Archive for luglio, 2015

R- Princisbecco, Sachertorte; Uomini; Rovinata

luglio 24, 2015

Princisbécco
Dal nome dell’inventore C. Pinchbeck (1670-1732), con accostamento per etimologia popolare a principe e becco.
Sostantivo maschile.
Lega di rame, stagno e zinco, simile d’aspetto all’oro e usato in sua sostituzione per la produzione di lamine, fili da ricamo e simili.
Detto di cosa che, nonostante la bella apparenza, è in realtà misera e priva di valore: questa non è vera gloria, è solo princisbecco.
Di princisbecco: falso; sceverare il vero dal falso, il grano dal loglio, la dama autentica dalla dama di princisbecco (Moretti).
Restare di princisbecco: di stucco, male o sorpreso; io rimasi, come si dice, di princisbecco (Nievo); il burattino, sentendosi dare questa sentenza fra capo e collo, rimase di princisbecco e voleva protestare (Collodi).

Una (parola) giapponese a Roma

Sachertorte
Voce tedesca, dal nome della famiglia austriaca proprietaria degli alberghi e ristoranti Sacher di Vienna, che l’ha proposta ai primi dell’800.
Sostantivo femminile invariabile.
(cucina) Torta tipica viennese a base di farina impastata con zucchero, uova e cioccolato fondente, farcita con un sottile strato di marmellata d’albicocca e ricoperta da una glassa di cioccolato fondente.

Uomini e parole

Princisbecco e sachertorte sono di Berilio Luzcech.

La parola rovinata

#### L’ANGOLO DER PIOTTA ####
ACCHIAPPARE
Afferrare qualcuno saldamente per il sedere.

Di Riccardo Lancioni.

Annunci

R- Bachelite, Es; Uomini: Luciferino; Rovinata

luglio 23, 2015

Bachelìte
Anche, meno corretto, bakelite.
Dal nome dell’inventore L. H. Baekeland (1863-1944).
Sostantivo femminile.
Nome commerciale di un gruppo di resine sintetiche, usate per la fabbricazione di oggetti stampati, e specialmente per interruttori, spine, isolatori elettrici ecc.

Una (parola) giapponese a Roma

Es
Tedesco, sostantivazione del pronome neutro di terza persona singolare (esso).
Sostantivo maschile invariabile.
(psicoanalisi) Parte della psiche da cui provengono i desideri istintivi o impulsi alla soddisfazione immediata dei bisogni primitivi. Sinonimo: id.

Uomini e parole

Luciferìno
Aggettivo.
1. (raro) Proprio di Lucifero, essere incorporeo di natura maligna e come tale potenzialmente assai pericoloso per l’umanità e il creato, Satana.
2. (figurato) Diabolico: malvagità luciferina.

Di Mauro Cociglio, mentre bachelite è di Marco Marcon.

La parola rovinata

FRAGORIFERO
Strumento che misura la propagazione delle esplosioni in ambienti freddi.

Di Riccardo Lancioni.

R- Fattispecie, Peyote; Uomini: Cafone, Berta; Rovinata

luglio 22, 2015

Fattispècie
Dalla locuzione latina facti specie(m) ‘apparenza del fatto’.
Sostantivo femminile.
1. (diritto) Situazione tipica definita in modo astratto e generale nella legge, e alla quale vengono collegate particolari conseguenze concrete: fattispecie penale.
2. Nella fattispecie: caso concreto, fatto particolare di cui si parla: nella fattispecie, le misure di sicurezza non furono osservate.

Una (parola) giapponese a Roma

Peyote [pe’jOte]
Anche peyotl
Voce spagnola di origine azteca.
Sostantivo maschile invariabile.
Nome di alcune cactacee, in particolare di quella nota anche come mescal: ha fusto carnoso, tondeggiante, leggermente concavo nella parte superiore, alto circa 8 cm e largo circa 5 cm, con solchi che delimitano delle areole, prive di spine, che producono ciuffi di peli biancastri; i fiori, bianchi o rosa, sono autofertili e producono molti semi. Dal fusto si ricava una droga, contenente diversi alcaloidi (tra i quali il più importante è la mescalina), indicata anch’essa come peyotl da alcune popolazioni di indiani, messicani e statunitensi che ne fanno un uso rituale.

Uomini e parole

Cafòne
Dal nome di un centurione romano (Cafo, I sec. a. C.), a cui sarebbero stati elargiti dei fondi nell’agro campano.
Sostantivo maschile.
1. (meridionale) Contadino.
2. (estensione) Persona villana, zotica, maleducata: comportarsi da cafone.

Aggettivo.
Che è maleducato, villano o che denota un gusto volgare: un individuo cafone; una cravatta cafona.

Bèrta
Dal nome proprio Berta, forse perché un tempo talmente comune da indicare una donna qualunque, di poco conto.
Sostantivo femminile.
(non comune) Burla, baia, scherno: dar la berta, schernire; mi sentii rivivere, diedi la berta ai medici, e rifiutai le loro insulse pozioni (Nievo).

Due parole proposte da Simona Brugnoni.

La parola rovinata

#### IL CANTUCCIO DELLA LOLLO (ovvero: "Questa è vecchia") ####

ABBONDANTEMENTE = Nella ex-capitale della Germania Ovest il sommo poeta autore della Divina Commedia sta negando la verità.

Di Riccardo Lancioni.

R- Mausoleo, Animus; Uomini: Pantaleone; Rovinata

luglio 21, 2015

Mausolèo
Dal latino mausolìu(m), che è dal greco Mausolêion, derivato di Máusolos (Mausolo), satrapo della Caria (secolo IV a.C.) che fece edificare per sé e la sua famiglia un monumento funebre grandioso, considerato una delle sette meraviglie del mondo.
Sostantivo maschile.
Grandioso sepolcro monumentale per persona illustre: mausoleo di Teodorico.
In similitudini e come termine di paragone, detto di edificio, mobile e simili dall’aspetto tetro e imponente: la nuova libreria è un vero mausoleo!; o di persona grossa e lenta nei movimenti: quel mausoleo di tua zia non riusciva a entrare nell’automobile.

Una (parola) giapponese a Roma

Animus
Latino, propriamente ‘animo’.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Intenzione, proposito, volontà consapevole, specialmente nel linguaggio giuridico.
Animus donandi, furandi, lucrandi: (diritto) intenzione di donare, di derubare, di lucrare.
2. (letterario) Stato d’animo. Carattere, indole, temperamento.

Uomini e parole

Pantaleone
Anche pantaleon, pantalon, pantalone.
Dal nome dell’inventore Pantaléon Hebenstreit.
Sostantivo maschile.
(musica) Strumento cordofono inventato in Francia sul finire del secolo XVII, che può essere considerato il precursore del pianoforte.

Mausoleo è di Simona Brugnoni, pantaleone di Marco Marcon.

La parola rovinata

#### IL DOTTOR SOTTILE ####

Buongiorno,
oggi vorrei focalizzare la vostra attenzione sulle seguenti due parole, fonte di innumerevoli equivoci:
IRREPERABILE = cosa o persona che non si riesce a trovare quando si vuole riparare.
IRREPARIBILE = cosa o persona che non si riesce a riparare quando si vuole trovare.

Di Riccardo Lancioni.

R- Improperio, Rhyton; Uomini; Perle; Rovinata

luglio 20, 2015

Impropèrio
Dal latino ecclesiastico improperiu(m), derivato del latino tardo improperare ‘rimproverare, rinfacciare’.
Sostantivo maschile.
1. Insulto, parola villana e ingiuriosa: coprire qualcuno d’improperi.
In qualche uso regionale, anche femminile: di’ insomma, a le mie spalle, tutte le improperie, tutte le infamie, tutti i vituperi che ti vengono in bocca (Pirandello).
2. (plurale, liturgico) Versetti che, prima della riforma liturgica del concilio Vaticano II, si cantavano il venerdì santo durante l’adorazione della croce, per esprimere i rimproveri del Signore al popolo ebraico, infedele, contrapponendo i benefici fatti da Dio al suo popolo alle sofferenze inflitte al Cristo nella Passione.

Una (parola) giapponese a Roma

Rhyton [ry’ton]
Anche ryton.
Sostantivo maschile invariabile.
(archeologia) Specia di bicchiere per vino, largo nella parte superiore, appuntito nella parte inferiore, spesso terminante con testa di animale, tipico dell’antica Grecia.

Uomini e parole

Brocàrdo
Anche broccàrdo.
Probabilmente dal nome del giurista Burchard di Worms (circa 965-1025), autore di una raccolta di diritto canonico.
Sostantivo maschile.
Ognuna delle regola generali di diritto enunciate dalla scuola dei glossatori di Bologna (secoli XII-XIII) che in alcune fonti appaiono come massime giuridiche espresse con precisa concisione, in altre invece contraddittorie e discutibili.

Tèmi
Anche tèmide.
Voce dotta, latino Themide(m), dal greco Themis, nome della dea greca della giustizia, di origine indiana.
Sostantivo femminile invariabile.
(letterario) Giustizia. Aule di temi, tribunale.

Brocardo e temi sono inviate da Berilio Luzcech.

Perle dai porci

“È importante conoscere gli animali, perchè così li impariamo ad amare.”

Licia Colò, su Raitre.

La parola rovinata

SCUOIATTOLO
Specie di roditore privo della caratteristica pelliccia fulva.

Di Riccardo Lancioni.