Archive for aprile, 2019

R- Trabattello, Maori; Accento; Ribollite

aprile 30, 2019

Trabattèllo
Voce di origine lombarda, forse dal latino trabe(m) ‘trave’.
Sostantivo maschile.
Impalcatura formata da tubi di metallo e assi di legno che si usa per opere edili di riparazione, pulitura e simili.

Una (parola) giapponese a Roma

Maòri
Voce indigena della Nuova Zelanda.
Anche màori.
Sostantivo maschile invariabile.
1. [anche femminile] Chi appartiene a una popolazione autoctona della Nuova Zelanda di stirpe polinesiana, con pelle chiara, cranio e viso allungati, alta statura.
2. La lingua, di ceppo polinesiano, parlata da tale popolazione.

Aggettivo.
Che si riferisce a tale popolazione: l’arte, la cultura maori.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice maòri, ma anche màori.

Storie ribollite

Termina la settimana in cui potevate indovinare la storia di Piero Fabbri, solo Giovanni Fracasso si aggiudica i due punti rispondendo correttamente.
Piero Fabbri 8
Mauro Cociglio 5
Giovanni Fracasso 4
chinalski 3
Marco Marcon 2
La risposta esatta è pubblicata qui sul sito, non troverete invece nessuna nuova storia ribollita poiché sono terminate le nostre scorte.
Ribollite storie, amici, ribollite storie.

[Invece potete anche non ribollire, trattandosi di un vecchio concorso che pubblichiamo sulla Parolata Ristampata, N.d.C.]

Annunci

R- Echeo, Intifada, Crumiro; Yokopoko

aprile 29, 2019

Echèo
Dal greco ìchêion, derivato di ìchoe- ‘suono, eco’.
Sostantivo maschile.
(archeologia) Vaso di rame che negli antichi teatri greci veniva collocato in apposite celle per amplificare la sonorità delle voci degli attori.

Una (parola) giapponese a Roma

Intifàda
Voce araba, propriamente ‘sollevazione, insurrezione’.
Sostantivo femminile invariabile.
Forma di lotta di massa organizzata dai palestinesi a partire dal 1987 nei territori occupati della Cisgiordania e di Gaza contro lo stato d’Israele, caratterizzata da atti di disobbedienza civile, manifestazioni illegali e uso di armi improprie.

Un etimo al giorno

Crumìro
Dal francese kroumir, che è dall’arabo Humair, nome di una tribù di predoni tunisini che assunse in Francia valore di ingiuria.
Aggettivo e sostantivo maschile.
(etnologia) Dei Crumiri.
Che, chi appartiene ai Crumiri, popolazione stanziata in Crumiria, regione occidentale della Tunisia, divenuta molto nota verso la seconda metà dell’Ottocento per scorrerie e atti di banditismo.

Sostantivo maschile.
1. (spregiativo) Chi rifiuta di partecipare a uno sciopero continuando il lavoro, o chi si presta a sostituire chi sciopera.
2. Piccolo biscotto di pastafrolla a forma di mezzaluna, tipico di Casale Monferrato.

Yokopoko Mayoko

Nel programma di Piero Angela l’esperto di alimentazione si chiama professor Cannella.

R- Ramanzina, Obtorto collo, Cannibale; Perle

aprile 26, 2019

Ramanzìna
Derivato di romanzo, con allusione alla lunghezza del rimprovero.
Anche, antiquato o popolare, romanzìna.
Sostantivo femminile.
Sgridata, lungo rimprovero d’intonazione morale, che ha soprattutto lo scopo di far ravvedere: dare, fare una bella ramanzina; prendersi una ramanzina.

Una (parola) giapponese a Roma

Obtorto collo [ob’tOrto’kOllo]
Locuzione latina; propriamente ‘con il collo (collo) storto (obtorto, participio passato di obtorquìre, composto di ob ‘contro’ e torquìre ‘torcere’)’. Espressione presente in alcuni autori latini, per esempio in Plauto e, nella forma obtorta gula, in Cicerone.
Locuzione avverbiale.
Contro la propria volontà, malvolentieri, sotto l’azione di costrizione: ha dovuto obtorto collo rimettersi alle decisioni della direzione.

Un etimo al giorno

Cannìbale
Dallo spagnolo caníbal, alterazione di Caribe, nome indigeno dei componenti di una popolazione delle Piccole Antille che si riteneva fosse antropofaga (secoli XV-XVI).
Sostantivo maschile.
1. Antropofago, chi si ciba di carne umana.
2. (figurato) Persona spietata, crudele; anche, distruttore, divoratore.

Perle dai porci

"Se vuoi avere una porzione della parola di Dio chiama il numero…"
Da un volantino con titolo "Dio ti ama".

Proposta da Emanuela Gastaldi.

R- Drusa, Essai; Appunto

aprile 24, 2019

Drùsa
Dal tedesco Druse ‘sedimento’.
Sostantivo femminile.
1. (mineralogia) Aggruppamento di cristalli impiantati sulle superfici più o meno pianeggianti delle fratture di una roccia (matrice della drusa).
2. (botanica) Ammasso di sostanze diverse (più spesso ossalato di calcio), che si trova sotto forma di cristalli nelle cellule di molte dicotiledoni, nel mesofilio fogliare, nelle cellule dei parenchimi, specialmente in quello dei raggi midollari, nelle cortecce ecc.

Una (parola) giapponese a Roma

Essai [e’sE]
Voce francese; propriamente ‘saggio’.
Sostantivo maschile.
Saggio, esperimento.
In particolare usata nella locuzione d’essai, riferita a film di particolare valore artistico, o sala cinematografica specializzata nella proiezione di film di questo tipo: pellicola, cinema, circuito d’essai.

L’appunto

Componènte
È sostantivo maschile e femminile nel senso di persona che fa parte di un gruppo organizzato avendo specifiche funzioni.
È sostantivo maschile, e raramente femminile, nel senso di sostanza che fa parte di un miscuglio, una lega, un composto.
È sostantivo solamente maschile nei linguaggi tecnici, con senso di elemento di una struttura complessa: ad esempio il componente sintattico di una lingua, i componenti di un vettore in matematica.

R- Beghina, Collotorto; Ballon d’essai; Perle

aprile 23, 2019

Parole a confronto

Beghina
Francese beguine, di etimologia discussa, forse di origine fiamminga.
Sostantivo femminile.
1. Religiosa di comunità cattoliche fondate nel XII secolo in Belgio, tra lo stato religioso e quello laico, senza una vera e propria regola monastica e pronunciando solo i voti di ubbidienza e castità, poi in parte assorbite dai movimenti francescano e domenicano.
2. Donna che vive in una comunità religiosa osservando i voti temporanei di castità e ubbidienza, attualmente presenti in Olanda e Belgio.
3. (spregiativo) Donna che ostenta una devozione puramente esteriore e formale, bigotta, bacchettona.

Collotòrto
Da collo torto ‘collo piegato’, perché gli ipocriti e i bacchettoni stanno col collo piegato per ostentare devozione.
Anche còllo tòrto.
Sostantivo maschile [plurale collitòrti o còlli tòrti].
1. Ipocrita, bacchettone, bigotto.
2. (zoologia) Uccelletto dei Piciformi a zampe brevi e collo mobilissimo, divoratore di insetti. Sinonimo: torcicollo.

Ricordiamo inoltre gli intramontabili bigotto, baciapile, tartufo e bacchettone, già proposti nella Parolata.

Una (parola) giapponese a Roma

Ballon d’essai [ba’lo de’se]
Voce francese, propriamente ‘pallone di prova (essai da essayer ‘assaggiare’)’, cioè ‘palloncino lanciato per saggiare la direzione del vento’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
Palloncino che si lanciava in aria, prima dell’ascensione d’un pallone aerostatico, per saggiare la direzione del vento.
(figurato) Nel linguaggio politico e giornalistico, notizia di un fatto ancora in discussione o solo possibile, comunicata come certa per saggiare le reazioni dell’opinione pubblica.

Perle dai porci

"Ma perché sei qui? Per uscire dall’anonimità?"
Sophia Loren alla tivvù.

Segnalata da Roberto Giai Meniet.