Archive for 22 novembre 2012

RIPA, RIPARELLA, SALCERELLA, RATTAN; Lettori

novembre 22, 2012

Parole a confronto

Riparèlla
Diminutiva di ripa, perché cresce sulle rive.
Sostantivo femminile.
Pianta che alligna lungo le rive dei corsi d’acqua; salcerella.

Rìpa
Latino ripa(m).
Sostantivo femminile.
1. (letterario) Riva, sponda erta che fiancheggia un corso d’acqua o cinge un lago: una pegola spessa, / che ‘nviscava la ripa d’ogne parte (Dante(
Uccelli di ripa: nel linguaggio venatorio, i palmipedi che stazionano lungo la riva del mare o di laghi, di stagni, di fiumi.
2. (letterario) Pendio, dirupo: In su l’estremità d’un’alta ripa / che facevan gran pietre rotte in cerchio (Dante).
3. (disusato) Riva, spiaggia di mare.

Riparèlla
Derivato di riparare.
Anche raperèlla.
Sostantivo femminile.
1. Tassello di pietra con cui si otturano fori nelle pietre lavorate.
2. (regionale) Dischetto forato di metallo, per guarnizione di bullone o perno, rondella.

Salcerèlla
Derivato di salce ‘salice’.
Sostantivo femminile.
Pianta erbacea perenne con foglie lanceolate e fiori color rosso vivo raccolti in pannocchie, comune nei luoghi paludosi.

Una (parola) giapponese a Roma

Rattan [rat’tan, ‘rattan]
Voce inglese, dal malese rotang.
Anche rotang [‘rotang].
Sostantivo maschile invariabile.
1. (botanica) nome di alcune palme rampicanti del genere Calamo e specialmente del Calamus rotang, dal fusto alto e sottile, fornito di uncini con cui si attaca agli alberi.
2. Legno di tali piante, usato per produrre mobili, bastoni e paglia di Vienna.

I lettori ci scrivono

Mauro ci scrive relativamente alla "cosca".

— A Torino era uso chiamare "coche" le conventicole di balordi di periferia, della più nota scrisse il Pietracqua nel suo romanzo "La coca del Gamber".
Il temine "coca" l’ho sentito usare ancora negli anni ’70, assieme ad altri termini gergali come "la lima" per la cravatta, "le fangose" per le scarpe e molti che ora mi sfuggono, ma credo attualmente sia andato totalmente in disuso. —