Sbiadito, Biavo, Catch; Conchiglie

dicembre 1, 2015

Sbiadìre
Derivato dell’aggettivo biado, forma antica di biavo ‘azzurro chiaro’, col prefisso s-.
Verbo intransitivo (io sbiadisco, tu sbiadisci ecc., ausiliare avere o essere).
1. Perdere la vivacità o l’intensità del colore, assumere una tonalità più chiara, più smorta e indecisa: l’azzurro è bello ma delicato, sbiadisce subito; non stendere la camicia al sole, se no sbiadisce.
Anche con la particella pronominale: la tovaglia si è sbiadita.
(figurato) Attenuarsi, diventare vago e nebuloso: il ricordo del loro amore è ormai sbiadito.
Non comune con la particella pronominale: tutto si sbiadiva, diventava semplice, comune, quasi volgare (De Roberto).

Verbo intransitivo e transitivo.
2. Far perdere la vivezza, la lucentezza del colore, rendere di tonalità più incerta e più chiara: la luce troppo viva sbiadisce le tinte; una vecchia fotografia che il tempo ha sbiadito; anche in senso figurato: gli anni hanno sbiadito i nostri ricordi.

Sbiadìto
Participio passato di sbiadire.
Aggettivo.
1. Detto di colore, che ha perduto la vivezza, la lucentezza, l’intensità originarie: verde, blu sbiadito.
(estensione) oggetto con colori sbiaditi: un vestito logoro e sbiadito.
2. (figurato) Che manca di vivacità, di personalità, di forza espressiva: un politico sbiadito; prosa sbiadita.

Sbiaditaménte
Avverbio.
In modo scialbo, privo di vivacità, di espressività: una vita sbiaditamente monotona.
(non comune) Pallidamente, in modo appena accennato: l’accento sbiaditamente veneziano dava un fascino deliziosissimo a quella […] parola (Capuana).

Biàvo
Dal provenzale blau, femminile blava, che è dal franco blāo ‘blu’.
Anche, antico, biado.
Aggettivo.
(letterario) Di un colore azzurro chiaro, sbiadito: nella bandiera biava Dipinta avea d’argento una corona (Berni).

Due (parole) giapponesi a Roma

Catch [katS]
Sostantivo inglese, derivato di (to) catch ‘cacciare’, calco dell’italiano caccia.
Sostantivo maschile invariabile.
(musica) Componimento musicale a più voci, di carattere umoristico, formalmente vicino alla caccia, componimento poetico in cui si rappresentavano con molta vivacità scene di caccia, idilli e scene di vario genere, e tipico dell’Inghilterra fin dal medioevo.

Catch [katS]
Sostantivo inglese, abbreviazione di catch-as-catch-can ‘prendi come puoi prendere’.
Sostantivo maschile invariabile.
(sport) Tipo di lotta libera americana, molto brutale e spesso praticata nell’acqua o nel fango, senza esclusione di alcuna specie di colpo; è dichiarato vincitore chi ha costretto l’avversario a terra con entrambe le spalle, a meno che questi non si dichiari vinto prima, battendo due volte le mani a terra o sull’avversario.

Per un pugno di conchiglie

Quarantasettesimo libro, secondo indizio

Durante il libro si capirà di che natura è il pericolo, anche se non si riuscirà a eliminarlo. Si tratta di un pericolo rivolto in generale verso il mondo, ma con una particolare predilezione verso una precisa nazione, che viene attaccata con maggiore frequenza e impeto. Ma non è così facile, infatti la cosa pericolosa arriva ad aiutare tre uomini in pericolo, oppure altri uomini in difficoltà. Forse non è così malvagia come si pensava all’inizio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: