R- OSPITE, ANFITRIONE, MACHETE; Accento; Perle

giugno 20, 2013

Parole a confronto

Òspite
Dal latino hospite(m) ‘chi dà o riceve ospitalità’, di etimologia incerta.
Sostantivo.
1. Chi accoglie in casa propria una persona: un ospite accogliente.
2. La persona accolta in casa d’altri: avere ospite un amico; essere ospite di un amico.
Partirsene insalutato ospite: (letterario) senza prendere commiato da nessuno; (figurato) andare via, sparire senza darne notizia a nessuno.
Ospite d’onore: in uno spettacolo radiofonico o televisivo, artista di fama o personaggio importante che interviene con una partecipazione non di primo piano.
3. (raro) Straniero.
4. (biologia) Organismo a spese del quale un parassita vive.
Ospite intermedio: quello in cui un parassita si limita ad accrescersi o a raggiungere la maturità sessuale.
Ospite definitivo: quello in cui un parassita si riproduce.

Aggettivo.
1. Che ospita, che dà ospitalità: la famiglia, il paese ospite.
2. Che riceve ospitalità.
Squadra ospite: nel linguaggio sportivo, quella che disputa l’incontro sul campo di gioco della squadra avversaria.
3. (raro) Forestiero, straniero: in questo paese io sono ospite.

Anfitrióne
Dal nome del mitico re di Tirinto cui, nell’omonima commedia di Molière (1668), si attribuisce generosa ospitalità.
Sostantivo.
Padrone di casa e ospite generoso.

Una (parola) giapponese a Roma

Machete [pronuncia ma’tSete]
Voce spagnola; derivata di macho, nel significato di ‘maglio’.
Sostantivo maschile invariabile.
1. Grosso e pesante coltello a un solo taglio usato nell’America centromeridionale per la raccolta della canna da zucchero, per il diboscamento o come arma.
2. (musica) Strumento a corde, originario del Portogallo, usato specialmente per l’accompagnamento del fado.

L’accento, questo sconosciuto

Si dice pudìco, e non pùdico.

Perle dai porci

"… chiedo umilmente perdono per avere riportato erroneamente come proposta dal nobil’uomo Giovanni Fracasso la frase del maestro Alessandro Baricco."

Da “La parola rivelata” ristampata di qualche tempo fa.

Nobiluòmo
Anche, meno comune. nobil uomo.
Sostantivo maschile.

(antiquato) Titolo attribuito a un uomo di famiglia aristocratica, ma senza alcun titolo nobiliare specifico.

Perla infidamente ma simpaticamente (?) segnalata da Berilio Luzcech. Avendo oramai dato dimostrazione di grande autocritica riteniamo utile che i lettori smettano di segnalare errori della Parola rivelata stessa.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: