R- Polena; De cuius; Paesi; Retorica; Nomididire

gennaio 11, 2018

Polèna
Dal francese poulaine, tratto dalla locuzione francese (souliers à la) poulaine ‘(scarpe alla) polacca’, tipo di calzatura originaria della Polonia in uso nel medioevo, con punta lunga e ricurva che ricorda la prora di una nave.
Sostantivo femminile.
Figura o busto di legno che si poneva come ornamento sulla prora delle navi.

Una (parola) giapponese a Roma

De cuius [de’kujus]
Locuzione latina; abbreviazione della formula giuridica dì cuius (hereditate agitur) ‘(dell’eredità) del quale (si tratta)’. Locuzione sostantivale maschile invariabile.
(diritto) La persona dalla cui morte ha avuto corso la successione ereditaria.

Nomi di paesi, la parola

Corèa
Dal nome della penisola asiatica della Corea, con riferimento alle condizioni che in essa si vennero a creare durante la guerra del 1950-53.
Sostantivo femminile invariabile.
Periferia cittadina squallida e sovrappopolata.

Polena e corea di Marco Marcon, con la prima candidata alla parola strana.

La retorica per tutti

Dubitazióne
Voce dotta, latino dubitatione(m), da dubitare.
Sostantivo femminile.
(linguistica) Figura retorica che consiste nell’esprimere l’esitazione nel compiere una determinata scelta oppure l’incertezza sulla verità di ciò che si afferma: Fu vera gloria? Ai posteri / l’ardua sentenza (Manzoni).

Nomi di dire

Povero come Giobbe
Povero in canna, poverissimo. Deriva sempre dal Giobbe biblico, perché tra le prove che dovette sopportare ci fu anche la povertà.

Annunci

R- Boiardo, Limerick; Paesi; Nomididire; Perle

gennaio 10, 2018

Boiàrdo
Anche boiáro.
Russo bojar, di etimologia discussa: forse dall’aggettico turco antico bai ‘ricco’col suffisso persiano -ar, cioè ‘uomo ricco, nobile’.
Sostantivo maschile.
1. In epoca zarista, nobile russo o slano proprietaeio terriero.
2. (figurato, spregiativo) Alto dirigente, specialmente di un ente economico pubblico.

Una (parola) giapponese a Roma

Limerick [‘limerik]
Voce inglese; forse dal nome della città irlandese di Limerick.
Sostantivo maschile invariabile.
Filastrocca inglese di cinque versi, per lo più di contenuto deliberatamente assurdo, paradossale o salace.

Nomi di paesi, la parola

Carronàta
Da Carron, località della Scozia, dove questo cannone fu costruito per la prima volta.
Anche caronàta.
Sostantivo femmiinile.
Corto cannone in uso sulle navi da guerra a vela dei secoli XVIII e XIX.

Il nostro eroe Marco Marcon propone limerick e carronata.

Nomi di dire

Pazienza di Giobbe
La massima pazienza di cui un essere umano è capace. Deriva da Giobbe, personaggio del libro biblico omonimo, che nonostante fosse messo alla prova da numerose disgrazie sopportò tutto pazientemente e non perse la fede in Dio.

Di Marco Marcon.

Perle dai porci

"Pronto, pronto, qui abbiamo dei problemi con i telefono fissi. È da stamattina che triggheriamo…"

Sentita all’interno di una nota compagnia telefonica e proposta da Pino De Noia.


R- Parodia, Pro forma; Paesi; Retorica; La sai!

gennaio 9, 2018

Parodìa
Voce dotta, greco paroidía, composto di para- e oide ‘canto’.
Sostantivo femminile.
1. Versione caricaturale e burlesca di un’opera, un dramma, un film e simili, o di parti di essi: fare la parodia di una famosa canzone; mettere qualcuno in parodia.
2. (musica) Nella musica medievale e fino al XVII secolo, pratica di riutilizzazione e trasformazione di testi e melodie
preesistenti per la realizzazione di nuove composizioni; dopo il XVII secolo, deformazione di modelli stereotipati con intenti grotteschi.
3. (figurato) Persona, organismo e simili che rappresentano soltanto un’imitazione scadente e ridicola di quello che in realtà dovrebbero essere: una parodia di governo, di parlamento.

Una (parola) giapponese a Roma

Pro forma [prO’forma]
Locuzione del latino moderno; propriamente ‘per la forma’.
Locuzione aggettivale e avverbio.
Per pura formalità: rivolgere delle domande pro forma.
Fattura pro forma: provvisoria, usata per consentire di svolgere le pratiche burocratiche necessarie allo scambio effettivo.

Sostantivo maschile.
Formalità: l’esame è soltanto un pro forma.

Nomi di paesi, la parola

Colònia
Dal nome della città tedesca di Colonia, dove fu prodotta per la prima volta.
Sostantivo femminile.
Aspressione ellittica per acqua di colonia, profumo preparato con alcol ed essenze varie.

Patràsso
Alterazione della locuzione biblica ire ad patres ‘raggiungere gli antenati’, per incrocio con Patrasso, nome di una città della Grecia.
Sostantivo maschile.
Solo nelle locuzioni mandare, andare a patrasso: uccidere, morire e, per estensione, mandare, andare in rovina.

Parole di Marco Marcon.

La retorica per tutti

Disfemìsmo
Tratto da eufemismo, per sostituzione del prefisso eu- con dis-, dal greco dysphemein ‘dir male, oltraggiare’.
Sostantivo maschile.
(linguistica) Figura retorica che consiste nel sostituire, in modo spesso scherzoso, una parola con un’altra dotata all’origine di connotazione negativa, senza tuttavia attribuirle un tono offensivo (per esempio ‘i miei vecchi’ per ‘i miei genitori’).

La sai l’ultima!

Cosa fa un gallo in mezzo al mare?
Galleggia.

Di Marco Marcon, noto comico.


R- Siparietto, Paletot; Paesi; Nomididire; Frasi

gennaio 8, 2018

Sipariétto
Diminutivo di spiario.
Sostantivo maschile.
Leggero sipario supplementare usato fra un quadro e l’altro della rivista, durante le mutazioni di scena.
Stacco di intervallo tra programmi radiofonici o televisivi e (estensione) scenetta, battibecco: a cena moglie e marito ci hanno intrattenuti con i loro soliti siparietti.

Una (parola) giapponese a Roma

Paletot [pal’to]
Voce francese, dall’inglese medio paltok ‘giacca’.
Sostantivo maschile invariabile.
Cappotto, soprabito: il proprietario, che girava per la casa in paletot e sciarpa di lana, ci disse che non riscaldava perché costava (Soldati).
La voce francese, largamente diffusa in Italia sia nella sua forma originaria sia nell’adattamento fonetico paltò, ha avuto anche un adattam. parziale e più popolare in paletò: il poeta … si drappeggiava superbamente, come nel suo paletò spelato, nella dignità dell’arte, nel sacerdozio della penna (Verga).

Nomi di paesi, la parola

Transatlàntico
Composto di trans- e (oceano) Atlantico; nel secondo significato del palazzo per via dell’ampiezza del locale.
Aggettivo.
Che è situato al di là dell’Atlantico: paese transatlantico.
Che attraversa l’Atlantico: rotta transatlantica.

Sostantivo maschile.
1. Grande nave per passeggeri, lussuosa e veloce, utilizzata sulle rotte oceaniche.
2. (estensione) Nome con cui viene chiamato, nel palazzo di Montecitorio a Roma, il vasto corridoio da cui si accede alla camera dei deputati.

Finn
Voce inglese; propriamente ‘finlandese’.
Sostantivo maschile invariabile.
Barca a vela monoposto da regata.

Marco Marcon incamera altri due punti.

Nomi di dire

Mandare qualcuno da Erode a Pilato
(figurato) Da un luogo all’altro inutilmente. Dal racconto della passione di Cristo contenuto nel Vangelo, in cui si narra dei diversi giudizi che dovette sopportare Gesù senza che ciò cambiasse il risultato finale.

Proposta da Marco Marcon.

Frasi, non futilità

Che i libri nascano sempre da altri libri è una verità solo apparentemente in contraddizione con l’altra: che i libri nascano dalla vita pratica e dai rapporti tra gli uomini.
Italo Calvino


R- Girondino, Pastiche; Paesi; Libro; Perle

gennaio 5, 2018

Girondìno
Dal francese girondin, da Gironde ‘Gironda’.
Aggettivo e sostantivo maschile.
Appartenente al gruppo politico formatosi intorno ai deputati del dipartimento della Gironda, che durante la rivoluzione francese rappresentò l’ala moderata dell’Assemblea legislativa, in contrapposizione ai giacobini.

Una (parola) giapponese a Roma

Pastiche [pas’tiS]
Voce francese, propriamente ‘pasticcio’, dall’italiano pasticcio.
Sostantivo maschile.
Opera letteraria o artistica il cui autore ha imitato lo stile di altri autori, o vi si è ispirato.

Nomi di paesi, la parola

Toscanèlla
Derivato di toscano.
Sostantivo femminile.
Bottiglia da vino di circa un litro e mezzo, di forma simile al fiasco ma priva del tipico rivestimento di paglia.

Di Marco Marcon, e anche girondino.

Se questo è un libro

Simone Toniolo, oltre ad sostenere "Il profumo", propone.

— "In fuga" di Anne Michaels. Un romanzo che è sospeso tra la poesia e la prosa e racconta di persone che si ritrovano dopo essersi persi nei dolori della vita. —

Perle dai porci

"Che aiuto può venire all’acne dalle piante?"
"Diciamolo: l’acne è una bestia."

Un simpatico siparietto a una trasmissione medica sulla Rai.