R- Cicisbeo, Cupio dissolvi

settembre 15, 2020

Newsletter originale del 9/8/2005

Cicisbèo
Probabilmente dal francese chichebeau, tradotto in italiano come cece bello, detto come espressione vezzeggiativa, oppure dall’aggettivo chice ‘piccolo, piccino’, con il significato di bel piccino. Secondo alcuni voce onomatopeica.
Sostantivo maschile.
1. Figura caratteristica del secolo XVIII, detta anche cavalier servente, che aveva il compito di stare a fianco della dama per farle compagnia e per servirla in tutto ciò che potesse occorrerle durante la giornata.
2. (estension) Vagheggino, damerino, corteggiatore galante: fare il cicisbeo.
Colui che impiega il suo tempo a fare la corte alle donne.
3. (figurato) Specie di fiocco che nel secolo XVIII si portava alla spada, al ventaglio ecc.

Una (parola) giapponese a Roma

Cupio dissolvi [‘kupjo dis’solvi]
Locuzione del latino cristiano, che esprimeva la condizione dell’anima che anelava a confondersi in Cristo; propriamente ‘desidero (cupio) essere dissolto (dissolvi)’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
(letterario) Volontà di annullamento di sé, desiderio di non esistere.
Il motto è stato assunto a simbolo di aspirazione a una vita ascetica, di rinuncia alla propria personalità, e successivamente adattato anche ad accezioni e usi più laici e profani, esprimendo, a seconda dei casi, rifiuto dell’esistenza, desiderio di estenuazione, volontà masochistica di autodistruzione e simili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: