Archive for 17 luglio 2013

TRIVIO, TRIVIALE, CHINOIS; Paesi; Span

luglio 17, 2013

Parole a confronto

Trìvio
Dal latino triviu(m), composto di tri- ‘tri-‘ e via ‘via’.
Sostantivo maschile.
1. Luogo dove si uniscono o si incrociano tre vie.
Da trivio: (figurato) volgare, sguaiato: parole, maniere da trivio.
2. Nelle scuole medievali, le tre arti liberali (grammatica, retorica e dialettica) che costituivano, insieme con il quadrivio, gli studi di preparazione alla filosofia e alla teologia.

Triviàle
Dal latino triviale(m), derivato di trivium ‘trivio’; nel secondo significato, attraverso l’inglese trivial.
Aggettivo.
1. Da trivio; sguaiato, scurrile, volgare: gesto, parola triviale; una persona triviale.
2. (figurato, letterario) Ovvio, banale: soluzione triviale.
3. (antico) Si diceva di scuola medievale in cui si studiavano le arti cosiddette del trivio, e in generale di tutto ciò che riguardava queste.

Una (parola) giapponese da Perilli e Nomi di paesi, la parola

Chinois [Si’nwa]
Voce francese, propriamente ‘dalla Cina, cinese’, per la forma simile a quella di un copricapo cinese.
(gastronomia) Colino da cucina di forma conica a maglia metallica molto fitta.

Span translation – Traduzione a spanne

Ci scrive Vizi Coloniali.

— A proposito della traduzione a spanne, pare che abbia una certa diffusione tra i cultori delle scienze matematiche, fisiche, ecc. l’uso della parola triviale come sinonimo di banale (es. la soluzione triviale di un’equazione). Indubbiamente qualcuno l’userà con ironia traendo godimento dall’insolito accostamento, ma non mi stupirei se qualcuno invece lo usasse senza rendersi conto dell’errore. —

Confermiamo l’uso smodato di tale termine, che invece nei dizionari è indicato come "raro" o "letterario". Non si tratta di un errore vero e proprio, quindi, ma sicuramente è un uso della parola che non verrebbe compreso correttamente dalla maggioranza delle persone.