Posts Tagged ‘perle’

R- Pastrano, Angelus; Paesi; Appunto; La sai!; Perle; Canzone

maggio 5, 2017

Pastràno
Probabilmente dal nome del duca di Pastrana, che fu ambasciatore di Spagna a Roma dal 1623 al 1626.
Sostantivo maschile.
Soprabito pesante da uomo, specialmente quello portato dai militari.

Una (parola) giapponese a Roma

Angelus [‘andZelus]
Voce latina; dall’inizio dell’orazione Angelus Domini nuntiavit Mariae.
Sostantivo maschile invariabile.
Preghiera alla Madonna che si recita al mattino, a mezzogiorno e alla sera; per estensione, il suono di campane che l’annuncia.

Nomi di paesi, la parola

Tùlle
Dal nome della città francese di Tulle, dove era originariamente prodotto.
Sostantivo maschile invariabile.
Tessuto rado e trasparente formato da fili molto sottili intrecciati a rete: un abito da sposa in, di tulle.

Pastrano e tulle sono di Isidorus Hispalensis.

L’appunto

Si dice urina, ma anche meno correttamente orina.

La sai l’ultima!

Come si fa a mettere una giraffa in un frigo in 4 mosse?

1. Si apre il frigo
2. Si toglie l’elefante
3. Si inserisce la giraffa
4. Si chiude il frigo

Di Riccardo Lancioni e Piero Mozzone.

Perle dai porci

"Sono quei paragoni ortodossi che però ci sono."
In palestra.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Termina la trentacinquesima canzone, a voi la soluzione:

A me piace strapazzato (1 1 4 3 2)

È l’uovo per me, e poi È l’uomo per me, di Mina.

R- Quacquaraqua, Jugendstil; Paesi; Sbagliati; Appunto; Perle

maggio 4, 2017

Quacquaraquà
Voce siciliana di natura onomatopeica.
Anche quaquaraquà.
Sostantivo maschile.
(gergale) Persona che parla troppo, che non sa tenere la bocca chiusa. Anche persona priva di valore, nullità.

Una (parola) giapponese a Roma

Jugendstil [‘jugnt’stil].
Vce tedesca, propriamente ‘stile (Stil) della Gioventù (Jugend)’, intesa come titolo di un periodico illustrato fondato a Monaco nel 1896.
Sostantivo maschile.
In Germania e in Austria, denominazione dello stile liberty.

Nomi di paesi, la parola

Capodimónte
Aggettivo.
Si dice di oggetti in porcellana molto fine, prodotti a Napoli nel quartiere di Capodimonte, nella fabbrica fondata nel secolo XVIII dal re Carlo III di Borbone; anche, di pezzi fatti a imitazione di quelli di Capodimonte: statuina, servizio da tavola capodimonte.

Àde
Dal greco Hádìs, dio regnante sulle regioni dell’oltretomba, a cui ha dato il nome.
Sostantivo maschile.
Nella religione greco-romana, il mondo sotterraneo dell’oltretomba (detto anche Acheronte).
(estensione, letteraria) Aldilà: scendere all’Ade, morire.

Capodimonte e ade sono di Simona Brugnoni.

Uomini sbagliati e parole

Galoscia
Anche caloscia.
Sostantivo femminile [plurale galosce].
Soprascarpa di materiale impermeabile che ripara la scarpa e il piede dall’acqua.

Etimologia vera
Dal francese antico galoche a sua volta dal latino ‘solea gallica’.
Etimologia falsa.
Dal nome dell’inventore inglese Joseph Galosh (1839-1909), nato a Manchester, che inventò queste soprascarpe impermeabili.

Rubrica di Marco Marcon.

L’appunto

Si dice sia obbedire che ubbidire.

Perle dai porci

"Enrico, guarda che lunedì mattina entro il pomeriggio."
In ufficio.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

R- Frigio, Stage; Paesi; Appunto; Perle; Canzone

maggio 2, 2017

Frìgio
Dal latino Phrygiu(m), che è dal greco Phryghios, della Frigia.
Aggettivo [plurale femminile frigie].
1. Della Frigia, regione storica della Turchia: la madre frigia, la dea Cibele.
Berretto frigio: berretto rosso con la punta ripiegata sul davanti, usato anticamente dai Frigi, e divenuto simbolo di libertà durante la rivoluzione francese.
2. (poetico) Troiano: il pastore frigio, Paride.
3. (musica) Si dice di uno dei modi dell’antico sistema musicale greco (secolo IV a.C.) e del sistema musicale medievale (secoli VIII-X).

Sostantivo maschile.
1. Abitante, nativo della Frigia.
2. La lingua parlata nella Frigia.

Una (parola) giapponese a Roma

Stage [staZ]
Voce francese; dall’antico francese estage ‘soggiorno’, derivato di ester ‘restare’, dal latino stare ‘stare’.
Sostantivo maschile invariabile.
Periodo di formazione o perfezionamento professionale trascorso presso un’università o un’azienda, per acquisirvi la preparazione professionale necessaria a svolgere una certa attività.

Nomi di paesi, la parola

Norvegése
Aggettivo.
Della Norvegia: il popolo norvegese.

Sostantivo maschile.
1. (anche femminile) Nativo, abitante della Norvegia.
2. La lingua parlata in Norvegia, appartenente al gruppo delle lingue nordiche.

Sostantivo femminile.
1. (sport) Gara sciistica di fondo il cui percorso comprende zone sassose, boscose e altre difficoltà.
2. (marina) Barca con prua alta e arrotondata.

Frigio e norvegese sono di Giuseppe Sisto. Tre punti per lui.

L’appunto

Si pronuncia staZ, alla francese, e non ‘steidZ, all’inglese.

Perle dai porci

"Il motore, cioè la classe, c’è, mancano però tutti i fusibili che fanno funzionare un’auto."
Radio Uno.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Due errori abbiamo fatto nella classifica della trentaquattresima canzone: avevamo perso Piero Fabbri e Giuly, che ora ripeschiamo inserendoli al loro posto. Ecco la classifica corretta: BettyBlu (5+5), Alberto Cacciari (5+4), Francesco Caiazzo (5+3), Piero Fabbri (5+2), Fermassimo (5+1), Nando Tomassoni , Giuly, Maurizio Codogno (5).

Riprende il concorso delle canzoni enigmistiche di Omero Mazzesi, siamo arrivati alla trentacinquesima canzone, così ad occhio. Potete rispondere fino a giovedì 4 maggio.

A me piace strapazzato (1 1 4 3 2)

R- Catalogna, Limousine; Paesi; Appunto; Perle

aprile 28, 2017

Parole a confronto

Catalògna
Dal nome della omonima regione spagnola.
Sostantivo femminile.
1. (lombardo) Nome di una varietà di cicoria con foglie lunghe, strette e seghettate.
2. Coperta di lana pesante.

Catalògno
Dal nome della Catalogna, regione spagnola di cui è originario.
Sostantivo maschile.
Varietà di gelsomino con fiori più grandi di quello comune, detto anche gelsomino di Spagna.

Una (parola) giapponese a Roma

Limousine [limu’zin]
Voce francese; propriamente ‘di Limoges’, con probabile allusione a un tipo di vettura in uso in quella città.
Sostantivo femminile.
Grossa e lussuosa automobile a quattro porte, per lo più con strapuntini ribaltabili fra il sedile anteriore e quello posteriore.

Nomi di paesi, la parola

Catalogna e limousine sono di Berilio Luzcech. Anche catalogno, ma per questa non gli diamo punti.

L’appunto

Si dice sùccubo, ma anche meno correttamente sùccube.

Perle dai porci

"L’istanza tautologica degli archetipi viene qui avvertita dall’autore nella sua più pura dimensione escatologica."
Da un articolo giornalistico.
Dagli archivi di Maidirepigigierre [raccolta di cose strane incontrate in ufficio, N.d.C.].

R- Notizie; Arcadia, Vaudeville; Paesi; Appunto; Ritrovato; Perle; Canzone

aprile 21, 2017

Notizie

Amici, per biechi motivi di marketing abbiamo cambiato nome e sottonome, non è invece variato l’indirizzo del sito (per il momento?).
Grandi novità inoltre sul sito della Parolata: aggiornamento di TUTTE le rubriche della Parolata;
è ritornata la sezione The Word Revealed!;
aggiunta di un nuovo sito amico che vi consiglio caldamente;
una nuova pagina contiene gli uomini sbagliati del Marcon;
è stata aggiunta una pagina di letteratura, quindi chi fosse interessato a pubblicare qualche scritto sul nostro prestigioso sito può inviare in redazione il proprio lavoro.
Al momento due produzioni, di Mabù e chinalski in coppia e di chinalski da solo, sono leggibili sulla pagina.
Al solito, rimandiamo alla sezione "Novità" del sito per tutti i particolari.

[Ricordiamo questo importante momento della Parolata: fino al 5 giugno 2003 la rubrica si chiamava La parola rivelata, ovvero Perle ai porci. Non un grande nome per farsi amare, diciamolo. Dal 15 giugno è diventata La parolata, ovvero La parola rivelata. Non eravamo ancora un sito di cultura, ma la strada era oramai segnata. N.d.C.]

Parole a confronto

Arcàdia
Dal nome di una regione della Grecia, mitico luogo di vita agreste e serena.
Sostantivo femminile.
1. (letterario) Luogo dove si svolge una vita amena, idillica, avulsa dalla realtà.
2. Nome di un’accademia letteraria fondata a Roma nel 1690, che si proponeva di reagire al gusto barocco promuovendo una poesia semplice, d’ambiente pastorale, vicina ai modelli bucolici greci e latini.
(estensione) Corrente letteraria nata da questa accademia; più genericamente, maniera frivola e convenzionale di far poesia.
3. (figurato) Adunanza in cui si fanno discorsi astratti e inconcludenti: fare dell’arcadia, parlare in maniera vacua, senza costrutto.

Àrcade
Dal latino Arcade(m), che è dal greco Arkás -ádos.
Aggettivo.
Dell’antica Arcadia, regione della Grecia: pastore arcade.

Sostantivo maschile.
1. Abitante dell’antica Arcadia.
2. Membro dell’accademia dell’Arcadia; poeta seguace della maniera arcadica.
3. (estensione) Scrittore manierato, incline a uno stile lezioso.

Una (parola) giapponese a Roma

Vaudeville [vod’vil]
Voce francese; alterazione di vaudevire, da Vau de Vire, località della Normandia, dove tali canzoni erano famose nel secolo XV.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Genere di teatro comico inframmezzato da canzoncine e ritornelli, affermatosi in Francia tra la fine del secolo XVIII e la prima metà del secolo XIX.
Dalla seconda metà dell’Ottocento, commedia brillante e leggera, ricca di equivoci e situazioni piccanti.
2. Canzone popolare francese, specialmente di carattere satirico.

Nomi di paesi, la parola

Arcadia è di Marco Marcon, arcade e vaudeville sono di Libero Zucchelli: un punto al primo e due al secondo.

L’appunto

Si dice prestare, ma anche meno correttamente imprestare.

Il paese ritrovato

Pubblicato il settimo capitolo di Piero Febbri del "Paese ritrovato". Potete leggerlo alla pagina del sito.

Perle dai porci

"Ma voi siete più realistici del Re!"
In una assemblea.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Termina la trentaquattresima canzone, era:

Battaglia vinta, ma con molte perdite (2 6 2 5)

La guerra di Pirro, che diventa La guerra di Piero di Fabrizio de André.