Posts Tagged ‘personedapersone’

Sacello, Poulaine; Persone da persone; Rovinata

giugno 5, 2018

Sacèllo
Dal latino sacellum, diminutivo di sacrum ‘recinto sacro’.
1. Nell’antica Roma, piccolo recinto circolare o quadrato a cielo aperto, con un altare sacro dedicato, specialmente da privati, a una divinità protettrice.
(estensione) Qualsiasi luogo di culto in ambienti appartati o raccolti.
2. Nell’architettura cristiana, chiesetta isolata, edificata per lo più a scopo devozionale, oppure cappella inclusa in una chiesa maggiore o in altri edifici, con caratteri distinti per forme artistiche e con speciali destinazioni religiose.
Sacello mortuario: cappella all’ingresso dei cimiteri, ove si depongono i defutni in attesa della sepoltura.

Una (parola) giapponese a Roma

Poulaine [pu’len]
Voce francese, femminile dell’antico aggettivo poulain ‘polacco; propriamente souliers à la poulaine ‘scarpe alla polacca’.
Sostantivo femminile invariabile.
(storia) Calzatura di origine polacca, tipica della moda borgognona nei secoli XIV e XV, con una punta lunga fino a tre volte il piede, fissata alla caviglia o al ginocchio con una catenella o con un filo.

Persone da persone

Bartolomeo Suardi detto Bramantino è stato un pittore e architetto italiano tra i secoli XV e XVI. Deriva il nome da Donato Bramante che, sembra, fu suo maestro. Ma la situazione è ancora più complicata perché Bramante, in realtà, si chiamava Donato "Donnino" di Angelo di Pascuccio, e Bramante era anche nel suo caso il soprannome, ma non ci è chiaro da dove l’abbia derivato.

La parola rovinata

LUTERRANNO
Il dilemma se i protestanti sapranno conservare l’insegnamento del loro fondatore.

Di Pietro Scalzo.

Annunci

Contiguo, Colossal; Personedapersone; Rovinata

marzo 6, 2018

Contìguo
Dal latino contiguus, dal tema di contingere ‘toccare’, composto di con- e tangere ‘toccare’.
Aggettivo.
1. Che è posto vicino ad altra cosa, in modo da avere con essa una porzione comune: l’orto è contiguo alla casa.
(estensione) Situato nelle vicinanze, prossimo.
2. Classi contigue: (matematica) due classi di numeri reali tali che ogni numero della prima è minore, o uguale, di ogni numero dell’altra, e tali che le differenze tra numeri della seconda classe e numeri della prima possano assumere valori arbitrariamente piccoli.

Contiguaménte
Avverbio.
(non comune) In posizione contigua, vicino: la stanza è situata contiguamente al bagno.

Contiguità
Dal latino tardo contiguitas -atis.
Sostantivo femminile.
L’esser contiguo.
(estensione) Vicinanza, nello spazio o nel tempo.
In logica, relazione tra due concetti di massima affinità compresi sotto un concetto comune più ampio.
Legge di contiguità: (psicologia) una delle leggi dell’associazione, per cui di due fatti contigui nello spazio o nel tempo l’uno richiama l’altro.

Una (parola) giapponese a Roma

Colossal [kolos’sal]
Voce inglese, propriamente ‘colossale’.
Sostantivo maschile invariabile e aggettivo invariabile.
(cinematografia Film, e per estensione altro spettacolo, generalmente di lunga durata e di carattere spettacolare, che si distingue per la grandiosità delle scene, per il numero degli attori di primo piano e le masse delle comparse, nonché per l’alto costo di produzione: i colossal di De Mille. Anche, con grafia tedesca, kolossal.

Persone da persone

Aldo Palazzeschi, scrittore e poeta, in realtà si chiamava Aldo Pietro Vincenzo Giurlani. Scelse come pseudonimo il cognome della nonna materna.

La parola rovinata

STETTINO
Città che in Germania non restò.

Pietro Scalzo sprigiona grande cultura storico-geografica.

Novero, Churrasco; Persone; Lettori; Eufemismo; Canzone

giugno 22, 2017

Nòvero
Latino numerus ‘numero’.
Sostantivo maschile.
(raro, antico) Numero, enumerazione, computo, calcolo.
(raro) Quantità numericamente definita o anche indeterminata: accanto a ogni nome erano segnati i beni e i luoghi e il novero delle bestie (Pirandello); un anno ancora si aggiunge al novero degli anni che si accumulano nell’infinito a formare l’eternità (Beltramelli).
Gruppo, complesso di cose o persone, in espressioni come mettere, porre nel novero di …, essere, entrare, rientrare nel novero, escludere dal novero e simili.

Una (parola) giapponese da Perilli

Churrasco [tSur’rasko]
Voce portoghese.
Sostantivo maschile invariabile.
(gastronomia) Grigliata di carni miste tipica della cucina brasiliana.

Churrascaria [tSurraska’ria]
Voce portoghese.
Anche churrascheria.
Sostantivo femminile invariabile.
(gastronomia) Locale in cui viene servito il churrasco e altri piatti tipici della cucina brasiliana.

Persone da persone

Umberto Saba non si chiamava alla nascita Umberto Saba, ma Umberto Poli. Scelse il nuovo cognome, forse, dalla propria balia Gioseffa Gabrovich Schobar, detta Peppa Sabaz. Inoltre, saba in ebraico significa "pane", essendo lui di origini ebree.

I lettori ci scrivono

Ci scrive l’attento Maurizio Codogno per dirci che:

— il De Mauro lo dà con l’accento acuto: cioféca. —

Sì, anche gli altri dizionari concordano, sembra proprio che la Parolata abbia sbagliato accento.

L’eufemismo

Marco Marcon ci aveva proposto alcuni eufemismi per non dire "prostituta": bella di notte, buona donna, cortigiana, donna di facili costumi.

La Canzone Settimanale Enigmistica

Terminata la quarantaduesima canzone, era:

In smoking e papillon (1 8 1 2 8)

L’elegante e la farfalla, che diventa la canzone L’elefante e la farfalla, di Michele Zarrillo.

Passatore, Warrant; Antonomasia; Personedapersone

settembre 28, 2016

Passatóre
Derivato di passare.
Sostantivo maschile.
1. (non comune) Chi trasporta con la barca i passeggeri da una sponda all’altra di un fiume e simili; traghettatore: il passatore non voleva dispiccarsi dall’altra riva e aveva negato di tragittare alcuni cavalieri francesi (Tasso).
2. (femminile passatrice) Chi aiuta ad attraversare clandestinamente le frontiere, attraverso valichi alpini.

Una (parola) giapponese a Roma

Warrant [‘warrant]
Voce inglese, propriamente ‘garante, garanzia’, dal francese antico di origine germanica warant, corrispondente al francese moderno garant, da cui l’italiano garante.
Sostantivo maschile invariabile.
1. (commerciale) Termine corrispondente all’italiano nota di pegno: titolo di credito all’ordine, rilasciato dai magazzini generali in occasione del deposito di merci; se non è accompagnata dalla fede di deposito dà al possessore solo il diritto di pegno sulle cose depositate.
2. (bancario) Cedola, certificato che garantisce al portatore un particolare tipo di opzione d’acquisto di azioni e obbligazioni non ancora emesse a un prezzo prestabilito oppure no, ed entro un termine di scadenza prestabilito.

L’antonomasia e il soprannome e Persone da persone

Il Passatore, o il Passator cortese, era il soprannome del famoso bandito romagnolo Stefano Pelloni (1824-1851) per il mestiere di traghettatore sul fiume Lamone che esercitava prima di diventare un fuorilegge. Era anche indicato come "cortese" per alcuni presunti atti di generosità che fece verso le sue vittime. Fu ucciso in un’imboscata dopo che aveva per tre anni terrorizzato con le sue imprese il territorio della Romagna: Sempre mi torna al cuore il mio paese / Cui regnarono Guidi e Malatesta, / Cui tenne pure il Passator cortese, / Re della strada, re della foresta (Pascoli, nella poesia Romagna).

Era anche chiamato Malandri, dal cognome della donna che sposò un suo antenato.

Elicere, Elicitare, Dissenter; Personedapersone

maggio 3, 2016

Elìcere
Dal latino elicere, composto di e- ‘esterno, fuori’ e lacere ‘attirare’.
Verbo transitivo (letterario).
Estrarre, far uscire, spremere; per lo più riferito al pianto e adoperato quasi esclusivamente nell’infinito e nella forma elìce dell’indicativo presente: Questo finto dolor da molti elice Lagrime vere (Tasso); bene altri pianti doveano ben presto elicere dagli occhi della figlia di Maria Teresa i destini (Carducci).

Elicitàre
Dal latino elicitare, da elicere ‘tirare fuori’.
Verbo transitivo (io elìcito, ecc).
(psicologia) Riferito a comportamenti o condotte, stimolarli, ottenerli mediante domande o altri stimoli.

Una (parola) giapponese a Roma

Dissenter [dis’senter]
Voce inglese, derivato di (to) dissent ‘dissentire’.
Sostantivo maschile e femminile invariabile.
(religione) Cristiano inglese non inquadrato nella chiesa anglicana.
(storia, religione) Durante il regno di Elisabetta I, ogni protestante che non volle conformarsi ai 39 articoli della Chiesa anglicana.

Persone da persone

Bartolomeo Giuseppe Antonio Guarneri era ed è più famoso come Guarneri del Gesù. Era un liutaio cremonese, oggi considerato il migliore insieme ad Antonio Stradivari. Il suo soprannome deriva dall’abitudine di firmare i suoi strumenti, sull’etichetta all’interno della cassa armonica, con la sigla cattolica IHS di fianco al proprio nome.