Archive for settembre, 2013

PIGNOLO, PINOLO, Paesi: JODHPURS; Lettori: Perle

settembre 30, 2013

Ritorna la Parolata fresca! Grazie a tutte le lettrici e i lettori che ci hanno aspettato durante la lunga estate.

Parole a confronto

Pignòlo
Derivato di pigna; il passaggio da ‘pinolo’ a ‘persona meticolosa’ è di incerta spiegazione (forse ‘chi va a cercare il pinolo’, simile a ‘cercare il pelo nell’uovo’).
Anche, letterario, pignuòlo.
Sostantivo maschile.
(non comune) Pinolo.

Aggettivo e sostantivo maschile [femminile pignola].
1. Eccessivamente preciso e meticoloso, eccessivamente esigente: un professore, un ispettore pignolo; e dunque si chiama ‘pignolo’ come si chiama in Italia chiunque fa il suo dovere (Jahier).
2. Tipico di chi è pignolo: un’osservazione, una domanda pignola

Pinòlo
Da pina ‘pigna’.
Anche pignòlo.
Sostantivo maschile.
Seme commestibile dei pini, specialmente del pino domestico.

Nomi di paesi, la parola

Jodhpurs [‘dZodpurs]
Voce inglese, da Jodhpur, nome di una città dell’India.
Sostantivo maschile invariabile.
Pantaloni da equitazione lunghi e attillati, a volte anche larghi sulle cosce.

I lettori ci scrivono

Ci scrive Maurizio Codogno riguardo a traguardare.

— In sindacalese, "traguardare" significa "avere come obiettivo" o qualcosa del genere, mi sa. —

Perle di notizie

Viminale: "Il 30% degli omicidi ha come vittima una donna"

Titolo del Corriere.it inviatoci da PP, che ci scrive anche:

— Probabilmente il titolo voleva mettere l’accento sul femminicidio; mi sorge allora un dubbio: chi sono le vittime del restante 70% degli omicidi? Uomini? Allora dovremmo preoccuparci di più del maschicidio, visto che la maggioranza delle vittime sono uomini…
Non so se questo titolo sia una "perla": mi andava però di far notare come un titolo che voglia parlare di un certo fenomeno, se letto bene, assuma un significato completamente diverso… —

Aggiungiamo noi, e non c’entra nulla con il contributo di PP, che "Perle di notizie" non è una nuova rubrica, ma la solita "Notizie dai porci" che cambia nome, poiché ci hanno fatto notare che poteva sembrare offensivo verso chi venisse citato. Per lo stesso motivo "Perle dai porci" si chiamerà in futuro "Perle linguistiche". Saremo quindi più educati ma non per questo meno attenti a scovare strafalcioni.

R- DELIQUIO, DAMNATIO MEMORIAE; Word!; Perle

settembre 27, 2013

Delìquio
Dal latino deliquiu(m), derivato di delinquere ‘mancare, venir meno’.
Sostantivo maschile.
Perdita dei sensi, svenimento: avere un deliquio.
Cadere in deliquio: svenire.

Delìquio
Voce dotta, latino tardo deliquiu(m), da deliquare ‘chiarificare (liquare) completamente (de-)’.
Sostantivo maschile.
Liquefazione.

Una (parola) giapponese a Roma

Damnatio memoriae [dam’nattsjo me’mOrjE]
Locuzione latina; propriamente ‘condanna (damnatio) del ricordo (memoriae)’.
Locuzione sostantivale femminile invariabile.
(storia) Nell’antica Roma, condanna decretata contro personaggi dei quali si voleva cancellare ogni memoria (effigie, iscrizioni ecc.)
(estensione) Cancellazione totale del ricordo di un fatto o una persona.

The word, revealed!

UK vs US: continua
Per chi ama questa lingua, è sconcertante vedere come l’inglese, in America, venga preso, masticato, strizzato, inghiottito e risputato – restando altrettanto affascinante, e diventando più funzionale. Il comandamento, da queste parti, è "Ridurre & Semplificare" (al contrario della Germania, dove il motto è "Allungare & Complicare").

Bye ASAP
Andy the Y

Notizie dai porci

"Alcune persone sono riuscite a fuggire dal tunnel correndo verso le uscite. Altre sono state uscite in barella."
Su "La Repubblica" web di ieri, a proposito di un incidente in un tunnel.

Da Marco Marcon.

R- STEREOTIPO, STEREOTIPIA; Word!; Perle

settembre 26, 2013

Stereòtipo
Aggettivo.
Di, della stereotipia, stereotipato; ottenuto con procedimento stereotipico.
Edizione stereotipa: ristampa identica di un testo, eseguita sulla stereotipia.

Sostantivo.
1. Modello ricorrente e convenzionale di comportamento, di discorso e simili.
(psicologia) Opinione precostituita, relativamente rigida ed eccessivamente semplificata o distorta, di un aspetto della realtà, non acquisita sulla base di un’esperienza diretta, in particolare di persone o di gruppi sociali.
2. (linguistica) Successione fissa di parole che assume un significato autonomo (per esempio atroce delitto, fortuna sfacciata, caso pietoso).

Stereotipìa
Composto di stereo- e -tipia, sul modello del francese stéréotypie.
Sostantivo femminile.
1. (tipografia) Procedimento di riproduzione che permette di ottenere, da una composizione tipografica a caratteri o a righe mobili (per esempio una pagina di libro o di giornale), lastre di piombo fuse in un blocco unico, piane o curve, per la stampa in piano o in macchine rotative.
La lastra così ottenuta; la stampa effettuata con tali lastre.
2. (psicologia) Condizione frequente in alcune psicosi in cui un individuo manifesta comportamenti stereotipati o pensa per stereotipi.

The word, revealed!

UK vs US: la tendenza

Non c’è bisogno d’essere particolarmente perspicaci né occorre conoscere l’intuizione di Thomas Jefferson ("Le nuove circostanze in cui ci troviamo richiedono nuove parole, nuove frasi, e il trasferimento di vecchie regole a nuovi oggetti") per capire che l’America – non l’Inghilterra – è, all’inizio del nuovo secolo, la fabbrica dell’inglese. Hollywood, non Oxford, insegna a parlare a cinesi, russi, tedeschi – e agli italiani, quando vogliono imparare.

Bye ASAP
Andy the Y

Perle dai porci

"Non accettiamo lezioni di democrazia da Rutelli, nè tantomeno da nessuno."
Un politicante non identificato del centro destra alla televisione.

R- CATATONIA, CATA-, -TONO-, Perle

settembre 25, 2013

Parole a confronto

Catatonìa
Dal tedesco Katatonie, composto di kata- ‘cata-‘ e tonie ‘-tonia’, propriamente ‘che tende giù’.
Sostantivo femminile.
(psichiatria) Sindrome caratterizzata da stupore e immobilità assoluta o, al contrario, da iperattività motoria con manifestazioni di stereotipia e automatismo.

Cata-
Dal greco kata ‘giù’.
Primo elemento di parole composte di origine greca o di formazione moderna, significa "giù, in basso", o anche "in rapporto, relativo, simile a" (catalessi, catapulta, catastrofe).

-tonia
Dal geco tonos ‘tensione’.
Secondo elemento di parole composte della terminologia scientifica, di origine greca o di formazione moderna, dal greco -tonía, derivato di tónos "tensione"; vale genericamente "tensione", "tono" (atonia, catatonia), talvolta anche "pressione" (isotonia).

Tono-, -tono
Dal greco tonos ‘tensione’.
Primo o secondo elemento di parole composte della terminologia scientifica o dotta, di origine greca o di formazione moderna, dal greco tónos "tensione; tono, accento" (tonometria, baritono).

Perle dai porci

"Sono andato in trasferta: mi hanno fatto una lavata di shampoo."
In ufficio

R- CLAUDICARE, EN PASSANT; Perle

settembre 24, 2013

Claudicàre
Dal latino claudicare, derivato di claudus ‘zoppo’.
Verbo intransitivo [io clàudico, tu clàudichi ecc.; ausiliare avere].
(letterario) Zoppicare: traversò le stanze claudicando (D’Annunzio).
(figurato) Essere manchevole, difettoso: la sua sintassi claudica non poco. Titubare.

Claudicànte
Participio presente di claudicare.
Aggettivo.
1. (letterario) Zoppicante.
2. (figurato) Difettoso, imperfetto: prosa claudicante.
Contratto claudicante: (diritto) contratto nullo per incapacità giuridica di uno dei contraenti.

Una (parola) giapponese a Roma

En passant [pronuncia anpa’san]
Locuzione francese; propriamente ‘passando’ con l’aggiunta di en ‘in’, significando quindi simultaneità con un’altra azione.
Locuzione avverbiale.
Di sfuggita, di passaggio, incidentalmente: dire qualcosa en passant.

Perle dai porci

"… ovvero chi coerentizza le varie iniziative."
In ufficio.