Dardo, Gel, Sol; Conchiglie

gennaio 20, 2016

Dàrdo
Dal francese dard, dal franco darodh.
Sostantivo maschile.
1. Arma da lanciare a mano o con l’arco, con la cerbottana o simili, costituita da un’asta di legno con punta di ferro, a differenz della freccia è senza impennatura.
(letterario e poetico) Sinonimo di freccia.
2. (figurato, per lo più al plurale)
Fulmine: Giove saettava i suoi dardi.
Raggio cocente del sole.
(poetico) Sguardo, specialmente di donna amata, che trafigge il cuore: oimè il dolce riso, onde uscìo ’l dardo Di che morte, altro bene omai non spero (Petrarca).
Dardi di Cupido: sguardi d’amore.
3. La parte ricurva e acuminata dell’amo da pesca, fornita di lembi taglienti.
4. La punta calda o luminosa o entrambe di una fiamma quando questa è ottenuta con efflusso sotto pressione di combustibile e comburente come, per esempio, nella fiamma ossidrica.
5. In arboricoltura, ramo a frutto, lungo circa 2 cm, liscio, terminato da una gemma differenziata a fiore subito dopo la sua formazione,
Dardo a mazzetto: quando le gemme sono più di una.
6. Dardo (di Giove): tipo di collegamento di travi in legno effettuato per sovrapposizione delle due parti e con l’ausilio di chiavette.

Una (parola) giapponese a Roma

Gel [dZel]
Voce inglese, da gel(atin).
Anche, non comune, gèlo.
Sostantivo maschile invariabile.
1. In chimica fisica, in contrapposizione a sol, la fase semisolida di un sistema colloidale nella quale il soluto costituisce la fase continua e il solvente la fase dispersa, e la cui formazione può avvenire per raffreddamento o evaporazione del sol, per aggiunta di elettroliti o, nel caso di sostanze macromolecolari, per imbibizione con un solvente.
2. In cosmetica vengono chiamati gel sia le sostanze colloidali usate per dare forma alla capigliatura e fissare la piega, sia prodotti cosmetici di consistenza gelatinosa: dentifricio in gel.
In farmacologia, prodotti sanitari di consistenza gelatinosa.

Sol [sol]
Voce inglese, da hydrosol, composto di hydro- ‘idro-‘ e sol(ution) ‘soluzione’.
Sostantivo maschile invariabile.
In chimica fisica, termine con cui viene indicato un sistema colloidale in cui la fase dispersa è solida mentre quella disperdente è, generalmente, liquida.

Per un pugno di conchiglie

Cinquantesimo libro, terzo indizio

Dal dottore nulla da fare: non posso non lavorare, è contro le regole, è troppo tardi. Brutta storia. In qualche modo poi, lavorando, arriva l’ora del pranzo. Pranzo, chiamiamolo così.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: