Archive for 26 ottobre 2010

CASALINA, FEEDBACK; Lettori; Animali di dire

ottobre 26, 2010

Casalìna
Derivato di casa, perché adoperata in casa oppure perché fatto di stoffa rozza, fatta in casa.
Sostantivo femminile.
Rozzo tessuto di cotone a righe, usato soprattutto per grembiuli femminili da massaia.

Una (parola) giapponese a Roma

Feedback [‘fidbEk]
Locuzione inglese; propriamente ‘alimentazione retroattiva’, composto di (to) feed ‘alimentare’ e back ‘indietro’.
Locuzione sostantivale maschile invariabile.
1. (tecnologia) Nei sistemi regolati automaticamente, ritorno di parte del segnale di uscita all’ingresso, in modo che l’unità di controllo del sistema possa individuare eventuali anomalie e correggerle. Sinonimi: retroazione, controreazione.
Il segnale stesso di ritorno.
(elettroacustica) Fenomeno di reazione tra un elemento microfonico e il riproduttore sonoro cui questo è applicato, come ad esempio quando un segnale audio rientra nei microfoni provocando un caratteristico fischio fastidioso.
2. (linguistica, psicologia) Effetto di reazione prodotto da un messaggio su chi lo ha emesso.
Verifica dell’efficacia di un messaggio.
3. (biologia) Regolazione di un processo biologico con l’attivazione o inibizione di un componente attivo da parte di uno dei prodotti del processo stesso.
4. (estensione) Effetto di retroattivo di un’azione o di un fenomeno: studiare il feedback negativo di una campagna pubblicitaria.

I lettori ci scrivono

Ci scrive Michele a proposito della perla:
– Il prossimo interrogatorio sarà importante?
– Sì, sarà la chiave di svolta delle indagini.

— Strana questa chiave, questo attrezzo metallico che – come vedo, consultando vocabolari – sembra derivare da claudĕre (chiudere) e quindi inizialmente legata al concetto di chiusura, anche se, ovviamente e per fortuna, è sempre servita anche per aprire. Ed è confortante constatare che nei vari significati traslati che il termine ha assunto nel tempo, prevalgono accezioni positive: mezzo per raggiungere un fine, per capire, svelare, risolvere; elemento centrale che tiene insieme un arco, un sistema, ecc. Insomma chiave si è un po’ riscattata; resta comunque una parola da maneggiare con cautela, girandola dalla parte giusta secondo lo scopo da raggiungere.
Chiusa la digressione un po’ strampalata e ritornando alla frase incriminata vorrei aggiungere che, oltre alla storpiatura dell’originale chiave di volta, l’espressione sembra ulteriormente disturbata da una inutile ripetizione dello stesso concetto poiché si può tranquillamente scegliere una di queste espressioni con lo stesso significato:
– Sì, sarà la chiave delle indagini (la chiave che risolve i quesiti posti dalle indagini);
– Sì, darà una svolta alle indagini (portandole ad una risoluzione).
Certo che, volendo fare gli avvocati d’ufficio, si può anche interpretare chiave di svolta come chiave che apre verso una svolta, o qualcosa del genere, ma è un arrampicarsi sugli specchi. —

Animali di dire

Latte di volpe
Pane e volpe
Con le locuzioni "avere bevuto latte di volpe" e "avere mangiato pane e volpe" si intende essere estremamente furbi.
In realtà la maggior parte delle volte le frasi sono utilizzate in modo sarcastico, con il significato opposto.
Derivano dalla credenza popolare, derivata probabilmente dalle favole di Esopo, che la volpe sia un animale di grande astuzia e dai mille trucchi.