Saint-Simon e dei suoi seguaci, che propugna una radicale trasformazione della società tramite l’abolizione del principio di eredità e lo sviluppo scientifico e industriale.

Una (parola) giapponese a Roma

Ländler [lendler]
Sostantivo maschile invariabile.
(musica) Danza popolare austriaca, tra i progenitori del valzer, diffusa nei secoli XVII e XVIII e utilizzata anche nella musica colta.

Uomini e parole

Sansimonismo è una parola a metà strada tra gli uomini e i paesi.

L’appunto

Aggettivi che terminano con -ardo indicano apprezzamento negativo:
codardo, testardo, patriottardo, bastardo.

Yokopoko Mayoko

"Bruno Bozzetto deve fare per forza degli schizzi per le sue vignette."
Piero Fabbri e i suoi nomi.

Perle dai porci

"A Roma è scoppiata una patata bollente."
In ufficio.