R- Latino, Grand-guignol; Uomini: Giobbe; Appunto; Perle

luglio 3, 2017

Latìno
Latino Latinu(m), derivato di Latium ‘Lazio’.
Aggettivo.
1. Dell’antico Lazio o degli antichi romani: la città latina di Albalonga; la lingua, la civiltà latina.
Che si riferisce alla lingua parlata e scritta dagli antichi romani: grammatica, sintassi latina; letteratura latina.
Croce latina: quella tradizionale, a bracci disuguali.
2. Delle civiltà e dei popoli neolatini: le nazioni latine.
America latina: la parte dell’America colonizzata da spagnoli e portoghesi.
3. Cattolico romano: chiesa latina; rito latino.
4. (antico) Italiano: dinne s’alcun Latino è tra costoro (Dante).
5. (antico) Chiaro, facile: sì che raffigurar m’è più latino (Dante).
6. Vela latina: (marina) vela triangolare di facile manovrabilità, inferita a un’antenna dal lato prodiero.

Sostantivo maschile.
1. Abitante dell’antico Lazio o dell’antica Roma.
2. Lingua indoeuropea del gruppo italico parlata dalle antiche popolazioni latine: latino arcaico, classico, volgare, tardo, cristiano, medievale.
Latino scientifico: il latino moderno usato nella terminologia e nella nomenclatura di varie scienze.
La lingua e la letteratura latina, in quanto disciplina di studio e materia d’insegnamento scolastico.
3. (antico) Linguaggio, modo di esprimersi: ma per chiare parole e con preciso / latin rispuose (Dante).
Capire, intendere il latino: (figurato) intendere ciò che è sottinteso.

Latinamente
Avverbio.
Secondo i costumi dei latini.
Secondo il modello e le norme della lingua latina; in latino.

Una (parola) giapponese a Roma

Grand-guignol [graNgi’NOl]
Voce francese; il genere prende il nome dal teatro parigino, fondato nel 1897 e rimasto attivo fino al 1912, in cui si davano rappresentazioni di questo genere.
Sostantivo maschile invariabile.
Genere teatrale in cui si rappresentano scene di delitti e orrori di ogni genere, con un realismo esasperato che fa scadere il tragico nel grottesco e nel ridicolo.

Granguignolésco
Anche grandguignolésco o granghignolésco.
Aggettivo.
Orribile, terrificante, truculento.

Uomini e parole

Giòbbe
Dal nome Giobbe, patriarca biblico.
Sostantivo maschile invariabile.
(raro) Uomo paziente nelle sofferenze, provato da improvvise sventure e disposto ad accettare ogni male come segno della divina volontà.
(estensione) Uomo paziente.

L’appunto

Le parole acme (fase culminante) e acne (irritazione della pelle) sono di genere femminile.

Perle dai porci

"Non sempre la semantica di queste sintassi è chiara."

In ufficio.
Dagli archivi di Maidirepigigierre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: